Rete Disarmo chiede al governo di riaprire il dialogo sull’export di armi

Stampa

Le esportazioni di armi italiane secondo il Registro Onu: i dati sono ampiamente carenti

La Rete Italiana per il Disarmo ha inviato ieri una lettera formale alla Presidenza del Consiglio per chiedere che venga resa nota al più presto la Relazione annuale sulle esportazioni italiane di sistemi militari e affinché il governo riprenda il confronto con le associazioni della società civile che da anni svolgono un’attenta azione di monitoraggio sulla materia.

 “La pubblicazione della Relazione è in forte ritardo” – afferma Francesco Vignarca, coordinatore della Rete disarmo. “Ai sensi della legge 185/1990 che regolamenta la materia avrebbe infatti dovuto essere reso nota entro il 31 marzo dal governo Monti in carica per gli affari correnti. A questo punto, la responsabilità della pubblicazione della Relazione, completa di tutte le sue parti, e dell’invio al Parlamento spetta al governo Letta al quale chiediamo di rendere subito noto il più sintetico ‘Rapporto sui lineamenti di politica del Governo in materia di esportazione dei materiali d’armamento’ (qui i precedenti) e di riprendere al più presto il confronto con le nostre associazioni” – aggiunge Vignarca.

In questo contesto, la Rete Italiana per il Disarmo ritiene legittimo un ritardo nella pubblicazione se è giustificato dal fatto che il governo Letta ha inteso apportare alla Relazione già predisposta dal governo Monti le necessarie integrazioni per adeguarla alle recenti modifiche della normativa e, soprattutto, per ripristinare la completa informazione che negli anni della precedente legislatura è stata fortemente compromessa su diversi aspetti e per apportare i necessari cambiamenti migliorativi per rendere la materia più trasparente e idonea ad un controllo del Parlamento e delle associazioni della società civile.

Attese e preoccupazioni

Le attese e le preoccupazioni della Rete Disarmo – che raduna oltre 30 associazioni della società civile - sono molteplici. A fronte di un volume di affari in crescita (nel 2011 le autorizzazioni all’esportazione hanno superato i 3 miliardi di euro di cui oltre 2 miliardi, il 67%, sono state dirette a paesi ad di fuori delle alleanze UE e Nato a cui vanno sommati gli oltre 2,2, miliardi per i Programmi Intergovernativi), la Relazione resa nota lo scorso anno dal Governo Monti è risultata mancante di numerose informazioni di primaria importanza per poter valutare la conformità dell’attività del governo al dettato legislativo. Innanzitutto non è stata resa nota la Tabella che dettagliava le autorizzazioni all’esportazione ad ogni singolo paese destinatario per ammontare e tipologia di sistemi militari (cioè la Tabella 15 – si veda quella del 2010, qui in .pdf) Inoltre è risultato mancante anche l’Allegato che da per diversi anni ha riportato “l’Elenco dei Paesi ritenuti dall’ONU responsabili di gravi violazioni dei diritti umani o che destano preoccupazione sotto tale profilo” (Si veda un esempio qui: Allegato C - in.pdf).

“Inoltre – sottolinea Giorgio Beretta, analista della Rete Disarmo – lo scorso anno è risultato ancora mancante dalla sezione della Relazione curata dal Ministero dell’Economia e della Finanze (Dipartimento del Tesoro) l’importante “Riepilogo in dettaglio suddiviso per Istituti di Credito”. Un elenco che manca dalle Relazioni dall’avvento dell’ultimo governo Berlusconi, ma che è indispensabile per conoscere i dettagli delle singole operazioni di incassi per esportazioni di armamenti autorizzate agli istituti di credito, tra cui i compensi di intermediazione. A fronte di indagini per corruzione che hanno investito l’esportazione di armamenti negli ultimi anni (come il recente caso dei 12 elicotteri Agusta all’India) chiediamo che il governo Letta ripristini quell’elenco presente nelle Relazioni ministeriali fin dai tempi dei governi Andreotti: un elenco indispensabile anche per valutare l’effettiva applicazione delle direttive che numerosi Istituti di credito hanno messo in atto su pressione delle campagne della società civile” – conclude Beretta.

Anomalie nelle cifre governative

Rete Italiana per il Disarmo chiede inoltre al Governo di fare chiarezza su diverse altre anomalie che riguardano le esportazioni italiane di armamenti. Le cifre che l’Italia ha comunicato all’Unione Europea per esportazioni di armamenti (cioè per le consegne realmente effettuate) negli ultimi due anni sono ampiamente differenti rispetto a quelle riportate nelle Relazioni inviate al Parlamento italiano.

