Gas: l’incidente in Austria e i ritornelli sulla dipendenza dall’estero

Stampa

L’incidente al terminale del gasdotto TAG ha causato un morto e ventidue feriti. Le polemiche che sono seguite non hanno fatto altro che alzare un gran polverone su una situazione in realtà chiarissima. Le forniture di gas all’Italia non sono mai state in pericolo, quella del gas russo dall’Austria si è interrotta solo per poche ore. Ciononostante in molti hanno approfittato della situazione per tornare a proporre l’Italia come hub europeo del gas, citando una presunta debolezza del nostro Paese. Ma come stanno realmente le cose?

Il gasdotto TAG (Trans Austria Gasleitung) ha una potenzialità di 107 milioni di metri cubi di gas al giorno. Pari a meno del 30% del potenziale complessivo degli impianti attualmente attivi in Italia (circa 375 milioni di metri cubi al giorno). In aggiunta a questi sono già stati autorizzati nuovi impianti per un totale di altri 117 milioni di metri cubi al giorno. Se e quando saranno terminati il gasdotto TAG si ridurrebbe a poco più del 20% del potenziale nazionale di importazione. I consumi di gas nel 2016 sono stati di circa 71 miliardi di metri cubi, a fronte di una capacità di importazione attuale di circa il doppio (136 miliardi) e potenziale di circa 180 miliardi.

Non vi è quindi alcun allarme e alcun pericolo per gli approvvigionamenti. I consumi in Italia sono risaliti negli ultimi due anni dopo essere scesi per 15 anni da un massimo di 86 miliardi a un minimo di 62 nel 2014. Non a caso sono anni in cui la produzione da rinnovabili è sostanzialmente rimasta bloccata mentre i governi in carica rilanciavano l’industria fossile (ad esempio con lo Sblocca Italia). Peraltro, se giustamente siamo preoccupati della eccessiva dipendenza energetica dall’estero del nostro Paese, dovremmo affrettarci per ridurla investendo sulle rinnovabili, non per aumentarla costruendo nuove infrastrutture di importazione di gas.

Investire in nuovi gasdotti è quindi una scelta politica e industriale, non una necessità. Una scelta ribadita anche da una Strategia Energetica Nazionale troppo debole. Avevamo già ricordato qualche mese fa come i Paesi attorno all’Italia stiano perseguendo strategie di riduzione dei consumi energetici comprese tra il 50 e il 66%. A chi venderemmo il gas in queste condizioni?

Gianluca Ruggieri da Altreconomia.it

Ultime notizie

Tra sfratti e case fatiscenti: quel milione di bambini in povertà

16 Gennaio 2018
Trascorrere l’inverno per strada, accampati in tende di fortuna, è duro per chiunque. Ma lo è ancora di più se sei un bambino... (Anna Toro)

Architutti: architetti libera tutti

15 Gennaio 2018
“Non si può pensare un’architettura senza pensare alla gente” è uno dei motti dell’architetto Richard Rogers. Qualcuno lo ha preso sul serio. (Alessandro Graziadei)

I regolamenti no slot ben fatti funzionano: Anacapri ne è la prova

14 Gennaio 2018
Fra Capri e Anacapri esiste una differenza minima di popolazione residente, ma un divario abissale nelle abitudini al gioco d'azzardo. (Marco Dotti)

Costa Rica: 70 anni senza esercito

13 Gennaio 2018
Nel 2018 il Paese centro americano ricorda (e festeggia) la scelta di abolire le sue Forze Armate (Fabio Pipinato)

NCO, nuova cooperazione organizzata

12 Gennaio 2018
Un tempo questa sigla significava ben altro, ora è un progetto di inclusione sociale. (Lia Curcio)