TanzaMia, Il fornello che funziona col cuore e salva foreste e salute

Stampa

Immagine: Greenreport.it

Il Muse – Museo delle Scienze di Trento e Dolomiti Energia lanciano un nuovo progetto a sostegno della popolazione della Valle del Kilombero in Tanzania, dove il Muse ha da più di 10 anni una stazione permanente di ricerca e monitoraggio ecologico e l’associazione Mazingira svolge attività di sensibilizzazione ambientale e progetti di cooperazione internazionale con la popolazione, le famiglie e le scuole. Muse e Dolomiti energia spiegano che «Grazie a TanzaMia – l’offerta per la fornitura di energia e gas per le famiglie che avrà validità nazionale e permetterà a quanti aderiranno di avere uno sconto in bolletta e di usufruire della fornitura di energia elettrica pulita prodotta solo da fonti rinnovabili – per ogni contratto attivato e per ogni anno di durata della fornitura, Dolomiti Energia donerà 10 euro per alimentare un fondo destinato a fornire alle popolazioni della Tanzania un fornello ad alta efficienza energetica. Questo permetterà di migliorare le condizioni sanitarie delle abitazioni, dare più tempo alle donne per dedicarsi a occupazioni differenti da quelle domestiche – come ad esempio attività di apprendimento e miglioramento culturale, con riflessi sull’educazione di tutto il nucleo familiare – ed evitare infine il disboscamento. Perché salvaguardare l’ambiente è l’obiettivo di tutti».

In Tanzania il 98% della popolazione rurale utilizza la legna da ardere come fonte primaria di energia, uno sfruttamento che ogni anno porta alla deforestazione di circa 250,000 ettari. Il Muse evidenzia che «Un caso paradigmatico di tale situazione si ha nella Valle del Kilombero, ai piedi dei Monti Udzungwa, le cui fertili piane alluvionali dalle elevate potenzialità agricole hanno attirato fin dagli anni ’70 immigranti da ogni parte del paese. La valle giace ai piedi di antichissime foreste pluviali, dove la biodiversità è fra le più alte del pianeta. Le comuni pratiche di abuso delle popolazioni locali, i cui effetti disastrosi sono documentati in altre aree della Tanzania, alterano in maniera irreversibile la foresta, causando la perdita o il malfunzionamento dei servizi ecosistemici con una conseguente ricaduta negativa sulle risorse naturali fornite: senza foreste l’area dei Monti Udzungwa si impoverirebbe di colpo, ponendo le popolazioni locali in situazioni di emergenza e vulnerabilità critiche».

Per proteggere queste foreste, nel 1992 è stato istituito il Parco Nazionale dei Monti Udzungwa che ha imposto alle comunità locali vincoli stringenti all’accesso alle risorse forestali, in particolare la legna da ardere, reperibile in grande quantità nell’area protetta. Il che ha immediatamente creato una situazione di emergenza, perché ha imposto l’acquisto di combustibile alternativo (fascine di legna, carbone, kerosene) il cui prezzo è salito vertiginosamente. Attualmente la spesa che una famiglia media deve affrontare a settimana è di circa 3 – 5 euro per due fascine di legna o due secchi di carbone. Acquistare 3 litri di kerosene utili per 7 giorni è ancora più costoso: sono necessari circa  3,5 euro. Spese energetiche spesso insostenibili per famiglie poverissime. Inoltre, i ricercatori del Muse fanno notare che «Le scarse risorse presenti all’esterno del Parco, perlopiù alberi da frutto che vengono sacrificati per fare legna, vengono utilizzate in maniera poco efficiente e non sostenibile. Il metodo più diffuso per cucinare è ancora il fuoco con tre pietre che disperde dal 50% fino al 70% del calore prodotto (Global Alliance for CleanCookstoves) e produce grandi quantità di fumo dannose alla salute, specialmente di donne e bambini (Smith et al. 2000).Si calcola infatti che nel mondo circa 3 milioni di persone all’anno muoiano per gli effetti diretti e indiretti dei fumi domestici. Inoltre donne e bambini spendono gran parte delle loro giornate nella raccolta di legna da ardere, tempo che viene sottratto ad altre attività domestiche, al lavoro retribuito e allo studio e che compromette lo sviluppo femminile e, a cascata, quello dell’intera comunità».

Per risolvere tutti questi problemi e ridurre il degrado dell’ambiente, Mazingira promuove nei villaggi della valle del Kilombero tecnologie semplici e a basso consumo energetico che utilizzano combustibili alternativi e migliorano la vita di tutti: forni a terra cruda, fornelletti in lamiera Mayon Turbo Stove alimentati con pula di riso, briquettes, cesti e/o borse coibentati. L’associazione dice che «Queste tecnologie sono più efficienti, sicure e facili da usare, migliorano la salute e la ricchezza della famiglia, la pulizia della cucina e le pentole, riducono i costi di cottura e il tempo trascorso nella raccolta di legna da ardere, diminuiscono la deforestazione, il degrado ambientale e il riscaldamento globale.Tutte queste tecnologie vengono prodotte localmente dalla comunità, incentivando l’economia locale e lo sviluppo sostenibile. Infatti, tecnici donna di Mazingira appositamente formate promuovono e costruiscono alcune di queste tecnologie casa per casa (forni a terra cruda, wonderbag e wonderbaskets, briquettes), mentre fabbri locali costruiscono i fornelletti in lamiera. Ognuna di queste opzioni ha dei vantaggi importanti per la popolazione e, in particolare, per le donne che tradizionalmente si dedicano ai lavori domestici.