“Abbiamo ripetutamente segnalato in modo formale queste anomalie al governo Monti che però non ha mai ritenuto di darci risposta” – dichiara ancora Francesco Vignarca. “Anche per questo chiediamo al governo Letta di riprendere subito il dialogo con le nostre associazioni: un dialogo istituzionale che è iniziato proprio con Enrico Letta quando, durante l’ultimo governo Prodi, ha ricoperto la carica di Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio. E che per suo impulso è stato formalizzato nel Rapporto annuale della Presidenza del Consiglio con la finalità di favorire una più puntuale e trasparente informazione sui temi riguardanti l’esportazione di armamenti” – aggiunge Vignarca.

Le preoccupazioni della Rete Disarmo riguardo alla Relazione sono particolarmente significative in quanto lo scorso anno il governo Monti con un decreto legislativo ha modificato la legge 185 che dal 1990 regolamenta l’esportazione dei materiali di armamento. La modifica si era resa necessaria per recepire una Direttiva europea che “semplifica le modalità e le condizioni dei trasferimenti all'interno delle Comunità di prodotti per la difesa”. “Ma non è ancora chiaro - nota Emilio Emmolo, ricercatore di Archivio Disarmo – quali materiali di armamento sono stati fatti rientrare in questa categoria e, soprattutto, come verranno riportati nella Relazione governativa”.

Necessità di un confronto parlamentare

La Rete Italiana per il Disarmo chiede inoltre al Parlamento di esaminare e discutere nelle commissioni competenti la relazione governativa. “Senza l’attento esame del Parlamento – evidenzia Maurizio Simoncelli, vicepresidente di Archivio Disarmo – la Relazione diventa un mero atto burocratico e viene a mancare un necessario controllo sull’esportazione di materiali d’armamento da parte dell’organo che è titolato a farlo. Riteniamo grave che da diversi anni le competenti commissioni parlamentari abbiano rinunciato ad esaminare questa relazione che è di fondamentale importanza per valutare anche la politica estera e di sicurezza del nostro paese”. La presentazione dei dati potrebbe inoltre fornire occasione per discutere una attuale problematica di applicazione della nostra legge sull’export armato. “Sarebbe infatti ormai opportuno, alla luce di quanto dichiarato nelle Relazioni precedenti e della recente normativa internazionale dell'ATT, che nella Relazione fossero documentate con criteri analoghi ai materiali militari anche le forniture all'estero di armi leggere ad uso civile" – conclude Simoncelli.

La Rete italiana Disarmo ha già manifestato ai parlamentari di tutti gli schieramenti la propria disponibilità a fornire tutte le informazioni elaborate in questi anni sulle esportazioni di armamenti italiani e per esaminare attentamente la legislazione nazionale e le normative europee in questa materia. Dalle modalità con cui il governo Letta presenterà la Relazione e dalle aperture che dimostrerà nei confronti delle associazioni della società civile si capirà in che direzione e con quali attenzioni il governo intenderà operare in questa delicata materia. [GB]

Ultime notizie

Hate speech online: quando i “troll” siamo noi

29 Settembre 2016
Il livello del linguaggio che spopola sui social network è sempre più basso e istiga all’odio, alla violenza e al dileggio soprattutto dei deboli e dei “diversi”. (Anna Toro)

Onu: è possibile una governance globale?

28 Settembre 2016
Tra il 20 e il 26 settembre si è svolto il dibattito generale alla 71° sessione dell’Assemblea Generale dell’ONU. (Miriam Rossi)

Addio plastica: gli stati europei cominciano a dire no all’usa e getta

27 Settembre 2016
Dalla Irlanda alla Francia si moltiplicano i provvedimenti per eliminare i prodotti in polietilene. (Milena Rettondini)

Gran Canaria: oltre il turismo di massa

27 Settembre 2016
I devastanti effetti collaterali di un turismo basato sulla quantità possono essere modificati solo da esperienze innovative. (Lorenzo Piccoli)

Colombia: basterà una cerimonia solenne per sancire la pace?

26 Settembre 2016
Gli occhi del mondo puntati a Cartagena dove vengono solennemente firmati gli accordi di Pace tra Farc e governo colombiano. (Cristiano Morsolin)