No agli sprechi alimentari, la proposta riparte da Napoli

Stampa

La famiglia Sciorio - Foto: Buonenotizie.corriere.it

L’esempio arriva dalla Francia, dove l’Assemblea Nazionale ha approvato nel maggio dello scorso anno una legge sul “reato alimentare” che vieta ai supermercati di gettare nella spazzatura l’invenduto. Poi a Napoli, qualcuno ha già dimostrato che è possibile senza alcun danno economico (come invece afferma chi già contesta la buona pratica), accade al supermercato Briò di Giugliano, i cui titolari sono stati premiati come cittadini campani dell’anno. 

Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale (presidente del gruppo consiliare Campania libera, Psi e Davvero Verdi), è promotore della legge contro lo spreco alimentare. Che tempi ci sono?

«La legge potrà essere discussa nel giro di due o tre mesi. Intanto ci stiamo confrontando con l’ufficio legislativo che sottolinea come non sia possibile obbligare a donare ma solo obbligare a non gettare. In questo caso, per esempio, i generi alimentari possono essere presi dalla Caritas che si occuperà poi della distribuzione. Altro aspetto positivo secondario della legge sarà sul piano dei rifiuti, andando ad incidere fortemente sulla diminuzione dell’umido da smaltire, un’operazione notoriamente molto costosa.»

A Napoli qualcuno sta già sperimentando la buona pratica. E’il meglio della napoletanità che dà un profondo significato alla “sorte”, vero?

«Sì, abbiamo dato un riconoscimento ufficiale (tazze di caffè e una pergamena ndr), alla famiglia Sciorio, proprietari del Supermercato Briò di Giugliano che, da qualche settimana, a fine giornata, lasciano all’esterno della loro attività pane, latte e altri prodotti invenduti e prossimi alla scadenza, mettendoli a disposizione di chi vive un momento di difficoltà economica e non ha soldi per comprarli. La famiglia Sciorio rappresenta il meglio della napoletanità perché sente di dover pagare un debito con la sorte: il titolare dice di aver avuto fortuna nella vita, aprendo un supermercato dove lavorano anche i suoi figli, e ha affermato che vuole restituire la buona sorte a chi non l’ha avuta.»

Mirella D’Ambrosio da Buonenotizie.corriere.it

Ultime notizie

Guacamole dal sapore amaro…

28 Febbraio 2017
Il lato oscuro della filiera degli avocado (Anna Molinari)

Quelli che ritornano

27 Febbraio 2017
Le strade delle migrazioni non sono a senso unico, ma problemi burocratici ed economici rallentano la prospettiva di un ritorno. (Lia Curcio)

"Oltre le sbarre": la trattoria del carcere minorile di Bologna

26 Febbraio 2017
Quattro giovani detenuti guidati da uno chef per dare corpo al nuovo progetto del carcere del Pratello. (Ambra Notari) 

Serbia, Kosovo, Trentino: si parte dalle piccole comunità locali

25 Febbraio 2017
Dalla cooperazione di comunità alle economie nazionali: nuovi scenari per uno sviluppo (diverso) possibile (Novella Benedetti)

Da dove vengono? Perché? Chi li “porta”?

24 Febbraio 2017
“Siamo stati scelti dal villaggio per andare a cercare la salvezza e la fortuna altrove, o perché ci sono già i nostri parenti emigrati in Europa. Nel nostro paese non si può vivere…”. Queste parol...