Obiettivo: disimparare

Stampa

Lucio e Anna (assieme alla loro piccola figlia Gaia) - Foto: Unlearning

Disimparare. Un atto di ribellione verso tutto ciò che ci viene chiesto di eseguire, immagazzinare, apprendere, fare e rifare e strafare, principalmente con il risultato più evidente (previsto?) di farci perdere il conto e il senso di quello che importa. E chi se lo ricorda più cosa importa? Dai discorsi per strada alle stanze dei bottoni rimbalzano le stesse parole: crescita, lavoro, crisi, ripresa, deficit, e altre analoghe espressioni che utilizziamo senza farle nostre, senza che ci appartengano realmente. Produciamo cose, pensieri e azioni che ci rispecchiano ben poco, gonfi di nozioni e argomentazioni che reggono la struttura dei nostri castelli in aria dove, senza accorgercene, stiamo insegnando ai nostri figli a crescere e dove loro stessi andranno ad abitare.

E allora disimparare diventa una necessità, un’impellente esigenza che non si può più trascurare. Diventa un modo diverso per giocarsi le carte della propria esistenza, per provare un po’ meno a sopravvivere e un po’ di più a vivere. Partendo da una domanda come questa, ad esempio: “E se lasciassimo la zona “comfort” della nostra esistenza?”. Cosa succederebbe? Quali cambiamenti avrebbero luogo nel nostro quotidiano? Con quali risultati?

Se lo sono chiesti Lucio e Anna (assieme alla loro piccola figlia Gaia) quando hanno deciso che sì, valeva la pena esplorare fino in fondo le risposte che intravedevano al di là degli interrogativi, a costo di sembrare un po’ “strani”, sopra le righe - o meglio “fuori dalle righe”. Se lo sono chiesti e poi sono partiti, con più domande che certezze, ma con una gran voglia di ridare autenticità a un percorso individuale, familiare e generazionale che meritava più di quanto stessero riuscendo a dedicare. Che uno dei risultati di questo viaggio sia un documentario autoprodotto che si chiama proprio Unlearning (Disimparando) è un ottimo argomento, ma come in molti casi anche in questo vale più la strada della mèta. Allora facciamo un passo indietro su quel cammino.

Quel cammino è un viaggio (senza macchina ma con il carpooling) che madre, padre e figlia hanno percorso in 6 mesi con poche centinaia di euro e tante abilità da scambiare, barattare, condividere. Un percorso che ha permesso ad Anna e Lucio di sentirsi - e scoprirsi - molto più che “un’ansiosa insegnante in aspettativa” e un “regista televisivo stanco di format ripetitivi”. Essenzialmente 6 mesi di incontri, in cui le relazioni hanno ripreso la centralità di cui avevano bisogno: le relazioni intrafamiliari ma soprattutto quelle extrafamiliari, nate da nuovi incontri e nuove possibilità che si sono aperte una volta abbandonati i retaggi culturali di cui lo zaino era pieno alla partenza. Un turbinio di spunti e occasioni che hanno reso la loro “squadra” più forte e affiatata, che li ha portati a vivere in ecovillaggi, a conoscere comunità e famiglie itineranti, a vendere zucchero filato e a zappare la terra in cambio di vitto e alloggio.

Un documentario sui nuovi hippie questo Unlearning? No, anzi! Una pietra preziosa incastonata nella quotidiana indifferenza relazionale che permea rapporti interpersonali apatici, sfiancati da preoccupazioni e traguardi troppo lontani e irraggiungibili, anziché motivati dalle piccole conquiste quotidiane. Una storia che ci racconta di fiducia, di piccoli passi silenziosi e leggeri che allontanano dall’omologazione al ribasso o, peggio ancora, al rialzo (che fa indebitare per l’ultimo modello di smartphone e contemporaneamente mangiare junk food).

Un inno alle differenze che può farci pensare “Io non ce la farei mai”, ma che può portarci con lo stesso grado di possibilità - e forse più - una ventata di buon umore e una sferzata di sana energia. E che può soprattutto riproporci, mentre li accompagniamo virtualmente in questo viaggio, una domanda fondamentale: come vedremo la nostra “vecchia” vita al ritorno? E, soprattutto, la vorremo ancora?

Anna Molinari

Giornalista pubblicista, laureata in Bioetica presso la Facoltà di Scienze Filosofiche di Bologna, ha frequentato a Roma la scuola di Scienze politiche internazionali, cooperazione e sviluppo di Focsiv e ha lavorato presso il Ministero dell’Interno - Commissione per il Riconoscimento della Protezione Internazionale e il Consiglio Italiano per i Rifugiati. Dal 2011 cura per Fondazione Fontana Onlus e in provincia di Trento laboratori formativi e percorsi di sensibilizzazione rivolti a scuole e cittadinanza su temi a carattere sociale, con particolare attenzione a tutela ambientale, sovranità alimentare, stili di vita sostenibili ed educazione.

Ultime notizie

Perché occuparsi di beni comuni?

21 Aprile 2018
Nelle città italiane il numero delle persone che intendono prendersi cura di spazi o utilità di interesse generale è in costante aumento. (Fulvio Cortese)

Calcio: ecco come la FIGC ha sdoganato l’Arabia Saudita

20 Aprile 2018
Chi ha deciso l'amichevole degli azzurri con l'Arabia Saudita? Non certo il commissario provvisorio della FIGC. I principali players sono stati... (Giorgio Beretta

Brasile: si vogliono demolire i diritti collettivi

19 Aprile 2018
Si impedisce il libero dibattito, si fomenta l’intolleranza, si attaccano i movimenti sociali. Coinvolta una parte del potere giudiziario e anche segmenti del potere militare. Occorre reagire con l...

Sfollati e guerriglia: al loro posto una scuola agricola

19 Aprile 2018
Questo l'obiettivo del progetto di cooperazione internazionale di IPSIA del Trentino per il 2018 in Uganda (Giuliano Rizzi)

Due miti da sfatare per evitare l'agonia del Terzo settore

18 Aprile 2018
Perché le fondazioni filantropiche italiane dovrebbero iniziare a finanziare obiettivi strategici e organizzazioni e non solo pr...