Paul Larudee: solo i siriani possono creare soluzioni siriane

Stampa

Foto: Pressenza.com

Paul Larudee è un accademico e operatore per i diritti umani che è sempre stato coinvolto nelle cause del Medio Oriente. Fa parte del Syrian Solidarity Movement.

Quali persone e organizzazioni fanno parte del Syrian Solidarity Movement?

Il Syrian Solidarity Movement ha diversi membri provenienti da Siria, Libano, Palestina, Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Irlanda e altri paesi.

Vi sono informazioni contraddittorie su ciò che sta accadendo nella Ghouta. Come vedi la situazione lì?

Per molti aspetti, Ghouta è un replay di Aleppo, Homs Deir Ezzor e tutti gli altri luoghi che l’esercito siriano è riuscito a recuperare dalle aree possedute da forze pesantemente sostenute da mercenari stranieri e potenze imperialiste che cercano di distruggere la Siria e creare o un regime fantoccio o una condizione impotente di caos semi-permanente. In ogni caso, i media internazionali occidentali e persino le ONG conniventi stanno urlando su massacri dei civili e bombardamenti indiscriminati, ma i fatti sono esattamente l’opposto. Anche l’Osservatorio siriano per i diritti umani riporta che meno di un terzo delle vittime della guerra sono civili e gli altri combattenti. E in ogni caso l’esercito siriano e i suoi alleati russi hanno periodicamente interrotto la loro offensiva per consentire ai civili di andarsene, e hanno fornito centinaia o migliaia di tonnellate di aiuti umanitari, il tutto senza l’assistenza delle agenzie di soccorso occidentali. Hanno anche offerto l’amnistia o il passaggio sicuro ai combattenti. Tuttavia, l’opposizione e i combattenti stranieri costringono i civili a rimanere come scudi umani per i combattenti, e accumulano le scorte per i combattenti e le loro famiglie. Le reti di notizie occidentali non hanno giornalisti indipendenti sul terreno. Tutte le loro fonti provengono dai combattenti stessi. Questo è uno dei motivi per cui i rapporti terminano quando i combattenti vengono sconfitti e le notizie sulla popolazione liberata non vengono mai condivise con il pubblico occidentale.

In Afrin e Rojava sembrava che il governo di Assad potesse unire le forze con i curdi. Ma i jihadisti e i turchi hanno vinto la battaglia per ora. Che cosa sta succedendo?

Le milizie curde in Siria e l’esercito siriano non si sono mai considerati nemici. Tuttavia, gli Stati Uniti stanno cercando di creare una divisione tra loro. Gli Stati Uniti hanno stabilito illegalmente almeno dieci basi nel territorio detenuto da gruppi curdi ed è il loro principale finanziatore militare, con migliaia di soldati statunitensi. In una “comprensione” con la Turchia, tuttavia, gli Stati Uniti hanno costretto i gruppi curdi a nord-est dell’Eufrate a tradire quelli di Afrin, sulla riva del fiume. La Turchia è riuscita così ad occupare la regione. L’esercito siriano si è offertodi difendere Afrin, e alla fine i curdi Afrin hanno accettato, ma era troppo tardi. La Turchia non è contenta dell’aiuto degli Stati Uniti ai curdi del nord-est, ma è stata autorizzata a prendere Afrin come “risarcimento”. Questo va bene agli Stati Uniti, che vogliono dividere la Siria in regioni più piccole, come in Afghanistan, Iraq e Libia.

Hai seguito il movimento di Musallaha, che chiedeva la riconciliazione. Come va?

Il movimento della società civile Musallaha (riconciliazione) è una delle cose più positive che emergono da questo sordido caos. Persone comuni, siriani di tutte le fedi si sono uniti per mostrare tolleranza e compassione l’uno verso l’altro, per deporre le armi e trovare soluzioni negoziate nonviolente che pongano fine al conflitto, almeno a livello locale. Queste di solito coinvolgono elementi di amnistia, autonomia locale, processo decisionale cooperativo, rimozione pacifica di mercenari stranieri e accordi simili. È sicuro dire che questo procedimento ha fatto parte di quasi ogni restauro di pace in tutte le parti della Siria che sono attualmente sotto il controllo del governo.

