Notizie

Archivio Notizie

Un milione di profughi di guerra. Ma dove?

Stampa

In Italia il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legislativo che recepisce la direttiva 2001/55/CE e mette l'Italia alla pari con gli altri stati membri dentro una strategia concordata che contempla misure necessarie in caso di afflusso massiccio di sfollati. Ma quale impatto migratorio avrà la guerra sull'Europa? Secondo il bollettino del programma "MigraCtion Europa" edito dal CeSPI, la pianificazione dell'Alto Commissariato per i Rifugiati si è basata finora su un target indicativo di 600.000 persone. Ma lo stoccaggio di cibo alle frontiere, avviato dal Programma alimentare mondiale (PAM), riguarda un numero ben più elevato di persone. A metà febbraio il vertice interagenzie delle Nazioni Unite faceva previsioni di 1,5-2 milioni di profughi, la maggioranza dei quali si riverserebbe sull'Iran, la Giordania e la Turchia. Come reagiranno i paesi confinanti? Soprattutto la Turchia, con la decisione di "invasione tecnica" nell'Iraq del nord per allestire strutture di accoglienza per gli sfollati, viola sostanzialmente il divieto di refoulement enunciato dall'articolo 33 della Convenzione di Ginevra. Il Comitato parlamentare Schengen-Europol-Immigrazione ha previsto che in Europa potrebbero giugere 1.200.000 profughi iracheni.

Ultime notizie

A Srebrenica i caschi blu olandesi “sbagliarono”

29 Luglio 2014
A distanza di 19 anni dall’eccidio di Srebrenica, il Tribunale Internazionale dell’Aja ha riconosciuto l’Olanda civilmente responsabile della morte dei 300 uomini che furono allontanati dal compoun...

Florida: puma batte oil company 1 a 0 (fine primo tempo)

28 Luglio 2014
La Dan Hughes oil company ha annunciato l’abbandono del suo progetto di perforazione petrolifera su un’area di 115.000 acri. Salvi per ora i puma della Florida. (Alessandro Graziadei)

“Ce lo chiede l’Europa”: basta con il legno illegale

27 Luglio 2014
Secondo l’OCSE il giro d’affari legato ai traffici internazionali di legno illegale si aggira intorno ai 150 miliardi di dollari annui. E l’Italia ne approfitta… (Alessandro Graziadei)

Led, smartphone e verdura. Il futuro che (non) ci aspetta

26 Luglio 2014
Idee innovative e rivoluzionarie per supplire alle carenze alimentari, conoscitive e occupazionali delle nostre società. (Anna Molinari)

Thailandia, verso una svolta?

26 Luglio 2014
Dopo il colpo di Stato militare, del maggio scorso, il deposto primo ministro Yingluck Shinawatra ha lasciato il Paese, ufficialmente per motivi familiari. La popolazione, però, scommette su un suo...