La preghiera delle madri

Stampa

Foto: Cittanuova.it

Le belle notizie non fanno audience. Per questo vengono puntualmente ignorate dai media. Non è sempre uno svantaggio: in tal modo posso rimanere più pure e svilupparsi indisturbate, non intaccate da quel meccanismo che ama troppo la sensazione e il contrapporre le idee l’una all’altra, senza amore per la verità. Così, è in punta di piedi che scrivo su La Preghiera della Madri, con il timore che si ha quando s’incontra una notizia bella e non la si vuole rovinare.

L’avete mai sentita questa preghiera? O avete visto il video su You Tube? È una canzone, o meglio un inno, che l’artista israeliana Yael Deckelbaum canta insieme ad altre cantanti di religione musulmana e cristiana. È una canzone molto bella, le parole sono in ebraico, arabo e inglese: «Tra il cielo e la terra/ c’è gente che vuole vivere in pace/ non mollare, continua a sognare/ di pace e prosperità». Le riprese del video sono state fatte nel deserto che attornia il Mar Morto: e come non pensare al cammino degli ebrei dei tempi biblici che proprio nel deserto hanno imparato a passare dalla schiavitù alla libertà? Questa canzone è nata nel movimento spontaneo “donne per la pace” e ne è diventano l’inno.

Il movimento è sorto su iniziativa di madri di diverse religioni, soprattutto ebree, islamiche e cristiane, proprio nell’estate 2014, nel bel mezzo del riaccendersi della violenza tra lo stato di Israele e i Palestinesi di Hamas e altri gruppi nella Striscia di Gaza, sfociate nell’operazione militare “Tzuk Eitan”, “scogliera solida”. Queste madri hanno deciso di unirsi per dare una voce alla pace: «Light is rising from the east to the prayer of the mothers for peace (la luce sta sorgendo da est alla preghiera delle madri per la pace)»

Nell’ottobre 2016, 4mila donne di diverse religioni hanno risposto all’iniziativa di questo movimento e si sono messe in marcia per la pace, dal nord di Israele fino a Gerusalemme. A questa iniziativa, che è culminata in una manifestazione di 15mila donne di fronte alla residenza del Primo Ministro di Israele, ha partecipato il premio Nobel per la Pace Leymah Gbowee, la cui iniziativa nel 2003 ha portato alla fine della guerra civile in Liberia. Proprio su iniziativa delle donneÈ un piccolo seme di novità, questa canzone; un piccolo miracolo femminile questo movimento. Le madri sanno cosa vuol dire perdere un figlio in guerra, e sanno più di tutte il valore della pace. Che questo seme possa crescere e diventare albero, per portare i buoni frutti che preannuncia.

Michele Genisio da Cittanuova.it

Ultime notizie

Salute mentale: catene che persistono, vicine e lontane da noi

26 Maggio 2018
In Africa la salute mentale è stata storicamente trascurata dalle agende politiche. (Anna Toro)

Montagne più sicure anche per il cuore

25 Maggio 2018
Da un libro sulla salute per chi ama andare in montagna, un aiuto concreto per l'acquisto di defibrillatori destinati ai rifugi di montagna. (Novella Benedetti)

Il potere della musica tra le macerie

24 Maggio 2018
In Siria la speranza vive anche grazie a un piccolo gesto di un giovane pianista. (Michele Focaroli)

Sempre più pesticidi nelle acque italiane: l’agricoltura sconta gli errori del passato

24 Maggio 2018
Stando all’ultimo rapporto dell’Ispra, sono 259 i pesticidi che hanno contaminato le acque italiane nel biennio 2015-16. A far la parte del leone sono gli erbicidi, a cominciare dal...

Rifugiati? L’Uganda sceglie di continuare ad accogliere

23 Maggio 2018
L’Uganda è il primo Paese africano nell’accoglienza di rifugiati. (Miriam Rossi)