Foreste e deforestazione: a che punto siamo?

Stampa

Foto: Unimondo.org

Nel settembre del 2014, numerosi governi, multinazionali, comunità indigene e associazioni hanno firmato nella Grande Mela la Dichiarazione di New York. Il documento li impegna a mettere fine alla deforestazione, anche quella legata alla produzione agricola, entro il 2020. Si tratta di una dichiarazione che riflette il precedente impegno del Consumer Goods Forum, un’alleanza di 400 imprese per un fatturato totale di tre miliardi di dollari che avevano già deciso di organizzarsi per ottenere una catena di rifornimenti a zero deforestazione sempre entro il 2020. Ma a che punto siamo?

L’associazione ambientalista canadese Canopy ha sviluppato una metodologia rigorosa per identificare e classificare i potenziali impatti sulle foreste attraverso Foreste 500una speciale classifica (che l'ong si è impegnata a rinnovare di anno in anno fino al 2020) che valuta 50 amministrazioni pubbliche (25 paesi con foreste, 15 paesi importatori, 10 amministrazioni locali forestali); 250 aziende attive in diverse fasi della catena di approvvigionamento; 150 investitori e finanziatori e altri 50 grandi mediatori commerciali. I risultati? Nonostante i ripetuti fenomeni di deforestazione Brasile, Colombia e Perù, assieme a paesi importatori come Germania e Olanda sono per Canopy tra le “realtà pubbliche più virtuose”, decisamente conservative rispetto ai fanalini di coda Russia, Tailandia e Venezuela. Anche tra le aziende non mancano le sorprese con Danone e Nestlé (ultimamente impegnata a rifarsi un’immagine sostenibile) che svettano tra le aziende maggiormente impegnate nel combattere la deforestazione, con policy forestali attive e un reporting trasparente. Non sfigurano neanche Kao Corp, Procter & Gamble Co, Reckitt Benckiser Group e Unilever, mentre tra i “cattivi” troviamo Kraft e Kikkoman, entrambe totalmente prive di una policy forestale, al pari della “nostra” Prada, anch’essa priva di politiche forestali sul cuoio importato, ma che almeno capace di garantire una certa trasparenza sulle proprie operazioni. 

Foreste 500 non è quindi solo un esercizio statistico, ma un vero osservatorio su governi, imprese, mediatori e istituzioni finanziarie di tutto il mondo che, insieme, se volessero, potrebbero eliminare la distruzione delle foreste tropicali. “Il sistema è semplice, anche se le metodologie adottate sono complesse” ha spiegato l’associazione ambientalista. “La deforestazione è guidata dalla produzione di una manciata di materie prime e di imprese che le utilizzano: olio di palma, di soia, carne, cuoio, legno, cellulosa e carta. Questi prodotti si muovono lungo catene di fornitura complesse, dai produttori ai commercianti, trasformatori, produttori e rivenditori e una buona metà finisce in prodotti confezionati venduti nei supermercati di tutto il mondo. Attraverso questi prodotti, siamo tutti parte dell’economia della deforestazione, a volte invisibile, ma non per questo meno dannosa”. 

In realtà molti degli articoli responsabili dell’attuale deforestazione possono benissimo essere prodotti in modo sostenibile, senza danneggiare le foreste. Ne è un esempio la carta, che tuttavia nonostante possa essere prodotta senza deforestare ed essere per questo certificata, purtroppo, per limitare i costi, continua ad avere un mercato anche se di provenienza dubbia e difficilmente tracciabile. Un esempio? Secondo un recente studio pubblicato dal centro ricerche Forest Trends in collaborazione con l’Anti Forest-Mafia Coalition indonesiana, circa un terzo del legname utilizzato dall’industria della carta in Indonesia nel 2014 proviene dall’abbattimento delle foreste pluviali o di altre fonti illegali. Secondo il rapporto, l’anno scorso, il legname di origine illegale ha superato di ben 20 milioni di metri cubi le forniture legali. Lo studio si basa sui dati del Ministero delle foreste, e sostiene che il paese non dispone di piantagioni abbastanza estese per soddisfare la capacità produttiva dell’industria. 

