La guerra dimenticata nella Repubblica Centrafricana

Stampa

Foto: Gfbv.it

Dopo la nuova ondata di violenza che nella Repubblica centrafricana ha causato solo nelle ultime tre settimane più di 75.000 profughi, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) si appella alla comunità internazionale affinché intensifichi l’invio di aiuti umanitari nel paese scosso dal 2012 da una guerra civile dimenticata dal mondo. Circa la metà della popolazione centrafricana dipende per la propria sopravvivenza dagli aiuti umanitari ma nel 2017 gli aiuti internazionali hanno coperto solo il 36,5% degli aiuti veramente necessari.

Da quando sono ripresi i combattimenti tra le diverse milizie del paese, la situazione sta drammaticamente peggiorando in tutto il paese anche se la situazione peggiore si registra nel nordest della Repubblica Centrafricana. Dopo i combattimenti scoppiati il 29 dicembre 2017 nei dintorni della città di Paoua circa 60.000 persone sono state costrette a fuggire di casa e a cercare rifugio nella città di Paoua che fino a quel momento aveva solo 40.000 abitanti. Nel vicino Ciad sono stati registrati 15.000 nuovi profughi provenienti dalla Repubblica Centrafricana. Solamente nel 2017 circa 180.000 persone sono fuggite dalla violenza portando così il numero complessivo dei profughi centrafricani a 1,1 milioni su una popolazione totale di 5 milioni.

I combattimenti sono in aumento anche nelle altre regioni del paese. A causa degli scontri armati, lo scorso 17 gennaio sono morte sette persone in un quartiere della capitale Bangui, abitato prevalentemente da musulmani. I combattimenti sono stati scatenati da un attacco terroristico nonché da una lite tra miliziani armati e commercianti ai quali i miliziani hanno tentato di estorcere il pagamento di un pizzo.

Da diversi anni le organizzazioni per i diritti umani chiedono il disarmo completo di tutte le milizie, cosa che il governo del paese finora non è riuscito ad ottenere. L’annuale Conferenza episcopale cattolica, tenutasi lo scorso 14 gennaio 2018, ha a sua volta condannato la violenza delle milizie e ha chiesto a tutte le parti in causa di aderire ad un armistizio incondizionato. Attualmente circa il 70% del territorio centrafricano è controllato da diverse milizie armate che si contendono il controllo delle materie prime.

Da: Gfbv.it

Ultime notizie

Salute mentale: catene che persistono, vicine e lontane da noi

26 Maggio 2018
In Africa la salute mentale è stata storicamente trascurata dalle agende politiche. (Anna Toro)

Montagne più sicure anche per il cuore

25 Maggio 2018
Da un libro sulla salute per chi ama andare in montagna, un aiuto concreto per l'acquisto di defibrillatori destinati ai rifugi di montagna. (Novella Benedetti)

Il potere della musica tra le macerie

24 Maggio 2018
In Siria la speranza vive anche grazie a un piccolo gesto di un giovane pianista. (Michele Focaroli)

Sempre più pesticidi nelle acque italiane: l’agricoltura sconta gli errori del passato

24 Maggio 2018
Stando all’ultimo rapporto dell’Ispra, sono 259 i pesticidi che hanno contaminato le acque italiane nel biennio 2015-16. A far la parte del leone sono gli erbicidi, a cominciare dal...

Rifugiati? L’Uganda sceglie di continuare ad accogliere

23 Maggio 2018
L’Uganda è il primo Paese africano nell’accoglienza di rifugiati. (Miriam Rossi)