Il giornalismo d’inchiesta è la risposta migliore ai tweet di Trump

Stampa

A sei mesi dall’inizio della presidenza Trump, penso che ormai possiamo cominciare a vedere un motivo ricorrente. Il presidente degli Stati Uniti non è – per il momento – in guerra con la Corea del Nord, la Russia, la Cina, l’Iran, Cuba, il Venezuela, la Turchia, l’Islanda o la brava gente dell’Emilia-Romagna, ma di sicuro è in guerra con i mezzi d’informazioneQuasi ogni giorno dalla Casa Bianca o dall’iperattivo telefono di Trump arrivano dichiarazioni offensive e tweet. A proposito di una conduttrice televisiva ha detto che ha un “basso quoziente intellettivo” e, con una battuta ancora più pesante, che una volta l’ha vista “sanguinare dal lifting”

Ha lanciato veementi attacchi contro il New York Times e il Washington Post, e ha definito i mezzi di informazione in generale “nemici del popolo”. E ultimamente ha pubblicato su Twitter un video dei tempi in cui pubblicizzava uno spettacolo di wrestling in cui la testa dell’uomo che stava picchiando era stata sostituita dal logo della Cnn, il canale televisivo che odia più di tutti. 

Era uno scherzo, anche se poco divertente, ma i giornalisti statunitensi – che non sono certo famosi per il loro senso dell’umorismo – l’hanno definito un’incitazione alla violenza contro di loro, che potrebbe arrivare all’omicidio. Tutto questo ci fa tornare in mente le parole arroganti che ha pronunciato qualche anno fa a proposito dei giornalisti. “Non li ucciderei mai”, ha detto, che in un certo senso è un sollievo. Ma poi, nell’eventualità che qualcuno pensasse che fosse stato troppo tenero, ha aggiunto: “Ma li odio. E alcuni di loro sono veramente bugiardi e disgustosi”. 

Lo shock che questo suscita tra gli americani, a parte i suoi sostenitori, è enorme. Non solo perché quasi tutti i presidenti del secolo scorso si sono fatti in quattro per corteggiare, o almeno per andare abbastanza d’accordo, con i mezzi d’informazione, ma anche perché i suoi attacchi violano uno dei princìpi non scritti della costituzione degli Stati Uniti. Questo principio, fino a poco fa, è stato che i politici devono prendere i mezzi d’informazione e i giornalisti per quello che si vantano di essere. 

Piedistalli e bagni pubblici

Come i cittadini americani hanno il diritto di portare armi (che peraltro, quando la legge fu approvata nel 1791, significava i moschetti a pietra focaia che sparavano tre colpi al minuto, non le armi automatiche che sputano 45 raffiche contemporaneamente), i giornalisti si sono arrogati da tempo il diritto di essere messi su un piedistallo. Di conseguenza, se c’è un settore con un ego grande come il monte Rushmore è quello dei mezzi d’informazione americani. In Europa, i giornalisti occupano una posizione molto diversa: per quanto riguarda il loro status sociale, direi che sono una via di mezzo tra gli inservienti dei bagni pubblici e quegli assicuratori che vi vendono una polizza della quale non avete veramente bisogno. 

Come disse una volta a un amico il grande romanziere scozzese Walter Scott: “Il tuo rapporto con qualsiasi giornale sarebbe una vergogna e uno svilimento. Preferirei che tu vendessi gin ai poveri e li avvelenassi così”.  Siamo famosi per essere grandi bevitori, accusati di avere pessimo gusto nel vestire e, come disse una volta uno scrittore inglese, dotati “dell’astuzia di un ratto e di un minimo di abilità letteraria”: in altre parole, poco rispettabili, diagnosi che nel complesso potremmo anche accettare, anzi, della quale andare orgogliosi. 

Trump ha scelto di diventare una caricatura di se stesso

Perciò, diversamente da quanto hanno fatto in molti, e pur appartenendo alla categoria che Trump sta attaccando, le sue affermazioni non mi sconvolgono. Ho idea che non condividiamo gli stessi valori. Lui è un imprenditore, non certo il tipo di persona che prova molta simpatia per i giornalisti, e altrettanta ne suscita. Non è neanche il primo presidente degli Stati Uniti a disprezzare i mezzi d’informazione. Grover Cleveland, eletto per la prima volta nel 1884, dichiarò: “Non credo che ci sia mai stato un periodo in cui i giornali sono stati così menzogneri e meschini come oggi”. Herbert Hoover (1929-1933) si rifiutava di partecipare a qualsiasi conferenza stampa – “Non intendo essere interrogato come un ladro di polli…” – e il presidente più simile a Trump nel suo disprezzo dei mezzi d’informazione, Richard Nixon (1968-1973), diceva ai suoi assistenti: “La stampa è il nemico”. 

Semplicemente, Trump se ne esce con questi commenti più spesso e in modo più volgare, senza contare che ha accesso a quel moderno megafono per incontinenti verbali che sono i social network. Sa il cielo come giudicheremmo oggi Theodore Roosevelt se avesse potuto sfogare il suo considerevole malumore in messaggi da 140 caratteri.

David Randall da Internazionale.it

Ultime notizie

I diritti LGBT in Turchia: un’ intervista con Buse Kılıçkaya

23 Novembre 2017
Buse Kılıçkaya, attivista del movimento LGBT turco ci racconta la lotta per i diritti delle persone transgender. (Sofia Verza) 

Di ciambelle, salvagenti e cambiamenti climatici

22 Novembre 2017
Assonanze e modelli scientifici, verso una nuova era geologica. (Anna Molinari)

Cina e Africa, matrimonio in crisi

21 Novembre 2017
«C’è ancora molto lavoro da fare per trasformare la relazione tra Cina e Africa in una cooperazione vincente». Lo sostengono gli analisti finanziari di Coface. (Marco Cochi)

Conferenza sul Clima: avanti ma lentamente

21 Novembre 2017
Cala il sipario sulla Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (nota anche come COP 23), tenutasi a Bonn dal 6 al 17 Novembre. (Elisa Calliari e Roberto Barbiero)

Il diritto delle tribù incontattate a rimanere tali

20 Novembre 2017
Nel mondo ci sono più di un centinaio di tribù incontattate. Sono una parte essenziale della diversità umana. (Alessandro Graziadei)