Italia: un'altra morte per l'uranio impoverito

Stampa

Titoli di giornale - Unimondo.org

Il Caporal maggiore Valery Melis, affetto da un eccesso di linfomi di Hodgkin, è morto il 4 febbraio scorso a Cagliari. Un'altra vittima della cosiddetta sindrome dei Balcani. Pax Christi e l'Associazione Obiettori Nonviolenti chiedono le dimissioni del ministro Martino.

"Le parole del Ministro Martino dopo la tragica morte del Caporal maggiore Valery Melis, suonano come lacrime di coccodrillo". E' quanto hanno dichiarato Massimo Paolicelli, presidente dell'Associazione Obiettori Nonviolenti e Riccardo Troisi di Pax Christi Roma in un comunicato inviato alla stampa. "Dire oggi 'sarà trovata una soluzione soddisfacente' è fuori tempo massimo. Il Ministro si deve dimettere".

Secondo i due attivisti negare l'evidenza di un problema come quello dell'uranio impoverito è criminale. Sono oramai centinaia i casi denunciati dall'Osservatorio militare di cui oltre una ventina hanno portato alla morte dei militari coinvolti.

Intanto Antonietta Morena Gatti, fisico e bio-ingegnere, afferma che la causa delle malattia non sarebbe direttamente l'uranio impoverito ma microparticelle di metallo assunte durante le esplosioni. Antonietta Morena Gatti, fondatrice e direttrice del Laboratorio dei Biomateriali dell'Università di Modena e Reggio Emilia ha recentemente reso pubblica una ricerca che chiarirebbe le origini della cosiddetta "sindrome dei Balcani". Secondo la ricercatrice le patologie riscontrate non avrebbero origine radioattiva bensì nanopatologica.

In altre parole le munizioni all'uranio impoverito scatenano altissime temperature che creano polveri di metalli poi inalate da militari o civili che si trovino nell'area. Le polveri inoltre si depositano sul terreno e rischiano di venire assunte per via alimentare. "Tutti i campioni che abbiamo analizzato contengano micro- e nano-particelle inorganiche ... e le particelle trovate nei tessuti malati di civili e militari e le particelle trovate nel terreno dei territori dove le patologie furono contratte sono reciprocamente compatibili" - afferma la ricercatrice. [DS]

Altre fonti: Osservatorio militre, Laboratorio dei Biomateriali dell'Università di Modena e Reggio Emilia.

Ultime notizie

Una donna indigena candidata alle presidenziali messicane?

24 Giugno 2017
Lei è María de Jesús Patricio Martínez, messicana appartenente al popolo Nahua, una delle quasi sessanta etnie indigene presenti oggi in Messico. (Michela Giovannini)

La guerra fa bene all’economia?

23 Giugno 2017
Quando possiamo realmente dire di investire nella difesa e quando invece stiamo solo spendendo risorse economiche? (Novella Benedetti)

Siamo spacciati? O forse, la geoingegneria…

22 Giugno 2017
Contenere il cambiamento climatico con sostanze chimiche che riflettono i raggi solari. (Anna Molinari)

Nel cuore di tenebra dell’agricoltura indiana

22 Giugno 2017
«L’agricoltura è l’attività più salutare, più utile e più nobile per l’uomo» disse una volta George Washington. E tuttavia queste parole di saggezza non sono ancora filtrate abbastanza attraverso l...

Il “Campione della Terra”

21 Giugno 2017
Diceva il Mahatma Ghandi: “Ogni volta che si entra in contatto con una condizione naturale, un nuovo spirito emerge da dentro di noi”. (Alessandro Graziadei)