Notizie

Archivio Notizie

La storia del passato. E il futuro?

Stampa

Che idea meravigliosa, la storia della pace nel libro The Glorious Art of Peace [La gloriosa arte della pace] di John Gittings, NYC: Oxford University Press, 2012. Qualcosa su cui quasi tutti vorrebbero imparare, l’arte della pace! Come per la storia della salute, del cibo e dell’amore, anziché la storia delle guerre, delle malattie e della fame, dei generali, dei re e degli imperi. Si tratta della storia di qualcosa che può ispirare le persone, fra cui anche gli/le statisti/e, a far meglio. È un libro di testo scolastico più adeguato che i soliti elenchi di regnanti, re e regine (secondo lo schema “divorziato/a-decapitato/a-morto/a-divorziato/a-decapitato/a-sopravvissuto/a”).

La storiografia di Gittings copre sette periodi: “pace antica” basata sulla Grecia e la Cina; la “moralità della pace” del medio evo, da Gesù alle crociate; l’ “approccio umanista” del primo rinascimento moderno con particolare attenzione a Erasmo; poi la “coscienza della pace” dell’illuminismo; le “alternative alla guerra” della Lega delle Nazioni, la composizione pacifica delle dispute, e la nonviolenza (Tolstoj, Gandhi); la “appropriazione impropria della pace” dall’ONU alla guerra fredda; “dare un’opportunità alla pace” dalla guerra fredda all’Iraq. Si focalizza sulla modernità con cinque dei sette periodi, e sull’Occidente, pur con lodevoli escursioni in Cina e India-Russia per il loro impatto sull’Occidente. Mancano: la piccola pace non-occidentale, come per gli Amerindi (confederazione Sioux), i Polinesiani (ho’o pono pono), gli Zulu (ubuntu); come pure: la grande pace non-occidentale fra i massimi paesi al mondo, Cina e India. Tuttavia Gittings copre un bel po’ di materiale pertinente “dall’Iliade all’Iraq”.

La metodologia di Gittings è empirica in quanto a eventi, paesi e personaggi, con citazioni fascinose e foto artistiche; tali elementi li pone in relazione causale e per analogia; sempre in modo interessante. Mancano: esplorazioni teoretiche basate sui condizionamenti, diciamo, naturali (geografici, alimentari); culturali, come il dualismo per i greci, lo yin/yang per i cinesi; strutturali, come le caste/la verticalità dei ceti rispetto all’equità. Tuttavia Gittings offre parecchio materiale grezzo per chi abbia intenti teoretici.

L’impressione principale tratta dal libro è la storia dell’anti-bellicismo svolta da singoli e talvolta da gruppi; in altre parole, la pace negativa contro la violenza. Sulla pace positiva, come costruire equità e armonia, dissolvere traumi e conflitti, c’è quasi nulla.

Ma non c’è da biasimare Gittings per questo; piuttosto, le civiltà che ha esplorato. E appunto questa è ovviamente la ragione per cui abbiamo gli studi per la pace come qualcosa di diverso dagli studi sulla guerra e l’opposizione alla guerra. Peraltro non sono granché meglio altri settori d’indagine. Gli studi sanitari si concentrano sulle patologie e le loro terapie ben più che sulla salute positiva; e solo recentemente la stessa psicologia ha cominciato a spostare il suo baricentro dalle turbe mentali verso una psicologia positiva. Che la gloriosa arte della pace appartenga più alla storia del futuro?

Il gentile riferimento di Gittings a me come “pioniere” nel settore può fungere da invito ad aggiungere qualche parola alla sua visione del futuro. La sua analisi del declino del patriottismo e della disponibilità a morire per le cause degli stati è eccellente. Gli stati, con tanto di ultima ratio regis, bandiere, monumenti, inni, giornate nazionali, costituzioni, eserciti e nemici, sono attualmente in accentuato declino, eccetto forse i maggiori, come Cina-India-Russia-USA. Le guerre coloniali declinarono col colonialismo, le guerre inter-statali stanno declinando con gli stati; occasione perché gli sprovveduti celebrino il trionfo della pace.

