Armi bresciane ai regimi repressivi del Nord Africa, la denuncia di OPAL

Stampa

Armi italiane a Exa 2012: a chi vengono vendute? – Foto: Famiglia Cristiana

Mentre si è chiusa ieri a Brescia la trentunesima edizione di EXA, la mostra internazionale delle armi sportive, security e outdoor (un grande successo a detta degli organizzatori), sempre nella città lombarda veniva presentato venerdì 13 aprile l’annuario dell’Osservatorio permanente sulle armi leggere (OPAL, un luogo scientifico indipendente di ricerca, monitoraggio, analisi e di informazione al pubblico, nazionale ed estero, sulla produzione e commercio delle “armi leggere e di piccolo calibro”, specificatamente in Lombardia, ma con attenzione anche al territorio nazionale ed europeo).

OPAL rende noto che, secondo dati ISTAT molto recenti, dalla Provincia di Brescia sono state esportate anche durante tutto il 2011 – cioè nel pieno delle rivolte delle popolazioni della cosiddetta “Primavera araba” – “armi e munizioni” per un valore complessivo di 6,8 milioni di euro ai paesi del Nord Africa, e oltre 11 milioni di euro ai paesi del Medio Oriente.

«In occasione di EXA 2012, chiediamo alle autorità competenti e alle industrie produttrici di armi della Provincia di Brescia di fare subito piena chiarezza su queste esportazioni che riguardano armi leggere per ‘uso civile e sportivo’, ma che sono altrettanto letali delle armi ad uso militare» – afferma Piergiulio Biatta, presidente di OPAL.

Il materiale esportato verso paesi in guerra oppure attraversati da conflitti interni è ampio e consistente. Mentre la ditta italiana Area Spa, specializzata in sicurezza informatica, lavora per la sanguinaria repressione del regime di Assad in Siria, Giorgio Beretta, ricercatore di OPAL e redattore di Unimondo (nessuna parentela con gli omonimi produttori di armi di Gardone Val Trompia) traccia il bilancio delle armi italiane esportate nelle zone turbolente di Africa e Medio Oriente.

«Nella categoria CH254 dell’ISTAT sono riportate per il 2011 esportazioni dalla Provincia di Brescia di ‘armi e munizioni’ ai seguenti paesi del Nord Africa (per un valore complessivo di 6.808.503 di euro): Marocco (3.608.893 euro), Algeria (2.865.344 euro), Egitto (332.386 euro) e Tunisia (1.880 euro). E, per quanto riguarda l’area del Medio Oriente (sempre nel 2011 dalla Provincia di Brescia) sono state esportate ‘armi e munizioni’ per un valore complessivo di 11.190.345 di euro, nello specifico: Emirati Arabi Uniti (4.619.238 euro), Giordania (1.447.661 euro), Libano (978.324 euro), Kuwait (969.360 euro), Oman (609.801 euro), Qatar (501.810 euro), Bahrain (161.721 euro) ed altre per valori minori a Giorgia e Armenia senza dimenticare i 1.847.150 euro di esportazioni di queste armi a Israele.

Suscitano diversi interrogativi – prosegue Beretta – l’invio di ampie forniture di armi in paesi come l’Algeria dove lo scorso anno le manifestazioni popolari hanno chiesto la fine dello stato di emergenza e le dimissioni del presidente Abdelaziz Bouteflika, al potere da quasi 12 anni; ma anche quelle del Marocco dove, oltre alle numerose contro il potere monarchico del re Mohammed VI, permane l’occupazione illegale del Sahara Occidentale con le limitazioni alle libertà delle popolazioni saharawi. E andrebbe chiaramente spiegato a quale milizia o fazione militare sono state vendute quelle armi e munizioni per quasi 1 milione di euro esportate in Libano, dove dal 2006 è stanziato un contingente miliare italiano nell’ambito della missione di peace-keeping dell’Onu denominata UNIFIL».

