Armi: nel 2003 la Siria le fornì a Saddam e l'Italia alla Siria

Stampa

Iraq

Nonostante le sanzioni internazionali, alla viglia della guerra in Iraq la Siria riforni di armi Saddam Hussein. Lo ha rivelato nei giorni scorsi una dettagliata inchiesta del Los Angeles Times. L'inchiesta mostra come il traffico di armi tra Siria e Iraq sia stato diretto da una società di proprietà di Bashar Assad, cugino di Saddam. La società Ses International Corporation, guidata da Assad e controllata da altri importanti esponenti del partito Baath siriano, avrebbe regolarmente trasferito armi all'Iraq nel periodo tra il 2000 e il 2003. Nel traffico sono direttamente coinvolti diversi personaggi di punta del regime di Damasco e gli ultimi 50 contratti, per un valore di decina di milioni di dollari, sarebbero stati firmati tra la fine di febbraio e gli inizi di marzo 2003 a pochi giorni dall'inizio dei bombardamenti Usa su Baghdad.

In particolare l'inchiesta mostra come nei mesi precenti l'intervento Usa vi stata da parte di Saddam una "disperata ricerca in almeno una dozzina di nazioni di missili balistici, missili contraerei, artiglieria, pezzi di ricambio per aerei da combattimento MIG, carroarmati, sistemi radar e esplosivi". L'articolo ricorda inoltre come nel marzo scorso l'amministrazione Bush aveva accusato la Siria di aver inviato "visori notturni e altro materiale bellico" all'Iraq, ma che gli stessi ufficiali statunitensi "non erano a conoscenza delle dimensioni del traffico illecito di armi tra i due paesi".

 

EXPORT DI ARMI ITALIANE:
- La Relazione 2003 sull'export di armi italiane (dal sito del Parlamento)
- Dati e analisi (da Campagna banche armate)
- Analisi dell'export 2002

"Quello che il giornale Usa ha mancato di investigare è se tra le armi passate a Saddam dalla Siria non vi siano anche i sofisticati sistemi di visori notturni di puntamento per carri armati T72 che lo scorso anno l'Italia vendette alla Siria" - commenta Giorgio Beretta della Campagna per il controllo dell'export di armi italiane. "Sarebbe ora necessario che si aprisse un'inchiesta parlamentare anche in Italia e mi auguro che qualche parlamentare voglia finalmente tirarsi su le maniche e cominciare a guardare da vicino alla faccenda".

In un articolo dello scorso maggio Beretta aveva documentato come la Relazione 2003 della Presidenza del Consiglio sull'export di armi italiane, riportava che nel 2002 fossero state autorizzate dall'Italia vendite di armamenti alla Siria per un totale di oltre 18 milioni di euro. Si tratta di 17 esportazioni che fanno parte di una mega commessa da 266.379.656 euro (515 miliardi di lire) firmata nel 1998 e mai interrotta nonostante le continue accuse di violazioni al governo siriano: e tra questi appunto i sistemi di visori notturni di puntamento e di controllo del tiro per carri armati T72 di fabbricazione sovietica. "E' inaccettabile che nei giorni in cui il segretario statunitense alla Difesa Donald Rumsfeld accusava la Siria di aver esportato visori notturni di puntamento all'Iraq, nessuno in Italia si sia chiesto se tra essi non vi fossero anche quelli venduti a Damasco dal nostro Paese che, oltretutto, sono prodotti da un'azienda controllata dallo Stato, le Officine Galileo della Finmeccanica" - conclude Beretta. [AT]

Altre fonti: Los Angeles Times

Ultime notizie

A Parma in progetto 11 chilometri di verde per fare da filtro all’autostrada

22 Ottobre 2017
Nel 2018 verranno piantumati i primi 1.200 metri lineari della A1 verso Parma. A fine progetto saranno ventiduemila gli alberi e gli arbusti antismog. (Simone Fanti)

Miti che muoiono

21 Ottobre 2017
La scorsa settimana si è ricordato il cinquantesimo anniversario dell’uccisione di Ernesto Che Guevara, avvenuta in Bolivia il 9 ottobre 1967. (Piergiorgio Cattani)

Profitto vs pinguini…

20 Ottobre 2017
È possibile una riclassificazione in santuario marino integralmente protetto delle acque intorno alla Georgia del Sud e alle le isole Sandwich? (Alessandro Graziadei)

Dalla Palestina alla Mongolia, la lotta per la libertà delle persone disabili

19 Ottobre 2017
Si è parlato di empowerment nel secondo giorno del Festival della cooperazione internazionale di Ostuni. I rappresentanti delle ong hanno raccontato le esperienze in diversi paesi del mondo alla ri...

Repubblica Centrafricana, dove lo stupro è una tattica di guerra

19 Ottobre 2017
Per chi sopravvive, c’è poi lo stigma. Per questo molte decidono di non parlare e denunciare. (Anna Toro)