Rete Disarmo: “No all’intervento militare in Libia"

Stampa

Foto: Disarmo.org

Le organizzazioni della Rete Italiana per il Disarmo esprimono preoccupazione per le ipotesi di intervento militare in Libia e chiedono di sospendere immediatamente l’invio di armi e sistemi militari nella regione mediorientale. Una situazione così drammaticamente caotica e problematica non potrà mai essere risolta facendo ricorso allo strumento militare e continuando a rifornire di armi i Paesi limitrofi

A riguardo desideriamo sottolineare che: 

  • Siamo contrari ad un intervento militare in Libia sia per la specifica situazione del Paese, gettato in una spirale di violenza incontrollabile proprio a seguito dei bombardamenti occidentali del 2011, sia per le peculiari modalità di intervento prospettate dall’Italia: l’uso di agenti segreti con scopi poco chiari definiti attraverso un Decreto “secretato”, l’ipotesi di utilizzo di un rilevante contingente militare di circa 5.000 uomini, utilizzo e concessione ad alleati di basi per droni. Tutte ipotesi riportate in questi giorni da diversi organi di stampa
  • In sintonia con la Costituzione Italiana, siamo in generale contrari all’intervento militare come strumento risolutivo delle controversie internazionali, spesso derivanti da emergenze sociali e politiche che avrebbero bisogno di altre soluzioni. Questo principio è ancor più valido per tutte quelle aree del Nord Africa e del Medio Oriente in cui gli avvenimenti degli ultimi anni e - ancora di più - i continui interventi militari internazionali hanno condotto a crisi sempre più intricate, violente e si sono dimostrarti fallimentari per risolvere le situazioni locali. 
  • In considerazione del continuo afflusso di ingenti quantitativi di armi nella regione del nord Africa e mediorientale, chiediamo che l’Italia e i paesi dell’Unione europea attuino con rigore le norme internazionali, europee e nazionali (Trattato sul commercio di armi, Posizione Comune 2008/944/PESC e Legge n.185 del 1990) che regolamentano le esportazioni di armamenti interrompendo l’invio di armi e sistemi militari non solo alle parti in conflitto ma a tutti i paesi limitrofi che lo stanno alimentando. Chiediamo pertanto che il Governo italiano si faccia promotore in sede internazionale ed europea di una iniziativa volta ad impedire l’esportazione di armi e sistemi militari che possano essere utilizzati per l’aggressione internazionale, contribuire all’instabilità regionale e la repressione interna.
  • Le nostre organizzazioni agiscono quotidianamente per la costruzione della pace con iniziative, azioni, Campagne, mobilitazioni: iniziative ancora necessarie in questa nostra epoca in cui la guerra non è qualcosa che semplicemente “scoppia” da un momento all’altro, ma viene invece preparata ed alimentata per lungo tempo. Per fermarla c’è quindi bisogno di un lavoro continuativo e quotidiano, come quello che le nostre organizzazioni cercano di fare da sempre.

Per giungere ad un risultato positivo e risolvere le crisi e i conflitti è importante comprendere l’origine delle situazioni ed analizzarle nel profondo, a partire dal lavoro continuo appena ricordato. Per questo motivo desideriamo rilanciare come Rete Italiana per il Disarmo i documenti di approfondimento e proposta elaborati, anche sul caso libico, da organismi ed esponenti della nostra Rete. Come contributo fattivo a quelle che dovranno essere le decisioni della politica e delle istituzioni.

Da Disarmo.org

Ultime notizie

Sultano è chi decide sullo stato di eccezione

26 Luglio 2016
Cos’è lo stato di emergenza, e perché dobbiamo temerlo come e quanto un colpo di stato. (Sofia Verza)

Pechino non riconosce la sentenza dell’Aja sul Mar Cinese Meridionale

25 Luglio 2016
La Corte permanente di arbitrato dell’Aja ha dato ragione alle Filippine sulla disputa marittima con la Cina. (Miriam Rossi)

Alberta con la ramazza «Pulisco il mio paese»

24 Luglio 2016
Ogni lunedì e giovedì Alberta Marchetta esce di casa verso le dieci, prende una ramazza, indossa una pettorina e offre al suo paese un po’ di quel bene prezioso che si chiama tempo. (Giangi...

Il crowdfunding contro la privatizzazione dei beni comuni

23 Luglio 2016
Dalla Nuova Zelanda all’Italia c’è una società civile che ci difende dalle privatizzazioni e ricompra i beni comuni! (Alessandro Graziadei) 

Riciclo = meno cambiamento climatico, più benefici economici!

22 Luglio 2016
Il recupero di materiali dai rifiuti tecnologici ha ricadute positive non solo sull’ambiente. (Alessandro Graziadei)