"Io non butto": così si combatte lo spreco nei mercati rionali

Stampa

Foto: Twitter.com

Alle ore 13, nei mercati rionali di Milano (e d'Italia), si assiste a una scena: i clienti se ne vanno verso casa, gli ambulanti lasciano a terra le casse di prodotto invendute e numerosi fra anziani e senzatetto rovistano nei rifiuti di giornata. Nel giugno 2017 è partito a Milano e provincia la campagna Io non butto del Centro servizi per il volontariato (Ciessevi) di Città Metropolitana: 16 fra associazioni, onlus e microreti di aziende hanno salvato dall'abbandono 123 tonnellate di alimenti e distribuito 246 mila pasti ai più bisognosi. Con un risparmio di oltre 11 mila euro per Regione Lombardia, i cui costi medi di smaltimento sono pari a 90 euro per tonnellata. 

Lunedì 7 maggio Ciessevi ha pubblicato sul sito un vademecum omonimo alla campagna. Si tratta di un manuale d'istruzione per i volontari, dediti al recupero e alla distribuzione delle eccedenze alimentari, in cui vengono fornite indicazioni su diversi aspetti: come aderire alla campagna, come garantire la salubrità degli alimenti nelle fasi di stoccaggio e distribuzione dei cibi oltre alle normative nazionali e regionali di riferimento. E, in occasione di Milano Food City (la settimana dedicata al cibo organizzata dal Comune), Ciessevi ha presentato il progetto "Io non butto" alla Fondazione Feltrinelli. 

L'intero progetto, realizzato in partnership con “Milan center for food law and policy”, si basa sui principi della filiera corta e del chilometro zero: il cibo si recupera in quartiere fra botteghe, catering, negozi, aziende agricole e mercati a cielo aperto, per poi essere distribuito all'interno dello stessa zona attraverso associazioni e onlus medio-piccole che conoscono il territorio e le sue esigenze. Sono già attive azioni di recupero delle eccedenze alimentari nelle aree della Lombardia che vanno da Cinisello Balsamo a Opera, da Pero a Gorgonzola, fino a Melegnano. Oltre che sui numerosi mercati del capoluogo fra cui quelli di piazzale Martini, Vespri siciliani e Sant'Agostino. (Francesco Floris)

Francesco Floris da Redattoresociale.it

Ultime notizie

Salute mentale: catene che persistono, vicine e lontane da noi

26 Maggio 2018
In Africa la salute mentale è stata storicamente trascurata dalle agende politiche. (Anna Toro)

Montagne più sicure anche per il cuore

25 Maggio 2018
Da un libro sulla salute per chi ama andare in montagna, un aiuto concreto per l'acquisto di defibrillatori destinati ai rifugi di montagna. (Novella Benedetti)

Il potere della musica tra le macerie

24 Maggio 2018
In Siria la speranza vive anche grazie a un piccolo gesto di un giovane pianista. (Michele Focaroli)

Sempre più pesticidi nelle acque italiane: l’agricoltura sconta gli errori del passato

24 Maggio 2018
Stando all’ultimo rapporto dell’Ispra, sono 259 i pesticidi che hanno contaminato le acque italiane nel biennio 2015-16. A far la parte del leone sono gli erbicidi, a cominciare dal...

Rifugiati? L’Uganda sceglie di continuare ad accogliere

23 Maggio 2018
L’Uganda è il primo Paese africano nell’accoglienza di rifugiati. (Miriam Rossi)