In particolare, il Progetto TanzaMia punta sulla tecnologia dei fornelletti in lamiera, Mayon turbo stove (Mts), i cui vantaggi sono: L’economicità: I combustibili usati per Mts sono spesso gratuiti. L’acquisto del fornelletto è di circa € 25, rispetto a € 45-150 per la cottura con legna da ardere o carbone. L’alta efficienza e combustione pulita: facile da accendere, combustione pulita e cuoce rapidamente.La Bollitura veloce: 1 litro di acqua può bollire in 6-7 minuti. La Salute: Mts può essere utilizzato all’aperto e, se correttamente utilizzato, è privo di fumo e non causa malattie legate al fumo. A basso impatto ambientale: utilizzando biocarburanti alternativi e sottoprodotti agricoli, Mts riduce i cambiamenti climatici, l’inquinamento domestico delle famiglie, il degrado ambientale e la deforestazione. Comodo da usare: basta battere con uno stecco per alimentare la fiamma circa ogni 7-10 minuti. Basso consumo di carburante: Circa 2,5 sacchi (25 kg) di riso / famiglia / settimana, la stufa consuma circa 1,2 – 1,5 kg di pula di riso all’ora. Utilizza una varietà di biocarburanti: molti combustibili gratuiti possono essere utilizzati in combinazione con la pula di riso, tra cui le bucce di granturco, arachidi, i gusci di cacao, di noce di cocco e la segatura. Sicurezza: una struttura forte ad anelli assicura la stabilità ottimale della pentola. Portatile e leggero: costruzione in acciaio, di peso di circa 4 kg; può essere utilizzato sia all’interno che all’aperto. Altri vantaggi: le ceneri possono essere utilizzate come fertilizzanti del terreno, materiali di pulizia per pentole e padelle e repellenti per insetti attorno alla base delle piante, Mts riduce il carico di legna da ardere sulle donne.

Il presidente del Muse, Marco Andreatta, sottolinea che «Le ricerche e la promozione culturale che il Muse svolge presso la stazione sui Monti Udzungwa è importante e strategica sotto molti punti di vista –  anche attraverso la collaborazione con Mazingira, che permette di sensibilizzare la popolazione sui problemi legati all’utilizzo e conservazione dell’ambiente, oggi sempre più urgenti sia dal punto di vista locale che globale. Il progetto TanzaMia, finanziato da Dolomiti Energia, ci ha subito trovati entusiasti e pronti a collaborare. I nostri ricercatori constatano quotidianamente sia il degrado di molti ecosistemi sia le condizioni pericolose di alcune pratiche domestiche. La tecnologia dei fornelletti proposti dal progetto, semplice e facile da utilizzare, è un piccolo ma significativo passo per arrestare il degrado ambientale e migliorare le condizioni di vita della popolazione». Rudi Oss, presidente di Dolomiti Energia, conclude: «Dolomiti Energia è da sempre impegnata a offrire soluzioni energetiche innovative che sappiano coniugare le esigenze energetiche con la sostenibilità sociale e ambientale. Questa partnership, concreta e accessibile, che ci ha visto subito condividere con il Muse impegno e valori, permetterà a quanti la sottoscriveranno di avere tariffe agevolate, utilizzare energia pulita e contribuire in prima persona a un utilizzo più sostenibile delle risorse energetiche a tutela dell’intero ecosistema».

Da Greenreport.it

Ultime su questo tema

Architutti: architetti libera tutti

15 Gennaio 2018
“Non si può pensare un’architettura senza pensare alla gente” è uno dei motti dell’architetto Richard Rogers. Qualcuno lo ha preso sul serio. (Alessandro Graziadei)

Costa Rica: 70 anni senza esercito

13 Gennaio 2018
Nel 2018 il Paese centro americano ricorda (e festeggia) la scelta di abolire le sue Forze Armate (Fabio Pipinato)

Sacchetti: dalla protesta alla proposta, come uscire da un pasticcio politico

11 Gennaio 2018
Mentre la bufera sui sacchetti biodegradabili per l’ortofrutta comincia a sgonfiarsi, iniziano anche a circolare le prime proposte per uscire da un pasticcio dovuto in gran parte alle “interpretazi...

Bitcoin: la bolla finanziaria è il problema minore

27 Dicembre 2017
L’articolo in cui per la prima volta si parla di blockchain è dell’ottobre del 2008. Il bitcoin nasce all’inizio dell’anno successivo. A fine 2017 è sulle prime pagine di tutti i giornali...

In Africa avanza il digitale

23 Dicembre 2017
L’esperienza di Agri Tech Hub in Senegal dimostra come le nuove tecnologie possono servire a uno sviluppo globale delle comunità rurali. (Lia Curcio)

Video

Obiettivi di Sviluppo del Millennio