Too big to feed. L’agricoltura nella rete delle multinazionali

Stampa

Immagine: Slowfood.it

Se il 2015 è stato l’anno delle mega-acquisizioni, il 2017 si avvia a lasciare un’eredità pesante nell’agroalimentare: oltre all’annunciato matrimonio tra Monsanto e Bayer, hanno fatto scalpore l’unione tra Agrium e Potash Corp. nel settore dei fertilizzanti, l’acquisizione di Whole Foods da parte di Amazon e l’offerta di Kraft-Heinz per Unilever.

Un report di IPES-Food, intitolato Too big to feed, accende i riflettori su una tendenza in atto da decenni. In ognuno dei cinque principali rami dell’industria agroalimentare (agrochimica, semi, farmaceutica per animali, genetica e macchinari agricoli), le quattro multinazionali più grandi controllano oltre il 50% del mercato.

È l’esito finale di una spinta alla creazione di oligopoli non solo più vasti ma anche più “ibridi”, con una compenetrazione crescente tra settori. Il 60% del business globale dei semi e il 75% delle vendite di pesticidi, in particolare, fanno capo alle cosiddette Big Six: Syngenta, Bayer, Basf, DuPont, Monsanto e Dow.

Cosa significa in concreto? Prima di tutto che il potere contrattuale delle aziende produttrici di sementi e fitofarmaci aumenta a dismisura, a scapito degli agricoltori. Senza contare i condizionamenti che i conglomerati esercitano sulla ricerca scientifica e la politica, come testimonia la vicenda dei Monsanto Papers.

Ma ci sono altri effetti indiretti da prendere in considerazione. L’agricoltura intensiva propugnata da questi giganti necessita infatti di forti input chimici. Anche in questo caso, c’è chi paga il conto per tutti: quest’anno per esempio la propagazione accidentale del dicamba, un erbicida simile al glifosato, ha portato negli Stati Uniti alla distruzione di circa il 4% delle coltivazioni di soia.

Per ridurre l’impatto ambientale dell’agricoltura occorre insomma ridurre la dipendenza dalle multinazionali. E l’agroecologia resta la via d’uscita più immediata.

Gaetano Pascale da Slowfood.it

Ultime notizie

Basta container alla bidonville di Marco

25 Febbraio 2018
«La bidonville di Marco è inaccettabile, basta container». Sono queste le dure parole di Vincenzo Passerini, presidente del CNCA del Trentino Alto Adige. (Stefano Bleggi)

Un'ora del tuo tempo vale come un'ora del mio?

24 Febbraio 2018
Viaggio all'interno delle banche del tempo, presenza capillare sul territorio nazionale, sono nate in Italia dall'intuizione di un gruppo di donne. (Novella Benedetti)

Droghe e narcotraffico in Ecuador: un flagello inarrestabile?

23 Febbraio 2018
Le sfide di un Governo intrappolato nel corridoio della produzione della cocaina e costretto a fare da spettatore impotente (Marco Grisenti)

Ancora troppi bambini armati

22 Febbraio 2018
Nella Giornata internazionale contro l'utilizzo dei bambini soldato, un rapporto descrive l’inferno sud sudanese, uno dei luoghi peggiori della terra per i minori, che continuano ad essere arruolat...

C’erano una volta i bambini della Siria…

22 Febbraio 2018
I bambini della Siria continuano a subire la guerra nel generale disinteresse per la protezione, la sicurezza e il loro benessere psicofisico. (Alessandro Graziadei)