Se gli “altri” sono semplicemente “nessuno”

Stampa

Foto: wikipedia

E’ molto interessante affrontare la questione “immigrazione” da un punto di vi­sta storico, provando ad analizzare la storia degli spostamenti umani di massa… “Quando le persone si muovono…” è il titolo di questa serie di articoli sull’immigrazione, quindi cominciamo da quando le persone si sono mosse…

Senza andare troppo indietro, per non dare l’idea di voler dare la colpa delle immigrazioni ai Fenici (abitanti del Libano di qualche migliaio di anni fa) o ai Greci o agli Egiziani o ai Romani o, altrove, ai Vichinghi…

Certo che se cominciamo almeno dalla scoperta dell’America, ci dovremmo sentire qualche piccolo rimorso di coscienza, visto che “noi europei” (in ordine sparso inglesi, francesi, spagnoli, italiani si sono contraddistinti in questo eso­do) abbiamo scoperto e creato gli Stati Uniti d’America, ma abbiamo anche “civilizzato” gli indiani pellerossa, abbiamo distrutto popoli come i Maya e gli Aztechi, distrutto o quasi gli indios centro- e sud-americani, per non parlare degli aborigeni australiani…

Andando in giro per il mondo, i neo-americani, tra il 1492 e il 1550 passa solo mezzo secolo, appunto intorno alla metà del sedicesimo, e per un periodo di trecento anni, fino al 1855, hanno deportato nel Nord-America oltre 11 milioni di africani, da sfruttare nelle piantagioni di cotone, o nelle miniere, o nella corsa all’oro ed al servizio totale dei bianchi. Da questo “movimento” è nato il vocabolo “negrieri”, che erano coloro che portavano sulle loro imbarca­zioni i “negri”, prelevati sulle coste atlantiche africane, fino ai porti dell’Atlanti­co nordamericano…

Tra il 1849 e il 1855 si tiene a Berlino una importante Conferenza sul Congo, a cui partecipano personaggi del livello di Otto von Bismarck. Il titolo di questo incontro parla del Congo, ma in realtà la nuova politica, che si aprirà con l’affi­damento di questo paese al re del Belgio, segna di fatto, l’inizio della “colo­nizzazione” europea, con la presa di sovranità di intere nazioni, considerate “di nessuno”, come se i loro abitanti fossero “nessuno”.

Si vede così la corsa all’accaparramento dei territori da parte dei francesi nel nord-Africa, nell’Africa Occidentale e Centrale, ma anche Gibuti, enclave fran­cofona nel Corno d’Africa, e parte della Tanzania, lasciata poi a tedeschi ed in­glesi. Abbiamo poi l’Africa sub-sahariana a sud dell’Egitto, dominata dagli in­glesi nel Sudan (una volta denominato “anglo-egiziano”), e a sud nell’Uganda ed in altre aree. Il Belgio ha posseduto e sfruttato il Congo fino agli anni ‘60. Il Portogallo ha tenuto Angola, Guinea Bissau, Capo Verde e Mozambico, mentre i “Boeri” olandesi hanno dominato il Sud Africa con la politica dell’”apartheid”.

L’Italia, che in parte si è distinta per una colonizzazione “morbida” ed educatri­ce, ha dominato l’area ad est del Sudan: Eritrea, Etiopia e Somalia, in cui ha lasciato qualcosa di buono (costruzioni, dighe, ferrovie) e molta cultura.

Poi siamo andati in “missione di pace” in Somalia, negli anni ‘90, ed abbiamo fatto quello che non avevamo fatto di male prima, ma questo non fa più parte del colonialismo, anche se spiega molte cose...

Nella maggioranza dei casi, negli anni tra il 1948 e il 1960, gli eserciti europei se ne sono tornati in Europa ed ai popoli africani è stata lasciata la possibilità di eleggere governi autonomi e darsi un’indipendenza.

