Più forte delle barricate di Gorino

Stampa

Joy e suo figlio Michael - Foto: Famigliacristiana.it

Ha attraversato mezza Africa per metterlo in salvo e finalmente ce l’ha fatta. La giovanissima Joy, una delle dodici migranti respinte dalle barricate degli abitanti di Gorino, è appena diventata mamma del piccolo Michael. Diciannove anni, un inglese perfetto, Joy viene dal Benin, ai confini con la Nigeria. E’ scappata da un padre violento, che voleva praticare su di lei riti vudu. Quando è rimasta incinta, Joy ha temuto di essere uccisa ed è scappata col papà del bambino, Lamin, di pochi anni più grande di lei. Un viaggio interminabile fino alla Libia, dove i due giovani si sono persi di vista nei momenti concitati del trasferimento sui barconi. Da lì la traversata e poi l’arrivo in Italia dove Joy avrebbe dovuto essere ospitata a Gorino, frazione di Goro, insieme ad altre ragazze.

In realtà il pulmino che le trasportava a Gorino non è mai arrivato, a causa della protesta degli abitanti, e così le ragazze sono state accolte a Ferrara. “Un errore di comunicazione”, ha sottolineato lei stessa, dimostrando in questo modo di non provare rancore. “Per me un bambino che nasce a Ferrara è ferrarese, adesso bisogna trovare una sistemazione per questa nuova famiglia”, ha detto il sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani, che è andato a salutare la giovane donna durante il ricovero all’ospedale di Cona, augurandosi che proprio la cittadina di Goro possa accoglierla, in segno di riconciliazione.

Intanto, proprio in questi giorni, Joy ha ricevuto una splendida notizia. Dopo due mesi di silenzio, finalmente è riuscita a mettersi in contatto con Lamin, che in questo modo ha appreso di essere diventato padre e ha promesso di raggiungerla al più presto. Del resto la giovane donna ha più volte dichiarato che per lei sarebbe impossibile tornare in Africa, dove ha conosciuto solo la violenza. Per questo spera di poter rimanere in Italia e di far crescere il suo bambino nel nostro Paese.

Simonetta Pagnotti da Famigliacristiana.it

Ultime su questo tema

Diaspore Med-Africane: un ruolo attivo per l’integrazione

19 Febbraio 2018
E’ cominciata con la lettura dei nomi delle sei persone ferite nella sparatoria fascista di Macerata il convegno nazionale sul ruolo delle diaspore Med-Africane in Italia. (Anna Toro)

L’arte del buon vicinato

12 Febbraio 2018
È davvero strano come in Italia stia diventando difficile sforzarsi di fare un discorso razionale, specialmente quando si parla di politica. Tutto deve essere considerato di parte. Ogni considerazi...

I costi della guerra

06 Febbraio 2018
I costi della guerra sono prima di tutto umani. Ma dopo la conta delle vittime ecco la conta delle perdite economiche ed ecologiche. (Alessandro Graziadei)

Moltiplicare gli aiuti in Africa. Soprattutto quelli privati

31 Gennaio 2018
Da Gentiloni agli esponenti di Confindustria e dell'associazionismo. Tutti a dire che servono maggiori risorse per un continente decisivo per il nostri futuro. Si chiude la Conferenza nazionale del...

Prima, durante e dopo i conflitti: “la forza delle donne”

29 Gennaio 2018
Uno sguardo tutto al femminile, fra Iraq, Siria e Libano, che restituisce allo spettatore tutto il coraggio di queste donne. (Anna Toro)

Video

RAI3: Presa Diretta: Migranti (parte 1 di 10)