Agenda Onu 2030: pragmatica comunicativa e relazioni di pace

Stampa

Foto: Vita.it

La parola ha più potere di conoscenza, in quanto è strumento di scambio e di attenta descrizione dei fatti, degli eventi, dei comportamenti. Quando la grammatica comunicativa si riempie di termini, di accezioni, di parole e vocaboli, si crea conoscenza, sapere, descrizione dettagliata degli eventi, allontanando così le forme di interpretazione che sfociano nelle manie patologiche del XX secolo. Se non conosco l’altro, devo sapere come è, in quanto l’area della conflittualità è sempre dimensione di non conoscenza. Nella "pragmatica della comunicazione umana" Watzlavick indica nel sillogismo “io penso che tu pensi” una necessità di interpretazione relazionale, a livello di rapporti umani, che spesso sfocia nella patologia, nelle posizioni indefinite, nelle dimensioni aperte dei perché, nel non detto. Occorre lasciare uno spazio all’identificazione per evitare il conflitto, assumendosi le proprie responsabilità. Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e di relazione che qualifica lo stesso sfociando nella metacomunicazione.

Nella comunicazione i soggetti si definiscono e questo può suscitare nell’interlocutore la reazione di conferma, il più grande fattore che garantisce lo sviluppo e la stabilità mentale, oppure il rifiuto e la disconferma. Da queste ultime due reazioni insorgono le modalità interpretative, ossia schemi mentali di difesa che portano alla paranoia, nella presa di posizione, spesso violenta che si conclude con il conflitto, in cui si permane a lungo, si sosta, in un’impasse di esasperazioni. Tutto ciò che gravita intorno ad interessi, ad ambiti, a scelte crea giudizio, spesso principio di conflitto, forse relativo ad un bisogno, ad un’attesa, ad un’aspettativa che suscitano la dimensione interpretativa e paranoica che fossilizza su posizioni inoppugnabili, ma che spesso costituiscono un ambito di comunicazione a livello cognitivo. Per dipanare il conflitto risulta utile una raccolta di informazioni sulla realtà con la capacità di rilevare informazioni dai comportamenti, ossia la mimesis, l'imitazione della natura del reale come sosteneva Aristotele. Con la descrizione il più dettagliata possibile degli eventi si chiarifica la struttura della sequenza degli interscambi fattuali e si può giungere alla definizione e delineazione delle dinamiche conflittuali per poi condurre ad una consensualità fra le parti (dal latino cum-sensum) che potranno decidere di andare nella stessa direzione, pur mantenendo una loro opinione, una posizione, nel rispetto delle diversità e differenze.

Dunque non è necessario risolvere il conflitto tramite la pattualità mediatrice e metabletica, ossia la dimensione di cambiamento che permette di modificare la propria idea, di giungere ad un compromesso, trasformandosi, ma si considera il senso, la direzione, la direttiva delle parti verso un punto di accordo, di concordia verso una dimensione ritenuta giusta, equa, consensuale, da entrambe o più parti in causa. Certe configurazioni relazionali sono più ripetitive e probabili secondo un processo stocastico dovuto al caso e inerenti ad una catena di simboli ed eventi. Secondo la teoria dell’informazione, i processi stocastici mostrano ridondanze pragmatiche sul comportamento da cui percepiamo incoerenze. Infatti siamo in costante comunicazione, ma non riusciamo mai a comunicare sulla comunicazione, perché la metacognizione e la metacomunicazione ci permettono di ragionare sulle posizioni e le opinioni dell’altro, del diverso da me, infrangendo ogni rischio di ridondanza e di fenomeno interpretativo. Nella comunicazione umana sussistono sequenze di mosse governate da regole su cui si può comunicare e asserire, ossia metacomunicare. Nel calcolo della pragmatica della comunicazione umana, le regole sono osservate nella comunicazione efficace e violate nella comunicazione disturbata o psicopatologica. Secondo Birdwistell, un individuo non produce comunicazione, ma vi partecipa. Questo suggella il concetto dell’impossibilità di non comunicare e quindi, secondo Habermas, dell’inevitabilità del conflitto, nella congerie della complessità umana portatrice di miriadi di differenze e diversità, di alterità e solidarietà, di bontà o esacerbato rancore, di amore. Dunque il veicolo dell’interazione è la comunicazione, ma l’uomo non è solo animale sociale.

