San Valentino, niente fiori e cioccolatini, regalate rispetto alle donne

Stampa

Non fiori e cioccolatini, ma One Billion Rising, un ballo collettivo in tutto il mondo come testimonianza dell'impegno e della volontà profonda di fermare con ogni mezzo culturale, legale e civile la violenza sulle donne e sulle bambine. Un messaggio, quello della campagna ideata da Eve Ensler in programma per il quarto anno, quanto mai di attualità in Italia dove gli episodi di violenza domestica e contro le donne stanno diventando una drammatica quotidianità.

One Billion Rising Revolution, la più grande manifestazione di massa che spinge oltre un miliardo di persone a danzare e manifestare la volontà di cambiamento, scegliendo l'arte, la musica e la poesia come segno di sfida e di celebrazione, è ormai un movimento globale, una rivoluzione ''che comincia dal corpo, è spontaneità e rumore, energia, ritmo di tamburi, per trasformare il dolore in potere, per affermare che ogni donna ha il diritto di vivere e decidere del proprio corpo e del proprio destino'', dicono gli organizzatori.

Iniziata nel 2013 è nata da un'idea della scrittrice statunitense Eve Ensler, fondatrice del movimento V-Day e autrice de I monologhi della vagina, partendo dalla sconvolgente statistica delle Nazioni Unite che stimano che 1 donna su 3 sul pianeta sarà picchiata o stuprata nel corso della vita. Questo significa un miliardo di donne e bambine. Dopo l'exploit del 2013, nel 2014 e nel 2015 One Billion Rising ha continuato la sua battaglia con un'adesione crescente a livello globale, aprendo un nuovo dibattito sui diritti, il razzismo, le disuguaglianze economiche e le guerre dichiarate sui corpi delle donne in tutto il mondo.

Il 14 febbraio 2016 sarà il giorno del quarto appuntamento in tutto il mondo, In Italia l'attenzione si concentrerà sulle donne che vivono una condizione di paura ed emarginazione come le donne migranti, che costrette ad abbandonare il loro paese per sfuggire a guerre e condizioni di vita inaccettabili, subiscono violenza fisica e psicologica durante i loro lunghi e dolorosi spostamenti. Tanti gli eventi che animeranno questa giornata di festa e di impegno in tutto il territorio nazionale. Cortei, concerti, flash mob, danze, spettacoli, proiezioni e canti si susseguiranno in tutte le regioni italiane, da Trieste a Palermo, da Trento a Sassari da Galatina a Rimini, idealmente unite in un corpo unico, in un'unica voce potente ma gentile, che il 14 febbraio prenderà vita tra le strade del mondo intero.

Da Ansa.it

Ultime notizie

Breve storia di chi ha perso il voto negli USA

23 Febbraio 2017
Alcune leggi americane, varate dopo la Guerra civile e di impronta razzista, impediscono a molti cittadini di votare. Con esiti tutt’altro che democratici. (Lorenzo Piccoli)

A scuola senza…

22 Febbraio 2017
… senza libri, senza quaderni, senza compiti. Funzionerà? (Anna Molinari)

In Congo le vittime del nostro benessere

21 Febbraio 2017
Sfruttamento, violenza e morte si celano dietro l’estrazione del coltan in Repubblica Democratica del Congo. (Miriam Rossi)

Berdimuhamedov è presidente per la terza volta. Rimangono povertà e repressione

21 Febbraio 2017
Il presidente 59enne ha ricevuto il 97,69% delle preferenze e ha rinnovato il proprio mandato per sette anni in Turkmenistan. Secondo l’indice mondiale per la libertà di stampa a cura di Reporters...

Agenda Onu 2030: abbasso la guerra

20 Febbraio 2017
Dopo gli imponenti movimenti giovanili del 1968-69 e dei primi anni ‘70, che portarono alla fine della guerra in Vietnam e alla sconfitta degli Usa, i reazionari di tutto il mondo hanno preso il so...