C’è molto da imparare dalla storia della salute a questo punto. Il “glorioso” declino delle malattie contagiose, con i microrganismi come agenti di morte, non ha corrisposto al declino delle malattie. Le malattie strutturali del corpo (come i tumori con un tessuto che cresce a spese di altri, e le malattie cardio-vascolari che bloccano l’accesso all’ossigeno) e della mente (come le depressioni, senza sapere come intervengano né come se ne esca), sono diventate le nuove preoccupazioni dell’arte sanitaria. Analogamente, gli stati solevano usare proiettili e bombe – e il fuoco e la fissione nucleare – come agenti di morte, mentre stiamo assistendo a uno spostamento epidemico verso una violenza strutturale fra e all’interno degli stati.

Guardiamo alle élite supreme della conformazione sociale indoeuropea. Gli aristocratici-kshatriyah uccidevano con proiettili sui campi di battaglia. I mercanti-vaisyah con lo sfruttamento – un ceto o una regione che campava a spese di altri/e – uccidendone molti di più col denaro, sul campo di battaglia del mercato. E i chierici/intellettuali-brahmini con la repressione culturale e l’alienazione sui campi di battaglia denominati dibattiti, che limitano la circolazione dell’informazione – l’ossigeno delle società – alla cultura dei dominanti. Ci si focalizza su competizione e lotta, su vincitori e perdenti, non su scambi uguali, dialoghi, sinergie, trascendimenti. Gli agenti di morte oggi sono non tanto élite militari quanto commerciali, politiche e culturali con nulla di “soft” nel loro potere. Con tali modalità vengono uccisi molti di più, fisicamente e/o spiritualmente, che mediante violenza diretta da parte militare. Ma l’arte della pace può essere analoga, basarsi sull’equità nella cooperazione, sull’ empatia per l’armonia, sulla riconciliazione dei traumi del passato, e la risoluzione dei conflitti.

Il che non equivale a dire che la violenza diretta non possa riapparire con attori sub- e super-statali, con nazioni che rifiutino di essere sovrastate da qualche nazione dominante, e da nazioni e regioni che stabiliscano proprie bandiere, giornate della nazione/regione, inni, ecc. La Madre delle Regioni Unite, l’UE, ha tutto quanto ciò; altre possono copiarla e, come l’UE, combinare pace interna con guerre esterne. Forse un’organizzazione delle Regioni Unite, ovviamente senza diritti di veto, e con un parlamento eletto in elezioni e referendum onesti e liberi potrebbe far meglio che la Lega delle Nazioni e le Nazioni Unite?

Abbiamo bisogno di tutti gli stimoli e le intuizioni presenti nel ragguardevole libro di Gittings e altre ancora, per arricchire la nostra cultura di maggior capacità di cooperare, empatizzare, riconciliare e risolvere i conflitti. La violenza e la guerra sono sovente sintomi di traumi e conflitti sottostanti irrisolti. Li si identifichino, li si risolva! Le incompatibilità sono sfide per produrre cambiamenti che facciano spazio alla compatibilità. Un’arte, sì; che si può imparare. Davvero gloriosa. E per di più agibile, aggiungendoci l’ottimismo di Gittings.

Johan Galtung

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

Ultime notizie

2015: an intense year for the development agenda

22 Dicembre 2014
The “European Year for Development” coincides with a review of the EU Agenda for Change and the replacement of the Millennium Development Goals with new global targets, making 2015 a crucial year f...

L’Europa riconosce la Palestina… “in linea di principio”

22 Dicembre 2014
A larga maggioranza il Parlamento Europeo sostiene il riconoscimento dello Stato Palestinese, ma saranno poi i singoli Stati a decidere in concreto (Lorenzo Piccoli)

Legno illegale? Finalmente l’Italia si adegua all’Europa

21 Dicembre 2014
Dopo due anni il Regolamento Europeo del Legno è stato adottato anche nel nostro Paese. Adesso non ci sono più scuse alle importazioni illegali. (Alessandro Graziadei)

Il mercato nigeriano del sesso in Italia

20 Dicembre 2014
Sono nigeriane un terzo delle donne straniere che si prostituiscono in Italia, una fetta del mercato del sesso ben redditizia per i gestori della tratta. (Miriam Rossi)

La fine del cioccolato

19 Dicembre 2014
Consumi sfrenati e qualità scadente coinvolgono anche… la fava di cacao (Anna Molinari)