Al posto delle palme i giacinti per depurare gli affluenti del Gange

Stampa

Foto: Asianews.it

A Varanasi, in Uttar Pradesh, tutta la comunità cristiana ha celebrato la Domenica delle Palme. Ma al posto dei classici rami di palma, i cristiani hanno sollevato piante di giacinto, prelevate dai due principali affluenti del Gange che bagnano la città sacra per la religione indù. In vista delle celebrazioni, il Vishwa Jyoti Communications, il centro di informazione dell’Indian Missionary Society, ha riunito attivisti di tutte le religioni. Essi si sono impegnati a depurare il lago Kandwa dai rami di giacinto che crescono rigogliosi, e che impediscono il normale deflusso dei fiumi Varuna e Asi, i due corsi d’acqua che danno il nome alla città.

Le acque di entrambi i fiumi sono drenate e inquinate da piante infestanti, oltre che da numerosi rifiuti. Per questo p. Anand ims e p. Praveen Joshi ims hanno dato vita ad un gruppo di persone attente alla cura dell’ambiente e del territorio che ha organizzato una speciale campagna di “ringiovanimento” dei fiumi.

L’obiettivo degli organizzatori, riferiscono i due sacerdoti ad AsiaNews, “è attirare l’attenzione dell’amministrazione pubblica sulle deplorevoli condizioni di questi corsi d’acqua”. Grazie alla continua opera di persuasione da parte del Vishwa Jyoti Communications, negli anni i governi statali hanno adottato qualche misura a protezione delle acque e delle sue popolazioni che abitano le rive.

Ma ora, con il cambio di amministrazione dello Stato [passato in mano al Bjp (Bharatiya Janata Party, nazionalisti indù) alle recenti elezioni di metà marzo – ndr], il loro lavoro ha subito una brusca interruzione. I sacerdoti riferiscono che gli attivisti – sotto lo slogan “Sajha Sanskriti Manch” (Forum unito per la diversità culturale) – hanno deciso di portare avanti l’opera di depurazione dei fiumi, nonostante abbiano ricevuto delle minacce. La campagna di ripulitura, concludono i sacerdoti, “si trova di fronte l’opposizione delle caste elevate, che hanno invaso le sponde del fiume e costruito grandi ville in maniera illegale”.

Nirmala Carvalho da Asianews.it

Ultime notizie

Malnutrizione nel Sahel: una malattia mortale

18 Gennaio 2018
L’azione di due Ong nel Burkina Faso cerca di prevenirla soprattutto nei bambini. (Lia Curcio)

Erotismo a temperature polari

17 Gennaio 2018
Perché a parlare di sesso si scopre più di quanto si immagini. (Anna Molinari)

Missioni militari italiane 2018: +Africa - Afghanistan e Iraq

16 Gennaio 2018
La missione in Niger verrà votata dall’aula della Camera il 17 gennaio. Sarà probabilmente l’ultimissimo atto del Parlamento prima del voto del 4 marzo su tutte le missioni militari italiane 2018 c...

Tra sfratti e case fatiscenti: quel milione di bambini in povertà

16 Gennaio 2018
Trascorrere l’inverno per strada, accampati in tende di fortuna, è duro per chiunque. Ma lo è ancora di più se sei un bambino... (Anna Toro)

Architutti: architetti libera tutti

15 Gennaio 2018
“Non si può pensare un’architettura senza pensare alla gente” è uno dei motti dell’architetto Richard Rogers. Qualcuno lo ha preso sul serio. (Alessandro Graziadei)