Un milione di profughi di guerra. Ma dove?

Stampa

In Italia il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legislativo che recepisce la direttiva 2001/55/CE e mette l'Italia alla pari con gli altri stati membri dentro una strategia concordata che contempla misure necessarie in caso di afflusso massiccio di sfollati. Ma quale impatto migratorio avrà la guerra sull'Europa? Secondo il bollettino del programma "MigraCtion Europa" edito dal CeSPI, la pianificazione dell'Alto Commissariato per i Rifugiati si è basata finora su un target indicativo di 600.000 persone. Ma lo stoccaggio di cibo alle frontiere, avviato dal Programma alimentare mondiale (PAM), riguarda un numero ben più elevato di persone. A metà febbraio il vertice interagenzie delle Nazioni Unite faceva previsioni di 1,5-2 milioni di profughi, la maggioranza dei quali si riverserebbe sull'Iran, la Giordania e la Turchia. Come reagiranno i paesi confinanti? Soprattutto la Turchia, con la decisione di "invasione tecnica" nell'Iraq del nord per allestire strutture di accoglienza per gli sfollati, viola sostanzialmente il divieto di refoulement enunciato dall'articolo 33 della Convenzione di Ginevra. Il Comitato parlamentare Schengen-Europol-Immigrazione ha previsto che in Europa potrebbero giugere 1.200.000 profughi iracheni.

Ultime notizie

Immigrazione ed accoglienza

28 Aprile 2017
A conclusione della serie di articoli sull'immigrazione ed i vari aspetti che essa implica, parliamo delle novità (negative) contenute dalla legge Minniti, approvata velocemente nel segno dell’alla...

La sfida intelligente delle “Smart Cities”

28 Aprile 2017
Come migliorare la vivibilità delle città ed il benessere dei cittadini attraverso le nuove tecnologie e l’innovazione sociale. (Lia Curcio)

Messico, cronache dal Muro (e oltre)

27 Aprile 2017
Con l'arrivo di Trump tante situazioni hanno iniziato a cambiare radicalmente: tra di esse, quella dei migranti alla frontiera con il Messico. (Novella Benedetti)

Egitto - Arabia Saudita: ll business val bene un disgelo

27 Aprile 2017
Un riavvicinamento quasi d’obbligo: dopo il raffreddamento di relazioni che fino all’anno scorso sembravano solide, Il Cairo e Riyadh hanno aperto al dialogo suggellato ieri dalla visita di Stato d...

Attacco alle ong che salvano in mare, per Msf “accuse vergognose”

26 Aprile 2017
I “disonesti” sono coloro che soccorrono i più deboli (e spesso li salvano da morte certa). (Anna Toro)