Erdogan. Il padrino

Stampa

Quattordici giorni di bombardamenti continui, oltre cento civili uccisi, migliaia di sfollati e il silenzio assordante di Stati Uniti e Russia, sono un riassunto della realtà che attraversa la regione curda di Afrin, nel nord della Siria. Il responsabile di questa situazione è, come tutti sanno, il Padrino che mentre fa visita dal Papa manda i suoi "sicari".

Di fronte all'invasione scatenata sotto il nome sottile "Operazione Olive Branch", le persone che vivono a Afrin, guidati dalle Forze Democratiche della Siria (FDS) e da (YPG / YPJ) resistono non solo militarmente, ma raddoppiando i loro sforzi per costruire una società egualitaria, dove le credenze religiose e le diverse culture sono rispettate e in cui le donne sono i principali protagonisti di un profondo cambiamento politico, ideologico ed economico che, nonostante la distruzione della guerra, sta crescendo dal 2012.

Questo processo democratico e rivoluzionario nel nord della Siria è inaccettabile per Erdogan. Ma è anche un ostacolo agli interessi delle potenze regionali (Siria e Iran), nonché alla vasta disputa territoriale condotta da Mosca e Washington. Sebbene il governo turco abbia giustificato l'invasione con il "ripulire i confini dai terroristi", ci sono due fatti concreti che dimostrano il contrario: finora Ankara non ha riconosciuto la morte di nessun terrorista; d'altra parte, le denunce (fatte dai curdi per mesi) che l'esercito turco è accompagnata dal Fronte Al-Nusra (Al Qaeda in Siria) e il siriano (ELS) dell'Esercito libero, così come i resti dello Stato Islamico (ISIS). Un campione spietato di terroristi che operano a fianco delle truppe turche. In questi hanno incontrato Barin Kobanê, dell'unità di protezione delle donne (YPJ) che è stata catturata viva, torturata a morte, i suoi seni tagliati e il suo corpo mutilato.

Il denaro e la logistica consegnati dallo stato turco ai gruppi terroristici in Siria non sono una novità. I governi propri della Siria e la Russia hanno denunciato in diverse occasioni e hanno presentato prove convincenti, come i video rivelati nel 2015 dal Ministero russo della Difesa, in cui sono stati osservati e guidati da mercenari, petroliere battenti bandiera ISIS attraversare il confine con la Turchia, per essere poi caricate senza problemi. Il cantone di Afrin, composto da circa 380 villaggi e città, situato a 40 chilometri dalla città di Aleppo, è vittima di una forte complicità internazionale, che rimane silenziosa di fronte al massacro commesso dalla Turchia.

Venerdì il dott. Ciwan Mihemed, dell'ospedale Avrin nella città di Afrin, ha affermato che dal 20 gennaio, quando sono iniziati gli attacchi turchi, sono stati uccisi 127 civili, tra cui diversi bambini, donne e anziani. La Croce Rossa Curda (LRK) ha confermato che fino al 31 gennaio 12 bambini e 20 donne hanno perso la vita a causa degli attacchi turchi. In un rapporto pubblicato due giorni fa, la LRK ha avvertito che "c'è una grande preoccupazione tra i civili (specialmente bambini e donne) che si trovano in luoghi remoti e mancano di cure mediche, alloggio e accesso a cibo adeguato".  Le Nazioni Unite (ONU) hanno avvertito mercoledì che a causa degli attacchi turchi, almeno 15.000 persone di Afrin sono già sfollate. Come risultato degli spostamenti forzati, molte famiglie hanno trovato riparo nelle caverne situate nelle colline della zona, dove sopravvivono in condizioni difficili.

Lo scorso lunedì, gli attentati hanno danneggiato gravemente il tempio di Ayn Dara, vicino al villaggio con lo stesso nome, costruito prima del 1300 a.C. Le forze democratiche siriane hanno anche denunciato le azioni della Turchia e hanno rivelato che le truppe d'invasione usano il napalm e le bombe a grappolo, armi proibite dal diritto internazionale.

Fabio Pipinato (articolo parzialmente tratto da Elfurgon.com.ar)

Fabio Pipinato

Sono un fisioterapista laureato in scienze politiche. Ho cooperato in Rwanda e Kenya. Rientrato ho curato la segreteria organizzativa dell'Unip di Rovereto. Come primo direttore di Unimondo ho seguito la comunicazione della campagna Sdebitarsi e coniato il marchio “World Social Forum”. Già presidente di Mandacarù sono oggi presidente di Ipsia del trentino (Istituto Pace Sviluppo Innovazione Acli) e CTA Trentino (Centro Turistico Acli) e nel direttivo di ATAS. Curo relazioni e piante. 

Ultime su questo tema

Salute mentale: catene che persistono, vicine e lontane da noi

26 Maggio 2018
In Africa la salute mentale è stata storicamente trascurata dalle agende politiche. (Anna Toro)

Disuguaglianza: 5mila italiani sono ricchi il doppio della metà più povera

25 Maggio 2018
Com’è sopravvissuta l’Italia alla grande recessione, e a quale prezzo? Per rispondere a questa domanda Eurispes e Universitas Mercatorum hanno pubblicato lo studio Povertà, disuguaglianze e...

Gli alberi che cercavano un re

23 Maggio 2018
Constatiamo il rifiuto di darsi alla politica da parte di coloro che producono frutti nella società, dall’altro registriamo la volontà di occupare quel posto a opera di coloro che sono improduttivi...

L’Europa fa accordi mortali con i dittatori per fermare i rifugiati

21 Maggio 2018
L'Unione Europea ha voltato le spalle ad un impegno incondizionato per i diritti umani, la democrazia, la libertà e la dignità umana espandendo le proprie politiche di esternalizzazi...

Myanmar, non solo Rohingya: si riaccende il conflitto nel Kachin

18 Maggio 2018
Le notizie che ci arrivano dai principali media mondiali dipingono il Myanmar come un paese devastato dai conflitti interni, con un’economia in forte crisi e senza un leader in grado di gestire la...

Video

Marco Revelli: 'Costruire e praticare la democrazia'