La comunicazione e quindi la conflittualità, quale forma di interazione nell’esistenza, sono concetti inseparabili. La realtà è come la facciamo essere. Il modo di essere al mondo è il risultato della scelta dell’uomo stesso, del significato che il soggetto attribuisce all’esistenza oltre l’oggettiva comprensione umana. Secondo Nietzsche chi ha un perché per vivere sopporta meglio come vivere. L’individuo non può vivere senza metacomunicazione, in quanto necessita di attribuire senso e significato alla realtà e alla vita (Bruner). Non può vivere nell’universo assurdo della schizofrenia, nell’assenza di significato, nell’orrore del nulla esistenziale. Se l’esistenza perde significato origina angoscia e depressione. L’attribuzione di senso e significato è possibile solo a livello di intuizione ed empatia. Il paradosso ultimo dell’esistenza: l’uomo è soggetto e oggetto della sua ricerca al fine di comprendere il senso ed il significato della propria esistenza. Tutto questo ha avuto un tentativo di formalizzazione nel Tractatus di Wittengstein: “mondo e vita sono una sola cosa: io sono il mondo”. Dunque la realtà è consensuale. Il primo assioma di Watzlavick indica che non si può non comunicare e che dunque la comunicazione è alla base della relazione e della sequenza continua di scambi ed eventi che costituisce una punteggiatura pragmatica di relazioni e di contenuto. Spesso questi ultimi due aspetti si confondono in una comunicazione disturbata o patologica e il disaccordo, il conflitto si manifestano a livello di contenuto oggettivabile e di relazione e metacomunicazione. 

Laura Tussi

Docente, giornalista e scrittrice, si occupa di pedagogia nonviolenta e interculturale. Ha conseguito cinque lauree specialistiche in formazione degli adulti e consulenza pedagogica nell'ambito delle scienze della formazione e dell'educazione. Collabora con diverse riviste telematiche tra cui PressenzaPeacelinkIldialogoUnimondo, AgoraVox ed ha ricevuto il premio per l'impegno civile nel 70esimo Anniversario della Liberazione M.E.I. - Meeting Etichette Indipendenti, Associazione Arci Ponti di Memoria e Comune di Milano. Autrice dei libri: Sacro (EMI 2009), Memorie e Olocausto (Aracne 2009), Il dovere di ricordare (Aracne 2009), Il pensiero delle differenze(Aracne 2011), Educazione e pace (Mimesis 2012), Un racconto di vita partigiana - con Fabrizio Cracolici, presidente ANPI Nova Milanese (Mimesis 2012), Dare senso al tempo-Il Decalogo oggi. Un cammino di libertà (Paoline 2012), Il dialogo per la pace. Pedagogia della Resistenza contro ogni razzismo (Mimesis 2014), Giovanni Pesce. Per non dimenticare (Mimesis 2015) con i contributi di Vittorio Agnoletto, Daniele Biacchessi, Moni Ovadia, Tiziana Pesce, Ketty Carraffa. Collabora con diverse riviste di settore, tra cui: "Scuola e didattica" - Editrice La Scuola, "Mosaico di Pace", "GAIA" - Ecoistituto del Veneto Alex Langer, "Rivista Anarchica". Promotrice del progetto per non dimenticare delle Città di Nova Milanese e Bolzano www.lageredeportazione.org e del progetto Arci Ponti di memoria www.pontidimemoria.it. Qui il suo canale video.

Ultime notizie

Architetti… che ne dite delle neuroscienze?

22 Agosto 2017
Scienze cognitive e ambiente edificato, un’unione che s’ha da fare (Anna Molinari)

Africa in cerca di stabilità e democrazia

21 Agosto 2017
Mentre focolai di guerra e di violenza si propagano anche alle nostre città, in Africa, con mille contraddizioni, alcuni Paesi cercano di progredire. (Piergiorgio Cattani)

Fare un selfie al mondo: la condizione umana nell'età del turismo

20 Agosto 2017
La plebe è plebea, il popolo populista, il multiculturalismo è una zuppa buona per tutte le occasioni e il turista inquina, sporca, devasta: siamo vittime di luoghi comuni e facilonerie che non san...

Un telefono senza fili per elaborare il lutto

19 Agosto 2017
Affrontare il dolore di ogni giorno ad anni di distanza dallo tsunami (Anna Molinari)

'Estremismo': lo Stato russo e la caccia alle streghe contro i Testimoni di Geova

19 Agosto 2017
Una donna e suo figlio arrestati a Kursk per aver distribuito volantini di invito alla setta. “Estremiste” anche le traduzioni della Bibbia che non partono dalle fonti ebraiche e greche. Lo stesso...