Il carrello della spesa degli italiani è sempre più equo e solidale

Stampa

Foto: Fairtrade.it

Nel 2016 gli italiani hanno speso oltre 110 milioni di euro in prodotti Fairtrade, l'11% in più dell'anno precedente. Piacciono sempre di più soprattutto banane, zucchero, cacao e caffé del commercio equo e solidale. “C’è la consapevolezza sempre più diffusa che è possibile contribuire al commercio giusto con un semplice gesto di acquisto”, spiega Paolo Pastore, direttore di Fairtrade Italia. Non solo. Questo settore sta diventando motivo di sviluppo anche per l'export italiano. Sono infatti 31 le torrefazioni italiane che hanno venduto il proprio caffè certificato Fairtrade in 64 paesi per un volume di vendita che sfiora le 650 tonnellate di caffè tostato (+75% rispetto al 2015) vendute prevalentemente nel settore Ho.re.ca. I principali Paesi di destinazione del caffè italiano certificato Fairtrade sono stati Svezia, Gran Bretagna, Danimarca, Olanda, Finlandia, Germania.

“Ma c’è qualcosa che va oltre i numeri – commenta Giuseppe Di Francesco, presidente Fairtrade Italia - che viene prima e dopo i nostri scopi più direttamente misurabili: è il nostro impegno a garantire i diritti delle persone che riusciamo a coinvolgere. Diritto ad un lavoro dignitoso, perché senza reddito non c’è dignità, diritto ad una vita sana, e quindi tutela del proprio ambiente, diritto ad essere trattati con equità nella propria comunità, senza discriminazione per sesso o per fede religiosa, diritto a essere bambini, prima ancora che lavoratori, diritto infine a un futuro nella propria terra, diritto a non migrare forzatamente”. Il Premium generato, aggiuntivo al “prezzo equo” pagato ai produttori, nel 2016, si stima sia salito a 1 milione e 304 mila euro per i principali prodotti (banane 559 mila euro; cacao 152.500 euro; caffè 301 mila euro; zucchero 203.500 euro; tè 88 mila euro). È di ben 138 milioni di euro a livello mondiale. 

Nonostante i prodotti del commercio equo siano ormai numerosi e variegati, le banane rimangono le più vendute. Il loro debutto nei banchi dell’ortofrutta dei supermercati italiani risale al 2002. Anno dopo anno, le vendite di questo prodotto sono cresciute fino a superare le 11.000 tonnellate nel 2016.

Anche il consumo interno di caffè Fairtrade è in aumento, con un + 22% rispetto all’anno precedente. I prodotti fair trade attirano sempre di più anche le aziende italiane, che scelgono di utilizzare le materie prime certificate, in particolare zucchero e cacao, per le loro produzioni. In Italia il volume di zucchero di canna granulare venduto è pari a oltre 2,4 milioni di chilogrammi (quello usato nei prodotti composti, invece, è di 641.488 chilogrammi). Per quanto riguarda le fave di cacao, nel 2016 ne sono state utilizzate ben 833.291 chilogrammi. (dp)

Da Redattoresociale.it

Ultime su questo tema

“La nostra storia non è iniziata nel 1988”

05 Settembre 2017
La Corte Suprema del Brasile ha riconosciuto i diritti territoriali indigeni. Ma ci saranno delle ripercussioni a livello nazionale? (Alessandro Graziadei)

Mangio dunque sono: quel nesso sottile fra cibo e pensiero

10 Agosto 2017
Come aveva intuito il filosofo Ludwig Feuerbach, siamo davvero ciò che mangiamo.

Diritti dei popoli indigeni: tra negazioni e riabilitazioni

03 Luglio 2017
Vivono da decenni sotto l’assedio di un modello economico e valoriale estraneo alla loro cultura, ma resistono. (Alessandro Graziadei)

Giorno storico per bandire le armi nucleari dalla storia!

16 Giugno 2017
Ieri a New York, nella sede delle Nazioni Unite si è aperta la sessione finale (15 giugno – 7 luglio) dei negoziati che hanno il compito di stabilire “uno strumento legalmente vincolante per p...

Romania: non importiamo criminali, esportiamo land grabbing!

11 Maggio 2017
La Romania è oggi il paese europeo con la più alta percentuale di terreni agricoli controllati da compagnie straniere. (Alessandro Graziadei)

Video

La Via Campesina