Il governo di Assad ha da tempo stabilito un Ministero per la Riconciliazione: cosa fa questo ministero? È un lavoro interessante o semplicemente propaganda?

Il Ministero della Riconciliazione è conseguenza del movimento della società civile di Musallaha ed è un’affermazione dell’impegno del governo nei suoi confronti. Come segno di buona fede, il governo ha nominato un membro dell’opposizione, il dott. Ali Haidar, in questa carica di ministro. Da allora, gli accordi di riconciliazione dal 2013 a cui il governo è stato parte sono stati onorati senza eccezioni. Il governo siriano riconosce che la lealtà dei suoi cittadini è necessaria per l’unità del paese e che i membri di una stessa famiglia hanno talvolta combattuto su fronti diversi. La compassione e la riconciliazione sono quindi una strategia necessaria per il ripristino definitivo della sovranità siriana su tutto il territorio siriano.

Ci siamo incontrati alla conferenza delle organizzazioni siriane disarmate e nonviolente. Quel movimento è stato ripetutamente discriminato sia dal governo che dalle potenze straniere. Pensi che la società civile possa ancora contribuire al futuro della Siria?

La società civile ha sempre contribuito al presente e al futuro della Siria. Io stesso ho visto i leader civili di Homs mettere insieme un piano di ricostruzione e restauro per la città vecchia dopo pochi giorni dalla sua liberazione. Ciò è stato interamente finanziato da privati ​​e nato da iniziativa privata. Non ho dubbi che il governo abbia e debba svolgere un ruolo in tali sforzi, ma la cosa notevole è che le persone stesse sono state abbastanza intraprendenti da ricostruire. Se le organizzazioni in esilio sono pronte a rinunciare alla richiesta che il governo di Assad non abbia alcun posto in Siria, allora sono ottimista sul fatto che il governo di Assad non insisterà sul fatto che i gruppi in esilio non abbiano alcun posto in Siria. Il movimento Musallaha ha dimostrato che è possibile un compromesso tra gli ex avversari quando c’è la volontà di farlo. La soluzione in Siria è una società in cui c’è spazio per tutti i siriani e dove la fiducia e la cooperazione ne siano le  fondamenta. Affinché ciò accada, la comunità internazionale deve assicurare che nessun paese esterno interferisca in Siria in violazione della sua sovranità. Solo i siriani possono creare soluzioni siriane.

Olivier Turquet da Pressenza.com

Ultime notizie

Mattoncino su mattoncino viene su la sostenibilità

24 Aprile 2018
Giochi ecocompatibili: la sfida di LEGO. (Anna Molinari)

Italiani: una comunità sostenibile?

23 Aprile 2018
Per il quarto anno consecutivo l’Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile ha indagato il rapporto della popolazione italiana con la sostenibilità. (Alessandro Graziadei)

Migranti, “disobbedienza legittima” di Open Arms: in crisi le accuse alle ong

22 Aprile 2018
Nel provvedimento di dissequestro della nave dell’ong spagnola Proactiva si riconosce che la Libia non è un posto sicuro. (Eleonora Camilli)

Perché occuparsi di beni comuni?

21 Aprile 2018
Nelle città italiane il numero delle persone che intendono prendersi cura di spazi o utilità di interesse generale è in costante aumento. (Fulvio Cortese)

Calcio: ecco come la FIGC ha sdoganato l’Arabia Saudita

20 Aprile 2018
Chi ha deciso l'amichevole degli azzurri con l'Arabia Saudita? Non certo il commissario provvisorio della FIGC. I principali players sono stati... (Giorgio Beretta