A 30 anni dal disastro di Chernobyl

Stampa

Foto: Sky.it

Chernobyl, un nome che si associa inevitabilmente a un altro termine: disastro. Era l’1.23 del 26 aprile 1986 quando una nube di materiale radioattivo fuoriuscì dal reattore numero 4 della centrale nucleare situata in Ucraina settentrionale, allora Urss. Fu il più grave incidente nucleare sino ad oggi mai avvenuto. L’errore umano unito agli sbagli progettuali della struttura causò la catastrofe: le barre di uranio del nocciolo del reattore si surriscaldarono fino provocarne la fusione, con le conseguenti esplosioni che ruppero la copertura della centrale e fecero disperdere nell’atmosfera le particelle radioattive; non furono deflagrazioni nucleari, tuttavia gli effetti della contaminazione risultarono 100 volte superiori a Hiroshima e Nagasaki messe insieme. Ai “soli” 31 morti collegati immediatamente all’incidente si unirono i decessi dei centinaia di tecnici inviati a tamponare il disastro (i cosiddetti “liquidatori”, per di più vigili del fuoco, militari, medici) che morirono a causa dell’esposizione alle radiazioni, 336mila persone furono evacuate nei giorni successivi all’incidente, almeno 500 villaggi vicini alla centrale furono distrutti e interrati insieme al bestiame e agli animali da compagnia. Circa 5 milioni di persone furono esposte alla contaminazione radioattiva, non solo nei territori vicini alla centrale ma, irregolarmente, a seconda delle condizioni atmosferiche, soprattutto in vaste aree delle odierne Bielorussia, Ucraina e Russia, anche in tutta l’Europa occidentale e perfino in porzioni della costa orientale dell’America settentrionale.

Oggi sappiamo molto, anche se non tutto, di quanto accadde 30 anni fa. Tutto il contrario dell’incertezza di informazioni sull’incidente che caratterizzò i media italiani su un accadimento avvenuto al di là della cortina di ferro. Riascoltando le parole di Pierluigi Camilli, mezzobusto del TG1, è un continuo rimando a un “si dice”, “probabilmente”, “non si hanno informazioni”, in un resoconto in cui “fonti sovietiche” e “fonti statunitensi” si confrontarono nell’ennesima tribuna mediatica fornita dalla guerra fredda nel tentativo di ricostruire a proprio vantaggio la realtà dei fatti. Una cosa è certa: non si aveva idea della catastrofe che si aveva innanzi né tantomeno esistevano strumenti per farvi fronte. Alcuni esempi sono lampanti: dopo aver tentato inutilmente di ripulire l’area attorno al noto reattore 4 della centrale nucleare con l’aiuto di robot, messi fuori gioco dall’eccessivo livello di radiazioni, le autorità decisero di impiegare operai umani. Le conseguenze furono analoghe ma di certo ben più tragiche: è stato calcolato che il livello di radiazioni nella zona era così alto che, dopo appena 40 secondi, gli spalatori ne avevano assorbite più di quelle che sarebbe lecito in una vita intera. Fu probabilmente nel tentativo di insabbiare l’accaduto e non generare panico che, ben 36 ore dopo l’incidente e solo dopo l’intervento del governo della Svezia, investita dalla nube radioattiva a causa del vento, i sovietici dichiararono pubblicamente lo stato di emergenza, decisero di evacuare le città limitrofe alla centrale e crearono un cordone di sicurezza (la cosiddetta “zona di alienazione”) per un raggio di 30 Km attorno alla centrale. Furono necessari 15 giorni per spegnere l’incendio divampato nell’edificio e avviare rapidamente la costruzione di una struttura di contenimento in acciaio e cemento atta a ricoprire il reattore distrutto: un vero e proprio “sarcofago” che, a distanza di 30 anni, è stato logorato dalle radiazioni e necessita della sostituzione con una nuova struttura (che dovrebbe essere posta nel 2017).

