In Sudafrica è arrivato il momento della verità per il presidente

Stampa

Una manifestazione davanti al parlamento, a Città del Capo - Foto: Internazionale.it

Indebolito di recente dal rallentamento della sua economia, fonte di tensioni sociali e di xenofobia, in Sudafrica la situazione è diventata sempre più critica. Infatti il 3 aprile la “nazione arcobaleno” ha visto il suo rating finanziario valutato dall’agenzia Standard & Poor’s scendere a BB+, il livello più basso delle categorie speculative. 

Questa decisione segue il repentino allontanamento dal governo, alla fine della settimana scorsa, del ministro delle finanze Pravin Gordhan, rivale del presidente Jacob Zuma. Un politico che godeva della reputazione di uomo onesto e che aveva inoltre la fiducia dei mercati.  Per molti il grande rimpasto ministeriale che è stato fatto (sono stati sostituiti dieci ministri e nove sottosegretari) è un brutto segno, perché aumenta l’instabilità politica e mette in pericolo la struttura economica del paese.  Anche se il successore di Gordhan, Malusi Gigaba – uomo vicino al capo dello stato – ha annunciato che avrebbe prestato più attenzione all’economia reale, in particolare per quanto riguarda la popolazione nera, questo non ha impedito alla valuta nazionale, il rand, di perdere terreno. 

Il futuro di Jacob Zuma

In questo contesto volatile, contrassegnato anche da forti tensioni all’interno del African national congress (Anc, il partito al potere), quale sarà il futuro di Zuma? Per Jason Burke, analista del Guardian, il veterano della lotta antiapartheid ha dimostrato di avere il “dono della sopravvivenza”. Ma questa volta è difficile che questa qualità sia sufficiente a salvarlo, sottolinea Burke, osservando che “la sua uscita potrebbe essere tutt’altro che dignitosa”. Ieri la Cosatu, principale confederazione sindacale del paese e alleata storica dell’Anc, gli ha chiesto di dimettersi

Mentre sul quotidiano dello Zimbabwe NewsDay, Tapiwa Gomo, consulente per lo sviluppo a Pretoria, parla di una “democrazia confiscata”, l’Irish Times pubblica un “J’accuse” alla Zola e prevede per Zuma una fine simile a quella di Thabo Mbeki, che aveva dovuto mettere prematuramente fine al suo mandato presidenziale nel 2008, dopo aver perso la guida dell’Anc l’anno prima in seguito a uno scandalo. 

Per il Financial Times, il Sudafrica è arrivato al “momento della verità”. Tutti nell’Anc dovranno scegliere il loro schieramento in vista del congresso di dicembre. In quell’occasione, conclude il quotidiano britannico, o i riformatori riusciranno a migliorare l’immagine appannata del partito – e quindi dello stato – o sarà la fine dell’Anc (nato nel gennaio 1992) come forza politica dominante.

Da Internazionale.it

Ultime notizie

Calcio: ecco come la FIGC ha sdoganato l’Arabia Saudita

20 Aprile 2018
Chi ha deciso l'amichevole degli azzurri con l'Arabia Saudita? Non certo il commissario provvisorio della FIGC. I principali players sono stati... (Giorgio Beretta

Brasile: si vogliono demolire i diritti collettivi

19 Aprile 2018
Si impedisce il libero dibattito, si fomenta l’intolleranza, si attaccano i movimenti sociali. Coinvolta una parte del potere giudiziario e anche segmenti del potere militare. Occorre reagire con l...

Sfollati e guerriglia: al loro posto una scuola agricola

19 Aprile 2018
Questo l'obiettivo del progetto di cooperazione internazionale di IPSIA del Trentino per il 2018 in Uganda (Giuliano Rizzi)

Due miti da sfatare per evitare l'agonia del Terzo settore

18 Aprile 2018
Perché le fondazioni filantropiche italiane dovrebbero iniziare a finanziare obiettivi strategici e organizzazioni e non solo pr...

La schiavitù non è mai finita

18 Aprile 2018
I trafficanti di uomini (di donne e di bambini) sono dentro le nostre città europee (Lia Curcio)