Campagna 'banche armate': ingiustificata mancanza dei dati bancari sull'export di armi

Stampa

Immagine dal sito della Campagna 'banche armate'

Dopo Rete Disarmo, anche la Campagna di pressione alle 'banche armate' con un comunicato stampa commenta e prende posizione sul recente Rapporto del Presidente del Consiglio sull’esportazione d’armamento - che Unimondo ha presentato in anteprima nazionale.

"Pur apprezzando la pubblicazione anche quest’anno del 'Rapporto del Presidente del Consiglio sui lineamenti di Politica del Governo sull’esportazione e il transito di materiale d’armamento' e la sua accessibilità attraverso la pubblicazione sul sito della Presidenza del Consiglio – la Campagna è fortemente preoccupata per il consistente incremento delle autorizzazioni alle esportazioni di armamenti, che nel 2008 hanno raggiunto la cifra record di oltre 3 miliardi di euro, con un crescita di quasi il 29% rispetto al 2007. Senza dire che il valore delle autorizzazioni delle transazioni bancarie ha superato i 4 miliardi di euro" - riporta il comunicato stampa.

“In particolar modo – denunciano padre Alex Zanotelli, padre Mario Menin e padre Franco Moretti, direttori delle riviste Mosaico di Pace, Missione Oggi e Nigriziaci preoccupano, e crediamo che non possano essere lasciate senza spiegazioni, le autorizzazioni verso paesi in conflitto (tra cui Israele), in zone di forte tensione (Medio Oriente, Africa e Asia), dove le organizzazioni internazionali segnalano “gravi violazioni dei diritti umani”, e, più in generale, verso i paesi del sud del mondo, a cui, nell’insieme, lo scorso anno è stato destinato più del 30% dell’esportazione militare italiana, pari a quasi 928 milioni di euro”.

La campagna, inoltre, nel valutare la volontà espressa dalla Presidenza del Consiglio di “incrementare ulteriormente la trasparenza sulle attività”, non ritiene giustificata la mancanza nel Rapporto della tabella riassuntiva del ‘Valore degli importi autorizzati’ agli istituti di credito che forniscono servizi d’appoggio al commercio di armi. “Una tabella che – sottolineano i direttori – non dovrebbe mancare dalla più ampia Relazione che la Presidenza del Consiglio ha consegnato al Parlamento: una tabella la cui pubblicazione, contestualmente al Rapporto, avrebbe indicato una chiara volontà di trasparenza su tutti i settori dell’esportazione di armamenti”.

“Ricordiamo – prosegue la nota dei tre direttori – che nel giugno 2008 la nostra campagna, con una lettera ufficiale alla Presidenza del Consiglio e alle amministrazioni competenti, ha segnalato la mancanza nell’allegato alla Relazione del Ministro dell’Economia e delle Finanze (Dipartimento del Tesoro) del “Riepilogo in dettaglio suddiviso per Istituti di Credito”: un documento voluminoso che il suddetto ministero ha sostituito – senza alcuna spiegazione – con un “Riepilogo in dettaglio suddiviso per Aziende” (Documento E), che, di fatto, ha sottratto al controllo parlamentare e della società civile informazioni di decisiva rilevanza circa l’operato in materia degli istituti di credito. Stiamo ancora aspettando risposta a quella lettera inviata alla Presidenza del Consiglio e alle amministrazioni competenti”.

“Vogliamo, perciò, credere - continua la nota dei tre direttori - che la volontà espressa dalla Presidenza del Consiglio nell’attuale Rapporto di porre “ogni sforzo per continuare il dialogo con i rappresentanti delle organizzazioni non governative interessate al controllo delle esportazioni e dei trasferimenti dei materiali d’armamento, con la finalità di favorire una più puntuale e trasparente informazione nei temi d’interesse”, intenda comprendere anche un confronto approfondito sui temi delle informazioni che riguardano le operazioni bancarie. Informazioni che sono l’unico modo per garantire un riscontro ufficiale e preciso agli istituti di credito che hanno messo in atto politiche restrittive in materia, e consentono alla società civile di valutare l’operato delle banche con il rigore e l’attenzione che sono indispensabili”.

“Ci associamo, pertanto, alla richiesta della Rete Italiana Disarmo – di cui la nostra campagna è parte – nel chiedere un incontro urgente con la Presidenza del Consiglio e le amministrazioni competenti per poter valutare nel merito l’attuale Rapporto e, più in generale, la politica del Governo sull’esportazione materiale d’armamento, e chiediamo fin d’ora che il Parlamento analizzi l’attuale Rapporto e la Relazione che gli è stata inviata anche con un dibattito finale in aula che preveda una votazione esplicita su un tema così delicato come quello dell’esportazione militare italiana” - conclude la nota della campagna.

Ultime notizie

Globalizziamo e rinnoviamo l’energia!

24 Marzo 2017
Per pensare l’energia del futuro bisogna approcciare il fenomeno con una visione "globale e rinnovabile". (Alessandro Graziadei)

Se arrivano… dove arrivano?

23 Marzo 2017
Partono da situazioni di povertà o di guerra, passano attraverso il deserto, le angherie dei trafficanti, le insidie del mare. Giungono a noi che, se non li respingiamo, li lasciamo in balia della...

Questo imballaggio si autodistruggerà!

23 Marzo 2017
Nuove frontiere del packaging per un mondo meno inquinato. (Anna Molinari)

Europa e Asia centrale stanno passando a nuove forme di malnutrizione

23 Marzo 2017
Il 14 marzo la Fao ha pubblicato il rapporto “Regional Overview of Food Insecurity: Europe and Central Asia” secondo il quale «La crescita economica e l’aumento dei redditi hanno messo fi...

I candidati di Fondazione Finanza Etica per Eni e Finmeccanica

22 Marzo 2017
Ogni anno alle assemblee degli azionisti di Eni, Enel e Finmeccanica, a cui la Fondazione Finanza Etica partecipa come azionista critico, c’è sempre molta attesa per un signore di media statura, su...