«Uscendo dall’ambito mediorientale – conclude Beretta – andrebbe urgentemente chiarito di che tipo siano e a chi siano state destinate quelle armi per oltre 1 milione di euro (1.050.758 euro) esportate da qualche azienda bresciana in Bielorussia tra aprile e giugno 2011, cioè pochi giorni prima che l’Unione Europea decretasse il 20 giugno un embargo di armi verso il paese ex-sovietico a causa delle violazioni dei diritti umani e della repressione messa in atto dal regime del presidente Lukashenko.

Come riporta la decisione del Consiglio dell’Unione (2011/357/CFSP) e relativo Regolamento (Council Regulation n. 588/2011) che impongono l’embargo, sono proibite verso la Bielorussia “la vendita, la fornitura, il trasferimento o l’esportazione di armi e relativo materiale di qualsiasi tipo, comprese armi e munizioni, veicoli ed equipaggiamenti militari, materiale paramilitare e relativi pezzi di ricambio di cui sopra, nonché attrezzature che possono essere utilizzate per la repressione interna, da parte di cittadini degli Stati membri o in provenienza dal territorio degli Stati membri o mediante navi o aeromobili di bandiera, siano essi originari o meno nei loro territori”. Da un nostro primo esame dei dati, pare si tratti in gran parte di pistole e rivoltelle, ma va fatta assoluta chiarezza da parte delle autorità e delle associazioni armiere».

«Non vorremmo si trattasse di un’esportazione simile a quella degli 11.200 pezzi tra pistole e fucili semiautomatici prodotti dalla ditta Beretta di Gardone Val Trompia per un valore di oltre 7,9 milioni di euro esportate come “armi leggere e non militari” ma consegnate alla Direzione Armamenti della Pubblica Sicurezza del colonnello Gheddafi» – aggiunge Carlo Tombola, coordinatore scientifico di OPAL. «Né vorremmo venire a sapere dalla stampa internazionale che queste armi “civili” prodotte ed esportate dalla provincia di Brescia sono state poi “triangolate” e finite nelle mani di altri destinatari e anche di terroristi, com'è accaduto nella vicenda delle “Beretta fantasma” (vedi il processo che si è aperto a Brescia in queste settimane)» – ha concluso Carlo Tombola.

Il fatto che non sia ancora stata resa nota da parte del Governo Monti la Relazione annuale sulle esportazioni di armi italiane ad uso militare – che avrebbe dovuto essere pubblicata per il 31 marzo – mentre è stata presentato in Parlamento un Disegno di Legge che delega al Governo la riforma della legge 185/1990, non depone a favore della trasparenza su un settore come quello dei trasferimenti delle armi che riguarda la stessa politica estera e di difesa del nostro paese. [PGC]

Ultime notizie

“L’Italia è una repubblica democratica, fondata sul lavoro” (verde)

17 Novembre 2017
Serve in Italia una regia politica e istituzionale capace di valorizzare lo sviluppo sostenibile. (Alessandro Graziadei)

Una giusta transizione per salvare i lavoratori dei combustibili fossili

16 Novembre 2017
Il cambiamento climatico non colpisce solamente l’ambiente, ma ha anche un effetto diretto e indiretto sugli esseri umani. Gli effetti possono ripercuotersi sulla salute, sull’alloggio&nb...

Molestie sulle donne: cosa c’è di così difficile da capire?

16 Novembre 2017
Il caso Weinstein ha scoperchiato il classico vaso di Pandora su tutta una serie di vicende dolorose e poco edificanti. (Anna Toro)

Educazione di strada, dall’Italia al mondo

15 Novembre 2017
Esperienze concrete e prospettive teoriche si incontrano così nella vera battaglia da combattere, quella per i bambini. (Cristiano Morsolin)

Kazakhstan e Kirghizistan ai ferri corti

15 Novembre 2017
Cresce l'importanza dei Paesi dell'Asia Centrale, ma non mancano scintille e scaramucce, soprattutto tra i Paesi dell'ex blocco sovietico, divisi tra l'attrazione verso la Russia e quella verso la...