Iran: urgenza terremoto e apatia per elezioni

Stampa

Una sostenitrice di Khatami

Il prossimo febbraio si terranno in Iran le elezioni politiche grazie alle quali verranno definiti i nomi dei 290 parlamentari che guideranno il Paese. Ma gli studenti, da anni colonna dorsale delle forze riformiste, mostrano apatia e disillusione. Intanto continuano gli sforzi per garantire gli aiuti alla popolazione terremotata della città di Bam. Nazioni Unite e Croce Rossa Internazionale hanno chiesto alla comunità internazionale di mettere a disposizione altri 70 milioni di dollari.

Si prevede un'affluenza alle urne molto bassa. "A Tehran s'aggirerà sul 38%, nel resto del Paese sul 45-50%" afferma Reza Khatami, fratello del Presidente iraniano Mohammad Khatami e segretario del maggior partito riformista del Paese.

 

Per inviare contributi a favore delle vittime del terremoto contattare:
- Medici senza Frontiere
- Caritas Italiana

Tra i disillusi nel processo politico molti studenti. Avevano creduto nella forza riformatrice del presidente Khatami che però, nonostante l'appoggio del Parlamento, è stato più volte bloccato dal Consiglio dei Guardiani, istituzione che può convalidare o annullare le decisioni del Parlamento. "Non vogliamo più essere manipolati" è il commento di Taymor Qaragozlou, laureando in legge a Tehran.

Da un recente sondaggio svolto del campus universitario dell'Università Amirkabir, a Tehran, è emerso che più del 40% degli studenti non andrà a votare. Degli altri solo il 15% ha apertamente affermato che si recherà alle urne.

Intanto Nazioni Unite e Croce Rossa Internazionale hanno richiesto ai donatori ulteriori 70 milioni di dollari per far fronte alle drammatiche conseguenze del terremoto che ha sconvolto il sud-est del Paese. A due settimane dalla tragedia sta diminuendo la necessità per un'immediata assistenza, crescono però i bisogni di lungo periodo: ricostruzione ed assistenza sanitaria. E partirà lunedì prossimo da Teheran il primo convoglio di aiuti della Caritas italiana che rinnova l'appello per una raccolta di fondi di solidarietà. [DS]

Ultime notizie

Perché occuparsi di beni comuni?

21 Aprile 2018
Nelle città italiane il numero delle persone che intendono prendersi cura di spazi o utilità di interesse generale è in costante aumento. (Fulvio Cortese)

Calcio: ecco come la FIGC ha sdoganato l’Arabia Saudita

20 Aprile 2018
Chi ha deciso l'amichevole degli azzurri con l'Arabia Saudita? Non certo il commissario provvisorio della FIGC. I principali players sono stati... (Giorgio Beretta

Brasile: si vogliono demolire i diritti collettivi

19 Aprile 2018
Si impedisce il libero dibattito, si fomenta l’intolleranza, si attaccano i movimenti sociali. Coinvolta una parte del potere giudiziario e anche segmenti del potere militare. Occorre reagire con l...

Sfollati e guerriglia: al loro posto una scuola agricola

19 Aprile 2018
Questo l'obiettivo del progetto di cooperazione internazionale di IPSIA del Trentino per il 2018 in Uganda (Giuliano Rizzi)

Due miti da sfatare per evitare l'agonia del Terzo settore

18 Aprile 2018
Perché le fondazioni filantropiche italiane dovrebbero iniziare a finanziare obiettivi strategici e organizzazioni e non solo pr...