Rete Disarmo e OPAL: “Positivi passi dell’Amministrazione di Vicenza su HIT Show”

Stampa

Un minore maneggia le armi esposte alla fiera HIT Show - Foto: G. Beretta

La Rete Italiana per il Disarmo (RID) e l’Osservatorio Permanente sulle Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e di Difesa (OPAL) di Brescia considerano positiva la decisione comunicata loro con Atto protocollato del Comune di Vicenza giovedì 11 febbraio u.s., dall’Assessora alle Comunità e alle Famiglie, Isabella Sala, di farsi promotrice di diverse istanze da loro espresse riguardo alla manifestazione fieristica HIT Show (Hunting, Individual protection and Target Sports) che dallo scorso anno si tiene presso la Fiera di Vicenza

I due organismi, assieme a diverse associazioni vicentine, già nei mesi scorsi segnalando diverse criticità della manifestazione fieristica avevano chiesto all’Amministrazione comunale di promuovere, a partire dall’edizione che si conclude oggi (lunedì 15 febbraio) un percorso per giungere a definire un Codice di autoregolamentazione di HIT Show che prevedesse, tra l’altro, il divieto per i minori di accedere, anche se accompagnati, ai padiglioni dove sono esposte armi da fuoco e di organizzare nei giorni della fiera un convegno sui temi che riguardano la promozione delle armi (produzione e commercializzazione, nazionale e internazionale, trasparenza del settore, saloni fieristici nell’Unione europea, ecc.) in relazione alla crescente diffusione delle medesime, anche nel nostro Paese, e alla sicurezza pubblica.
 
I due organismi ritengono che HIT Show, esponendo in un unico evento fieristico armi per la difesa personale insieme a quelle per le attività venatorie, per il tiro sportivo e per il collezionismo e consentendo l’accesso al pubblico senza restrizioni di età, stia facendo, consapevolmente o meno, un’operazione di tipo ideologico che si configura come una promozione delle armi di ogni tipo (escluse quelle per specifico impiego militare) a favore della loro diffusione. Una promozione che, anche in considerazione della crescente tendenza a rispondere con le armi a fronte di furti e reati alla proprietà, i due organismi considerano inammissibile se non associata ad una rigorosa autoregolamentazione da parte della Fiera e ad un’approfondita riflessione culturale.

In risposta alle richieste dei due organismi, venerdì scorso l’Assessora Sala ha comunicato che “in seguito al confronto avuto durante l’anno con le associazioni impegnate sui temi della pace e del disarmo, l’Amministrazione Comunale si fa promotrice presso Fiera di Vicenza dell’opportunità della predisposizione di un codice di responsabilità sociale relativo all’evento Hit per l’edizione 2017, da condividere con i diversi portatori di interesse in una interlocuzione costruttiva che coinvolga le associazioni impegnate sul tema del controllo delle armi”. 
 
“Sempre in accordo e collaborazione con le associazioni – afferma la nota dell’Assessore – promuoveremo un incontro di approfondimento nella prossima primavera che porti all’attenzione del pubblico dati e aspetti che riguardano la produzione e la diffusione delle armi a livello nazionale e internazionale con una attenzione particolare per ciò che riguarda la sicurezza pubblica”.

Per quanto riguarda i minori – conclude l’Assessore Sala – apprezzando l’attenzione di Fiera di Vicenza che stabilisce in un regolamento del visitatore che i minori non possano maneggiare le armi, riteniamo che all’interno del codice di responsabilità sociale sia possibile ragionare ulteriormente su questo aspetto, compatibilmente con l’impostazione logistica del salone e tutti i possibili accorgimenti organizzativi. Ci confronteremo a breve con Fiera su questi temi e siamo sempre aperti al dialogo con le associazioni e tutti i cittadini impegnati sui temi della pace”.

Rete Italiana per il Disarmo e Osservatorio OPAL di  Brescia, pur rammaricandosi per il ritardo della risposta da parte dell’Amministrazione comunale, esprimono apprezzamento per la decisione comunicata dall’Assessore Isabella Sala e manifestano la disponibilità a offrire il proprio contributo sia per la definizione di un Codice di responsabilità da parte della Fiera sia per contribuire ad organizzare il succitato convegno e a fare in modo che le prossime edizioni di HIT Show siano aperte da simili convegni organizzati e promossi dalla Giunta cittadina in dialogo con le rappresentanze della società civile e della Fiera.

Rete Italiana per il Disarmo e Osservatorio OPAL di Brescia ritengono questo percorso di fondamentale importanza per promuovere anche nei giorni del salone fieristico HIT Show la “cultura della pace e dei diritti umani mediante iniziative culturali e di ricerca, di educazione e di informazione e con il sostegno alle associazioni, che promuovono la solidarietà con le persone e con le popolazioni più povere” definita dallo Statuto del Comune di Vicenza (Art. 2).

Il ruolo che l'Amministrazione comunale vicentina può esercitare sui promotori della fiera HIT Show non è marginale in quanto il Comune di Vicenza detiene il 32,11% delle azioni di Fiera di Vicenza SpA; una medesima quota appartiene alla Provincia di Vicenza (attualmente presieduta dal sindaco di Vicenza, Achille Variati) e un altro 32,11% delle azioni è di proprietà della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Vicenza. [G.B.]

Ultime notizie

Basta container alla bidonville di Marco

25 Febbraio 2018
«La bidonville di Marco è inaccettabile, basta container». Sono queste le dure parole di Vincenzo Passerini, presidente del CNCA del Trentino Alto Adige. (Stefano Bleggi)

Un'ora del tuo tempo vale come un'ora del mio?

24 Febbraio 2018
Viaggio all'interno delle banche del tempo, presenza capillare sul territorio nazionale, sono nate in Italia dall'intuizione di un gruppo di donne. (Novella Benedetti)

Droghe e narcotraffico in Ecuador: un flagello inarrestabile?

23 Febbraio 2018
Le sfide di un Governo intrappolato nel corridoio della produzione della cocaina e costretto a fare da spettatore impotente (Marco Grisenti)

Ancora troppi bambini armati

22 Febbraio 2018
Nella Giornata internazionale contro l'utilizzo dei bambini soldato, un rapporto descrive l’inferno sud sudanese, uno dei luoghi peggiori della terra per i minori, che continuano ad essere arruolat...

C’erano una volta i bambini della Siria…

22 Febbraio 2018
I bambini della Siria continuano a subire la guerra nel generale disinteresse per la protezione, la sicurezza e il loro benessere psicofisico. (Alessandro Graziadei)