Lo studio di fatto dimostra l’inefficacia della moratoria sancita dal Governo sui permessi di nuove concessioni. Il nuovo presidente indonesiano Joko Widodo, insediatosi lo scorso ottobre, ha promesso di ripristinare le foreste degradate, ma per il momento ha unificato i ministeri delle foreste e dell'ambiente e ha sciolto l'agenzia incaricata di ridurre le emissioni causate dalla deforestazione. Anche per volontà politica, quindi, secondo il rapporto, “il gap nella fornitura di legno legale crescerà di almeno 10 milioni di metri cubi se le cartiere decideranno di operare a piena capacità”, e rischia aumentare fino a 44 milioni di metri cubi se saranno costruite le nuove cartiere in programma, tra cui la nuova cartiera da due milioni di tonnellate annue che la APP (azienda non proprio trasparente) vorrebbe costruire a Sumatra. 

Se abbiamo a cuore la foresta “L’Indonesia deve estendere la moratoria sulle nuove concessioni ed evitare un aumento della capacità produttiva delle cartiere” ha spiegato Michael Jenkins, di Forest Trends. Tra il 2000 e il 2012 l’Indonesia ha già perso oltre 6 milioni di ettari delle sue foreste primarie, un’area delle dimensioni dell’Inghilterra. La deforestazione, il drenaggio delle torbiere e l’impiego del fuoco per eliminare la boscaglia sono una delle principali cause delle alte emissioni di gas serra dell’Indonesia, divenuto ormai il quarto paese produttore di CO2 al mondo.  Un problema mondiale. Anche per questo la Dichiarazione di New York e il rispetto dei suoi presupposti sono fondamentali per il futuro di tutto il pianeta.

Alessandro Graziadei

Sono Alessandro, dal 1975 "sto" e "vado" come molti, ma attualmente "sto". Pubblicista, iscritto all'Ordine dei giornalisti dal 2009 e caporedattore per il portale Unimondo.org dal 2010, per anni andavo da Trento a Bologna, pendolare universitario, fino ad una laurea in storia contemporanea e da Trento a Rovereto, sempre a/r, dove imparavo la teoria della cooperazione allo sviluppo e della comunicazione con i corsi dell'Università della Pace e dei Popoli. Recidivo replicavo con un diploma in comunicazione e sviluppo del VIS tra Trento e Roma. In mezzo qualche esperienza di cooperazione internazionale e numerosi voli in America Latina. Ora a malincuore stanziale faccio viaggiare la mente aspettando le ferie per far muovere il resto di me. Sempre in lotta con la mia impronta ecologica, se posso vado a piedi (preferibilmente di corsa), vesto Patagonia, ”non mangio niente che abbia dei genitori", leggo e scrivo come molti soprattutto di ambiente, animali, diritti, doveri e “presunte sostenibilità”. Una mattina di maggio del 2015 mi hanno consegnato il premio giornalistico nazionale della Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue “Isabella Sturvi” finalizzato alla promozione del giornalismo sociale.

Commenti

Log in or create a user account to comment.

Ultime notizie

Diaspore Med-Africane: un ruolo attivo per l’integrazione

19 Febbraio 2018
E’ cominciata con la lettura dei nomi delle sei persone ferite nella sparatoria fascista di Macerata il convegno nazionale sul ruolo delle diaspore Med-Africane in Italia. (Anna Toro)

Fare comunità. I quartieri si colorano

18 Febbraio 2018
A Treviso un progetto di sviluppo di comunità promosso in sinergia tra il pubblico e il privato sociale diventa un film documentario. (Raffaella Bonora)

La Patagonia cilena tra parchi naturali, popoli indigeni e allevamenti...

17 Febbraio 2018
A fine gennaio l’uscente presidenta del Chile, Michelle Bachelet, ha firmato i decreti che creano ufficialmente la Red de Parques Nacionales de la Patagonia. (Michela Giovannini)

Le 7 proposte sulle migrazioni in Italia

16 Febbraio 2018
Le migrazioni pongono questioni cruciali e non rimandabili che riguardano tutti indipendentemente dalla provenienza. Nel deserto s'intravvede l’orizzonte di un welfare che metta sempre più al...

A cosa giocano gli italiani?

16 Febbraio 2018
Dai casinò degli anni '90 alle slot e VLT di oggi: il fenomeno coinvolge sempre più persone e mette in difficoltà famiglie e comunità. (Novella Benedetti)