Notizie

Archivio Notizie

Un milione di profughi di guerra. Ma dove?

Stampa

In Italia il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legislativo che recepisce la direttiva 2001/55/CE e mette l'Italia alla pari con gli altri stati membri dentro una strategia concordata che contempla misure necessarie in caso di afflusso massiccio di sfollati. Ma quale impatto migratorio avrà la guerra sull'Europa? Secondo il bollettino del programma "MigraCtion Europa" edito dal CeSPI, la pianificazione dell'Alto Commissariato per i Rifugiati si è basata finora su un target indicativo di 600.000 persone. Ma lo stoccaggio di cibo alle frontiere, avviato dal Programma alimentare mondiale (PAM), riguarda un numero ben più elevato di persone. A metà febbraio il vertice interagenzie delle Nazioni Unite faceva previsioni di 1,5-2 milioni di profughi, la maggioranza dei quali si riverserebbe sull'Iran, la Giordania e la Turchia. Come reagiranno i paesi confinanti? Soprattutto la Turchia, con la decisione di "invasione tecnica" nell'Iraq del nord per allestire strutture di accoglienza per gli sfollati, viola sostanzialmente il divieto di refoulement enunciato dall'articolo 33 della Convenzione di Ginevra. Il Comitato parlamentare Schengen-Europol-Immigrazione ha previsto che in Europa potrebbero giugere 1.200.000 profughi iracheni.

Ultime notizie

Allarme coste del Nord africa occidentale

31 Agosto 2015
Siccità, desertificazione, erosione dei terreni, salinizzazione, intrusione salina: fenomeni che creano un’emergenza ecologica incontenibile (Raoul Vecchio).

La Germania ed i rifugiati

30 Agosto 2015
Assieme alla Svezia è la nazione che ne ha accolto il maggior numero, ma cresce una vera e propria ondata xenofoba di matrice neonazista. (Clemens Behr)

Mauritania: 500.002 persone in schiavitù

29 Agosto 2015
Due leader del movimento non violento anti schiavitù sono stati condannati ingiustamente al carcere di Aleg, la Guantanamo dell’Africa. (Alessandro Graziadei)

Donald Trump, il populismo a stelle e strisce

28 Agosto 2015
Le primarie del partito repubblicano, popolate da più di una dozzina di aspiranti candidati, dimostrano una pericolosa inadeguatezza di parte della dirigenza americana (Lorenzo Piccoli)

Se Renzi va avanti a slogan

28 Agosto 2015
Finite le ferie il nostro giovane premier torna in scena sempre più simile a Berlusconi. Renzi infatti, al Meeting di Rimini, ha fatto un discorso completamente berlusconiano. Tranne che,...