Forse per un eccesso di democrazia, più probabilmente per salvare gli interessi economici di ogni singolo paese colonizzatore, si sono volute imporre leggi e regolamentazioni di tipo occidentale, adatte all’Europa ed ai suoi “mercati” ma sicuramente molto meno ai paesi che mai avevano avuto la democrazia, alme­no nel senso che intendiamo noi europei. Si sono quindi preparati, soprattutto in Europa, personaggi “politici” che, dopo una formazione umanistica e politica di tipo occidentale, ma non sociologica e soprattutto non aderente alle realtà locali, sono stati spinti al potere con appoggi economici di ogni genere e, quan­do non bastava, con appoggi militari come quello francese in Algeria, e quello belga in Congo (con l’aiuto anche italiano, se ricordiamo i caduti di Kindu).

Al potere della colonizzazione civile e militare si è sostituito il potere della colonizzazione economica e della corruzione generalizzata al fine di favorire sempre le economie dei paesi che si autodefiniscono “ex-colonizzatori”.

Può far bene ricordare agli italiani che lo abbiano dimenticato (abbiamo noto­riamente memoria cortissima per quanto riguarda la politica italiana, figuria­moci di quella internazionale!) la cacciata degli italiani dalla Libia alla fine degli anni ‘60 e successivi.

Se aggiungiamo i comportamenti pieni di arroganza tipicamente occidentale di alcune ONG, i cui rappresentanti guadagnano cifre da capogiro e danno esempi quanto meno assai poco edificanti in rapporto all’ambiente ed alle tradizioni in cui vivono, ecco che si giustificano le espulsioni richieste ormai da molti paesi di queste organizzazioni.

Un esempio per tutti. L’Uganda, ma non solo, si sta ribellando a FAO (Food and Agriculture Organization) e WFP (World Food Programme), che lavorano en­trambe sotto l’egida dell’ONU, perché le continue “donazioni” di riso e grano e zucchero sono diventate una “concorrenza sleale” nei confronti degli agricoltori che lavorano i terreni e producono questi prodotti a prezzi commerciali e non li possono vendere.

La lungimiranza politica ed economica non fa parte del corredo della classe dirigente che governa oggi il mondo.

Paolo Merlo

Nato a Roma, ma spezzino di adozione, cresciuto in giro per l’Italia, informatico della prima ora nelle maggiori aziende multinazionali (Olivetti, HP, Canon) e poi imprendito­re e manager. Da oltre 10 anni “volontario a tempo pieno” lavora con diverse associa­zioni per la creazione di “computer rooms” e la formazione degli insegnanti nelle scuo­le superiori in Africa: Sud Sudan, Uganda, Centro Africa, Burkina Faso, Congo RDC e altrove ancora… Collabora come freelance a RadioIncontri InBlu e con diverse testate on-line.

Ultime notizie

Guacamole dal sapore amaro…

28 Febbraio 2017
Il lato oscuro della filiera degli avocado (Anna Molinari)

Quelli che ritornano

27 Febbraio 2017
Le strade delle migrazioni non sono a senso unico, ma problemi burocratici ed economici rallentano la prospettiva di un ritorno. (Lia Curcio)

"Oltre le sbarre": la trattoria del carcere minorile di Bologna

26 Febbraio 2017
Quattro giovani detenuti guidati da uno chef per dare corpo al nuovo progetto del carcere del Pratello. (Ambra Notari) 

Serbia, Kosovo, Trentino: si parte dalle piccole comunità locali

25 Febbraio 2017
Dalla cooperazione di comunità alle economie nazionali: nuovi scenari per uno sviluppo (diverso) possibile (Novella Benedetti)

Da dove vengono? Perché? Chi li “porta”?

24 Febbraio 2017
“Siamo stati scelti dal villaggio per andare a cercare la salvezza e la fortuna altrove, o perché ci sono già i nostri parenti emigrati in Europa. Nel nostro paese non si può vivere…”. Queste parol...