Al posto delle palme i giacinti per depurare gli affluenti del Gange

Stampa

Foto: Asianews.it

A Varanasi, in Uttar Pradesh, tutta la comunità cristiana ha celebrato la Domenica delle Palme. Ma al posto dei classici rami di palma, i cristiani hanno sollevato piante di giacinto, prelevate dai due principali affluenti del Gange che bagnano la città sacra per la religione indù. In vista delle celebrazioni, il Vishwa Jyoti Communications, il centro di informazione dell’Indian Missionary Society, ha riunito attivisti di tutte le religioni. Essi si sono impegnati a depurare il lago Kandwa dai rami di giacinto che crescono rigogliosi, e che impediscono il normale deflusso dei fiumi Varuna e Asi, i due corsi d’acqua che danno il nome alla città.

Le acque di entrambi i fiumi sono drenate e inquinate da piante infestanti, oltre che da numerosi rifiuti. Per questo p. Anand ims e p. Praveen Joshi ims hanno dato vita ad un gruppo di persone attente alla cura dell’ambiente e del territorio che ha organizzato una speciale campagna di “ringiovanimento” dei fiumi.

L’obiettivo degli organizzatori, riferiscono i due sacerdoti ad AsiaNews, “è attirare l’attenzione dell’amministrazione pubblica sulle deplorevoli condizioni di questi corsi d’acqua”. Grazie alla continua opera di persuasione da parte del Vishwa Jyoti Communications, negli anni i governi statali hanno adottato qualche misura a protezione delle acque e delle sue popolazioni che abitano le rive.

Ma ora, con il cambio di amministrazione dello Stato [passato in mano al Bjp (Bharatiya Janata Party, nazionalisti indù) alle recenti elezioni di metà marzo – ndr], il loro lavoro ha subito una brusca interruzione. I sacerdoti riferiscono che gli attivisti – sotto lo slogan “Sajha Sanskriti Manch” (Forum unito per la diversità culturale) – hanno deciso di portare avanti l’opera di depurazione dei fiumi, nonostante abbiano ricevuto delle minacce. La campagna di ripulitura, concludono i sacerdoti, “si trova di fronte l’opposizione delle caste elevate, che hanno invaso le sponde del fiume e costruito grandi ville in maniera illegale”.

Nirmala Carvalho da Asianews.it

Ultime notizie

Rifugiati? L’Uganda sceglie di continuare ad accogliere

23 Maggio 2018
L’Uganda è il primo Paese africano nell’accoglienza di rifugiati. (Miriam Rossi)

“Se la vita è un viaggio noi vogliamo farlo in bicicletta”

22 Maggio 2018
A pedalare ogni giorno con tappe di circa 100 chilometri, sono stati i ragazzi e le ragazze che hanno avviato un percorso per uscire della tossicodipendenza. (Alessandro Graziadei)

Cooperazione internazionale e comunità: quali prospettive?

21 Maggio 2018
Ripensare lo sviluppo locale e l’empowerment nell’ottica della partecipazione. (Anna Molinari)

I pescatori guardiani del mare contro la plastica

20 Maggio 2018
Qui da circa un mese i pescherecci possono raccogliere i rifiuti plastici e gettarli in un apposito contenitore in banchina. (Gaetano Pascale)

Festival di Pergine, l'accessibilità per tutte e tutti

19 Maggio 2018
Servizi per non udenti e non vedenti, esperienze sensoriali per persone senza disabilità e tanto altro per un festival davvero inclusivo. (Novella Benedetti)