La rinascita di Monte Verità

Stampa

Foto: Labissa.com

Nell’Europa centrale, o mitteleuropa, il turbinoso progresso scientifico, l’industrializzazione travolgente ed i relativi sommovimenti sociali del secolo passato, spingevano coloro che avevano la possibilità di scegliere -artisti, scrittori, filosofi, politici - a trovare soluzioni di vita alternative. Le risposte furono di vari tipi: il socialismo con la successiva evoluzione verso il comunismo, l’anarchia e la ricerca di valori alternativi, di modi di vita differenti, di sogni utopistici alla riscoperta del romanticismo, del buddhismo, dell’induismo e della teosofia. Sul Monte Verità di Ascona, in Canton Ticino, nasce, agli inizi del passato secolo, un luogo di incontro, di cultura, all’insegna del dialogo e dell’interscambio di idee, di pensieri, di teorie, nel confronto tra intellettuali di diversa matrice: un microcosmo di creatività e ingegno, dove si impostarono utopie fondamentali. Accanto a chi era mosso da spirito ideologico, a Monte Verità, si incontrava la crème dell’Intellighentia anticonvenzionale ed inquieta di inizio secolo e quindi intellettuali come Carl Gustav Jung, Otto Gross, André Gide, Hermann Hesse, Thomas Mann, Paul Klee, e moltissimi altri.

Dal 1933 Jung darà vita ad una intensa attività culturale in Monte Verità organizzando incontri (gli Eranos, dal greco società, associazione attraverso partecipazione) e convegni a livello mondiale relativi alle più disparate tematiche.

La collina di Ascona ed i suoi dintorni presenta così, con Monte Verità, un potenziale enorme di utopie abbozzate e di ideologie vissute in questa regione. Attraverso una forte immigrazione di idealisti nordici, Ascona e il Verbano diventarono, verso il 1900, l’antipodo della città, il contra-mundus del “ritorno alla natura”, in un sud considerato senza problemi. Un paradiso contrapposto ai conflitti nati dall’urbanizzazione, dall’industrializzazione, dalla tecnicizzazione e dall’ormai inevitabile rivoluzione proletaria, contro il capitalismo imperante.

Da Pietroburgo fino a Londra, da Malmo fino a Graz, sono confluiti ad Ascona gli individui che Emil Szittya così enumera nel sottotitolo del suo libro “Il gabinetto di curiosità” 1932: “incontri con avvenimenti strani, vagabondi, scellerati, artisti, pazzi mistici, stranezze sessuali, socialdemocratici, sindacalisti, comunisti, anarchici, politici” ai quali si potrebbero aggiungere i teosofi, i riformatori della vita, gli psicologi, gli psicanalisti freudiani e gli junghiani, i rappresentanti della nuova danza, i profughi, che le più disparate motivazioni storiche ed individuali spingono su questa collina proclamata ormai MONTE VERITA’.

La fondazione Eccles di Ascona, attualmente, ha nei suoi intenti l’obiettivo di riattivazione e rilancio del fermento culturale di Monte Verità, che ha subìto una battuta d’arresto dagli anni 60. La fondazione Eccless è attualmente in trattativa con l’Amministrazione Comunale, con le Università ed il Governo Cantonale per poter far rinascere le attività a partire da un simposio filosofico relativo al concetto di Etica e con il trasferimento e la ricollocazione della biblioteca di Jung a Monte Verità. Jung, attraverso gli Eranos, permetteva a studiosi specialisti di trasmettere il loro sapere evitando sterili saccenterie, ovvero stimolando la discussione, la partecipazione al dialogo e alla conversazione collettiva, dopo ogni incontro. Da questa esperienza si vuole partire per far riemergere il contesto culturale e di interscambio di Monte Verità, attraverso iniziative interdisciplinari in riferimento ai concetti utopici dei suoi primi pensatori, in una realtà di incontro tra persone e personaggi politici, culturali, artisti in un luogo al di fuori di logiche settarie o di esclusione del “diverso”, ma un nuovo piccolo mondo ideale, politico, interreligioso, di confronto ideativo, sviluppo creativo, arricchimento interiore, accrescimento culturale tra pensieri, idee, prospettive, visioni della realtà differenti: un luogo-non-luogo microcosmo di idee e fucina attiva di neo-utopie.

Laura Tussi

Docente, giornalista e scrittrice, si occupa di pedagogia nonviolenta e interculturale. Ha conseguito cinque lauree specialistiche in formazione degli adulti e consulenza pedagogica nell'ambito delle scienze della formazione e dell'educazione. Collabora con diverse riviste telematiche tra cui PressenzaPeacelinkIldialogoUnimondo, AgoraVox ed ha ricevuto il premio per l'impegno civile nel 70esimo Anniversario della Liberazione M.E.I. - Meeting Etichette Indipendenti, Associazione Arci Ponti di Memoria e Comune di Milano. Autrice dei libri: Sacro (EMI 2009), Memorie e Olocausto (Aracne 2009), Il dovere di ricordare (Aracne 2009), Il pensiero delle differenze(Aracne 2011), Educazione e pace (Mimesis 2012), Un racconto di vita partigiana - con Fabrizio Cracolici, presidente ANPI Nova Milanese (Mimesis 2012), Dare senso al tempo-Il Decalogo oggi. Un cammino di libertà (Paoline 2012), Il dialogo per la pace. Pedagogia della Resistenza contro ogni razzismo (Mimesis 2014), Giovanni Pesce. Per non dimenticare (Mimesis 2015) con i contributi di Vittorio Agnoletto, Daniele Biacchessi, Moni Ovadia, Tiziana Pesce, Ketty Carraffa. Collabora con diverse riviste di settore, tra cui: "Scuola e didattica" - Editrice La Scuola, "Mosaico di Pace", "GAIA" - Ecoistituto del Veneto Alex Langer, "Rivista Anarchica". Promotrice del progetto per non dimenticare delle Città di Nova Milanese e Bolzano www.lageredeportazione.org e del progetto Arci Ponti di memoria www.pontidimemoria.it. Qui il suo canale video.

Ultime notizie

Pezzi di terza guerra mondiale nel continente africano

30 Maggio 2017
Il secondo incontro del ciclo “Terza guerra mondiale a pezzi”, promosso da  IPSIA, si è concentrato sul continente africano. (Michela Giovannini)

Tutta Europa (o quasi) contro il taglio illegale di legname

29 Maggio 2017
Per l'Environmental Investigation Agency l’Europa non ha ancora sconfitto la piaga del taglio illegale di legname, ma è sulla buona strada. (Alessandro Graizadei)

Afghanistan, la terra del caos

28 Maggio 2017
All’incontro organizzato a Roma per parlare della situazione pericolosa dei difensori/e dei diritti umani nel mondo, l’attivista Malalai Joya racconta la situazione afghana. (Anna Toro)

In difesa di...: proteggere i difensori dei diritti umani

27 Maggio 2017
La nuova rete di oltre 30 associazioni chiede alle istituzioni italiane meccanismi di protezione per attivisti, avvocati o giornalisti minacciati. (Sofia Verza)

Una buona cultura per avere acqua più pura

26 Maggio 2017
Sistemi di depurazione semplici, sostenibili e accessibili a tutti e tutte. (Anna Molinari)