Il treno ecologico

Stampa

Foto: Cittanuova.it

Un passo avanti arriva dalla sostenibilità ambientale nel trasporto pubblico e privato su rotaia. Dopo l’esperienza già ben consolidata nella formula 1, dove si recupera energia dalla frenata delle auto, ora anche in treno si potrà sviluppare questa tecnologia. In realtà si parla di due sperimentazioni.

Il primo si chiama Kers, cioè Kinetic Energy Recovery System ed è un sistema montato a bordo del treno per recuperare l’energia rilasciata dal convoglio durante la frenata. La seconda sperimentazione riguarda dei caricabatterie montati sotto i binari che permettono di accumulare quest’energia liberata dal treno quando si ferma in stazione. L’energia così prodotta potrà essere riutilizzata nella rete ferroviaria per gli altri treni o per altri scopi.

Come dicevamo è un progetto europeo dal nome MyRails a cui partecipano 16 partner come Rfi, Trenitalia, le metropolitane di Londra e Madrid, e l’Inrim, l’Istituto italiano di ricerca metrologica che è capofila del progetto. “Il problema della scarsa efficienza energetica riguarda soprattutto i trasporti ferroviari regionali, non le linee ad alta velocità – spiega Domenico Giordano, ricercatore dell’Inrim e coordinatore del progetto – . Con queste due tecnologie nei prossimi anni si potrà risparmiare dall’11 al 20% di tutta l’elettricità consumata ogni anno dalla rete ferroviaria europea. In termini economici si tratta di una cifra che al massimo può raggiungere i 400 milioni di euro all’anno”. Inoltre grazie a queste due nuove tecnologie green, si eviteranno oltre 2 milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica, contribuendo così all’abbassamento del surriscaldamento globale.

Il progetto – che prevede anche analisi e test sulle linee tradizionali di Trenitalia – rientra nel programma europeo Horizon 2020 dedicato alla ricerca applicata e all’innovazione tecnologica, e da Euramet, la rete internazionale degli istituti di metrologia. My Rails partirà a settembre e durerà tre anni grazie a un finanziamento di 2,5 milioni di euro. Quindi se il treno arriva in ritardo, almeno sarà ecologico.

Lorenzo Russo da Cittanuova.it

Ultime notizie

La Corea del Nord tra sanzioni internazionali e assistenza umanitaria

20 Settembre 2017
L’assistenza umanitaria dovrebbe rimanere fuori da ogni considerazione politica. Anche in Corea del Nord. (Alessandro Graziadei)

Un social cafè pro migranti

19 Settembre 2017
Non solo rifiuto o atteggiamenti paternalistici: l’incontro con i rifugiati serve per aprire nuove relazioni. Per “aiutarci in casa nostra”. (Fabio Pipinato)

Il contributo delle donne al progresso della cultura

18 Settembre 2017
Riconoscere la soggettività della donna corrisponde a riconoscere anche la differenza: la pari dignità non viene stabilita sulla base di una omogeneizzazione dei due sessi, ma sulla identificazione...

Persone da vivere: il valore del volontariato

18 Settembre 2017
Una pubblicazione per mostrare l'anima del volontariato sui territori: dalle pro loco agli alpini o ai vigili del fuoco, stessa motivazione, stesso desiderio di comunità. (Novella Benedetti)

Rivoluzione ecologica a Madrid, dal 2018 solo taxi “verdi”

17 Settembre 2017
Il Consiglio Comunale di Madrid ha deciso che dal 1 gennaio 2018 tutti i nuovi taxi che entreranno in servizio dovranno essere ecologici.