Crisi? Sharing economy!

Stampa

Immagine: Gioia.it

Gli economisti più ortodossi potrebbero stracciarsi le vesti ma nel terzo millennio la risposta alla crisi viene dalla condivisione. Dallo sharing economy

Bla bla car permette alle persone innanzitutto di conoscersi on line, incontrarsi, condividere le spese. L'ho sperimentato più volte ed ho avuto la piacevole occasione d'incontrare il lavativo, il prete, molti studenti, l'immigrato. Una bella storia. Purtroppo questo dare l'auto in affitto ha creato più di qualche problema in quel di Milano per la contrarietà dei tassisti contro l'app di uber. Ma è come maledire le rotaie ad inizio dell'età moderna. Non v'è spazio pro futuro per una delle categorie più compatte e temute dai governi. E' sufficiente uno smartphone con GPS per sapere, attraverso Enjoy di Eni, dove c'è un auto nelle vicinanze da prendere a prestito; figuratevi il domani. 

 I GAS Gruppi di Acquisto Solidali, questione di pochi anni, andranno a sostituire i supermarket o, meglio, le cooperative alimentari. Sono gruppi di persone che acquistano insieme, seguendo il principio della solidarietà, che li porta a preferire produttori piccoli e locali, rispettosi dell'ambiente e delle persone, con cui entrare in relazione diretta. E' stato un boom della "filiera corta". I membri di questa community entrano in casa di uno di loro che, a turno, fa da magazzino. Grossista pro tempore. Acquista dal contadino, piccolo produttore e rivende senza guadagnarci sopra.  A turno ed on line si fa la spesa a km. zero, bio, equo, natural etc. etc. La gente si reincontra e con la scusa dei prodotti relaziona. Tutt'altro dall'anonimato dei centri commerciali.  

 Poi il singolo può cucinare i cibi mettendo a disposizione, sempre on line attraverso Gnammo e Eatwith, la propria casa e trasformarla in ristorante. Fatti due conti ci guadagna qualcosa senza pagar tasse, peraltro come quasi tutto nello sharing economy. Perché? Qual'è il problema? Non si può invitare gente on line a casa propria? 

 Volete fare un viaggio in un'altra città con pochi euro? Airbnb ha connesso, dal 2008 ad oggi, 25 milioni di viaggiatori per 190 paesi. Sia che si tratti di un appartamento per una notte, di un castello per una settimana o di una villa per un mese, questa piattaforma mette in contatto le persone con autentiche esperienze di viaggio a qualsiasi prezzo in oltre 34.000 città. Insomma, il mondo in un smartphone. 

 L'avvento di massa della Sharing Economy, coinvolge i gruppi sociali più disparati, grazie all'utilizzo di piattaforme digitali. La svolta è arrivata con la georefenziazione e l'e-mail - alert che ti avvisa in tempo reale su ciò che si cerca. Case, letti, divani, barche, castelli, spazi sui camion... Ormai ogni cosa si prende in affitto on line e si paga con credit card. Ciò rende dei potenziali venditori anche i molti disoccupati, causa crisi, che hanno beni da affittare al mondo intero. Apre i confini più della Ryanair che fa volare i proletari di tutto il mondo; anzi, di tutti i cieli ma, soprattutto, rende meno impattante l'impronta ecologica dell'uomo sulla terra. Un camion viaggia pieno sia in andata che in ritorno. 

 Ma non tutti ce la fanno. La Banca del Tempo di Trento, per esempio, ha compiuto 18 anni. E' diventata maggiorenne, funziona egregiamente vecchio stile, ma non è strutturata su una piattaforma per cui, dal mondo on line, è out. O interagisce con il mio smartphone e, quindi, è in grado di trovarmi una persona “qui ed ora” che venga a tenermi il pupo perché devo scappare all'ospedale dalla nonna, oppure non mi serve più. Non ho certo il tempo di spedire una mail ed attenderne il ritorno. Sceglierò la persona on line che è subito disponibile a me più vicina (georeferenziata), referenziata e connessa. E' il person 2 person (p2p). 

 Ma la sharing economy da anche l'opportunità  di trovare manager all'altezza per un progetto; lo sappiamo bene che con i mediocri non si va da nessuna parte. Da l'opportunità di stampare in 3D condividendo la stampante che, altrimenti, come l'auto, rimarrebbe per lo più sottoutilizzata. Poche cose ed a tempo pieno; dalla culla alla bara (c2c). It's the future. 

Altro esempio: i partner di Unimondo e migliaia di onlus puntano sempre più sul crowdfunding a sostegno delle proprie attività basandosi su quasi 40 piattaforme. 

Poche settimane fa è terminata la seconda edizione di Sharitaly. Sembra che vi sia desiderio di riconoscimento e, quindi, di accettare una certa tassazione. Staremo a vedere. 

Fabio Pipinato 

Ultime notizie

Voglio diventare assistente sessuale

21 Febbraio 2018
Un giorno potrebbero volerlo fare anche i nostri figli. E noi come reagiremo? (Anna Molinari)

Braccio di ferro tra "presidenti" in Kenya

20 Febbraio 2018
Cinquanta anni di lotte di potere con sullo sfondo, oggi come allora, la gente incapace di liberarsi della componente etnica. (Pierino Marinelli)

Diaspore Med-Africane: un ruolo attivo per l’integrazione

19 Febbraio 2018
E’ cominciata con la lettura dei nomi delle sei persone ferite nella sparatoria fascista di Macerata il convegno nazionale sul ruolo delle diaspore Med-Africane in Italia. (Anna Toro)

Fare comunità. I quartieri si colorano

18 Febbraio 2018
A Treviso un progetto di sviluppo di comunità promosso in sinergia tra il pubblico e il privato sociale diventa un film documentario. (Raffaella Bonora)

La Patagonia cilena tra parchi naturali, popoli indigeni e allevamenti...

17 Febbraio 2018
A fine gennaio l’uscente presidenta del Chile, Michelle Bachelet, ha firmato i decreti che creano ufficialmente la Red de Parques Nacionales de la Patagonia. (Michela Giovannini)