La Svizzera restituisce 321 milioni di dollari

Stampa

Foto: Cittanuova.it

La Svizzera ha annunciato nei giorni scorsi che sarebbero stati riconsegnati alla Nigeria circa 321 milioni di dollari dirottati dal generale Sani Abacha, morto nel 1998. Questa restituzione fa parte di un accordo tra la Svizzera, la Nigeria e la Banca mondiale. Le tre entità hanno accettato di rimpatriare i fondi congelati sotto forma di un progetto sostenuto e controllato dalla Banca mondiale, per volontà del Consiglio federale svizzero.

«I fondi sono stati rimpatriati e confiscati dalla Svizzera nel corso di un procedimento penale condotto dall’ufficio del pubblico ministero contro Abba Abacha, figlio di Sani Abacha. Il progetto rafforzerà la sicurezza sociale per le fasce più povere della popolazione nigeriana. L’accordo regola anche l’erogazione di fondi restituiti a rate e definisce le misure concrete da adottare in caso di abuso o corruzione», spiegano le autorità svizzere in una dichiarazione ufficiale.

La procedura giudiziaria svizzera ha permesso di rimpatriare 458 milioni di dollari in Nigeria nel 2005, poi 350 nel 2009. Gli Stati Uniti hanno permesso d’altra parte di rintracciare e identificare 484 milioni di dollari relativi alla famiglia Abacha attraverso il loro sistema bancario. Washington intende restituire il tutto una volta che le procedure e le procedure legali saranno eseguite.

Sani Abacha, che prese il potere con la forza nel 1993, guidò la Nigeria con un pugno di ferro fino al 1998. Durante la sua presidenza, presumibilmente dirottò quasi 2,2 miliardi di dollari dalla banca centrale. Ad oggi, si è stati in grado di rimpatriare solo 1,3 miliardi della somma globale. Le somme sono state collocate in conti esteri. Il figlio dell’ex-uomo forte nigeriano Abba Abacha è stato accusato dalla magistratura svizzera di riciclaggio di denaro sporco, frode e falsificazione nell’aprile 2005, dopo la sua estradizione dalla Germania, dove era rifugiato, per trascorrere 561 giorni in detenzione.

Tra un anno, il Lussemburgo seguirà l’esempio della Svizzera ordinando il congelamento di tutti i fondi detenuti da Abacha. A marzo 2016, Berna e Abuja hanno infatti firmato una lettera di intenti per restituire questi beni deviati. I 321 milioni di dollari di questa rata erano stati depositati in Lussemburgo e bloccati da un tribunale a Ginevra nel dicembre 2014.

Armand Djoualeu da Cittanuova.it

Ultime notizie

Barcellona: quando la comunità risolve il problema della casa

20 Gennaio 2018
“Costruiamo case per costruire comunità”: così recita il sito internet della cooperativa La Borda di Barcellona. (Michela Giovannini)

Al bando cotton fioc e microplastiche?

19 Gennaio 2018
La messa al bando dal 2019 dei cotton fioc non biodegradabili e lo stop dal 2020 all’uso delle microplastiche nei cosmetici, rappresentano due buone notizie. Sarà vero? (Alessandro Graziadei)

Trump aggrava irresponsabilmente la minaccia delle armi nucleari

18 Gennaio 2018
Trump costituisce la più grave minaccia alla pace e alla sicurezza mondiali per lo meno degli ultimi 3 decenni (dopo che il Trattato INF del 1987 allontanò la minaccia di un conflitto nucleare, che...

Malnutrizione nel Sahel: una malattia mortale

18 Gennaio 2018
L’azione di due Ong nel Burkina Faso cerca di prevenirla soprattutto nei bambini. (Lia Curcio)

Erotismo a temperature polari

17 Gennaio 2018
Perché a parlare di sesso si scopre più di quanto si immagini. (Anna Molinari)