Le conseguenze di Chernobyl? Disastrose, soprattutto oggi. I dati mostrano con evidenza come dopo il 1986 i tassi di natalità nei territori più vicini alla centrale siano scesi e al contrario siano aumentati quelli di mortalità infantile e delle leucemie, dovuti al contatto con lo iodio radioattivo presente nei terreni e nell’aria. Malformazioni genetiche dei feti e dei neonati, tumori della tiroide (generalmente rari) e altri tipi di cancro, aumento di numerose patologie a causa di un’alimentazione basata su cibi fortemente radioattivi che ha minato il sistema immunitario della popolazione e abbassato le difese dell’organismo specie nei bambini sotto i 15 anni. Anche la permanenza dei cosiddetti “bambini di Chernobyl” lontano dai luoghi contaminati per brevi periodi, in Italia come in altri Paesi europei, non ha impedito quello che i medici bielorussi hanno definito nel 2000 un vero “disastro demografico”, oltre che una costante incapacità di adattamento al proprio territorio.

E proprio dalla Bielorussia giunge una storia che appare uno schiaffo al buonsenso. Nella cittadina di Dubovy Log, a circa 350 Km di distanza da Chernobyl, vivono 300 abitanti in un territorio che registra un livello di contaminazione del suolo al di sopra di quanto rilevato nella zona dell’incidente nucleare. Un luogo dall’aspetto meraviglioso ma spettrale: ai numerosi divieti (di caccia, pesca, di raccolta di funghi, di tagliare e bruciare legna), si uniscono i cartelli di pericolo nucleare e un posto di blocco fisso 24 ore su 24 della polizia che ne impedisce l’accesso, se non dopo una lunga trafila di permessi. Ecco, è proprio Dobovy Log che rifornisce i supermercati di tutta la Bielorussia, l’Ucraina (e chissà quali altri Stati) con latte, formaggi, carni e uova, prodotti da quegli animali che pascolano in una terra dai livelli di contaminazione altissimi, o nutriti con il fieno dei villaggi poco distanti, disabitati perché altamente contaminati, ma definiti in questo caso dalle autorità del tutto “accettabili”.

Miriam Rossi

Miriam Rossi (Viterbo, 1981). Dottoressa di ricerca in Storia delle Relazioni e delle Organizzazioni Internazionali, è esperta di diritti umani, ONU e politica internazionale e autrice di diversi saggi scientifici e di una monografia in materia. Attualmente impegnata nel campo della cooperazione internazionale, è referente per l’associazione COOPI Trentino e collabora con altre realtà del Terzo Settore a livello di formazione, progettazione e comunicazione.

Ultime notizie

Se, un giorno, decidi di educar(ti) viaggiando…

17 Ottobre 2017
Scelte di genitori che regalano lezioni indimenticabili: parola di figlio. (Anna Molinari)

“Bambino, armato e disarmato in una foto senza felicità”

16 Ottobre 2017
L’Agenda 2030 è irrealizzabile senza intensificare gli sforzi a favore della scolarizzazione e contro il lavoro minorile. (Alessandro Graziadei)

Ill musulmano che guida i turisti alla scoperta delle chiese milanesi

15 Ottobre 2017
Settantenne siriano, da oltre 30 in Italia, è una della 2 mila guide volontarie del Touring Club Italiano del progetto "Aperti per voi". 

Spagna/Catalogna: quando il nazionalismo uccide la democrazia

14 Ottobre 2017
a surreale ma pericolosa questione dell’indipendentismo catalano dimostra l’incapacità dei responsabili politici, ma pure l’ingenuità del “popolo”. (Piergiorgio Cattani)

Così internet e social trasformano i valori della società

13 Ottobre 2017
L'immaginario collettivo sta cambiando, con internet e i social quali elementi di rottura, mentre i vecchi valori cominciano ad essere scalzati. (Anna Toro)