Notizie

Archivio Notizie

Un milione di profughi di guerra. Ma dove?

Stampa

In Italia il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legislativo che recepisce la direttiva 2001/55/CE e mette l'Italia alla pari con gli altri stati membri dentro una strategia concordata che contempla misure necessarie in caso di afflusso massiccio di sfollati. Ma quale impatto migratorio avrà la guerra sull'Europa? Secondo il bollettino del programma "MigraCtion Europa" edito dal CeSPI, la pianificazione dell'Alto Commissariato per i Rifugiati si è basata finora su un target indicativo di 600.000 persone. Ma lo stoccaggio di cibo alle frontiere, avviato dal Programma alimentare mondiale (PAM), riguarda un numero ben più elevato di persone. A metà febbraio il vertice interagenzie delle Nazioni Unite faceva previsioni di 1,5-2 milioni di profughi, la maggioranza dei quali si riverserebbe sull'Iran, la Giordania e la Turchia. Come reagiranno i paesi confinanti? Soprattutto la Turchia, con la decisione di "invasione tecnica" nell'Iraq del nord per allestire strutture di accoglienza per gli sfollati, viola sostanzialmente il divieto di refoulement enunciato dall'articolo 33 della Convenzione di Ginevra. Il Comitato parlamentare Schengen-Europol-Immigrazione ha previsto che in Europa potrebbero giugere 1.200.000 profughi iracheni.

Ultime notizie

Serie A, un calcio che non vuole risolvere i suoi problemi

01 Settembre 2014
Dopo i fallimentari mondiali in Brasile, ieri è tornata la Serie A con un nuovo discusso presidente, Tavecchio, un nuovo CT, Conte, e gli stessi problemi di sempre. (Pasquale Mormile)

In Kosovo tutto bene? (II PARTE)

31 Agosto 2014
A distanza di 15 anni dalla fine della guerra, sguardi e riflessioni sul Kosovo durante una missione di osservazione per un progetto di cooperazione internazionale. II PARTE (Miriam Rossi)

In Kosovo tutto bene? (I PARTE)

30 Agosto 2014
A distanza di 15 anni dalla fine della guerra, sguardi e riflessioni sul Kosovo durante una missione di osservazione per un progetto di cooperazione internazionale. I PARTE (Miriam Rossi)

Chiapas: quattro passi nella selva a lezione di dignità

29 Agosto 2014
Esiste una via al turismo che non sia di impatto catastrofico sull’ambiente e sulle popolazioni locali? Il Chiapas, nel sud-est messicano, rappresenta in tal senso un caso esemplare. (Miche...

Unirsi per la pace

29 Agosto 2014
L’espansione dell’interazione  mediante i mezzi di comunicazione e trasporto con diritti e doveri ha creato vaste zone con minore violenza diretta. Ma senza equità: più disuguaglianza, più vio...