Corsica lontana da Parigi, ma non è Catalogna

Stampa

Foto: Remocontro.it 

No Catalogna francese

«Questa non è la Catalogna». In Corsica tanti ripetevano la stessa frase un po’ per scaramanzia, un po’ per non dare ai partiti ‘nazionali’ francesi il vantaggio della paura. ‘Non Catalunia’, per ora. Perché nell’isola non si è mai rinunciato all’idea della indipendenza, che resta il sogno proibito della terra che nel 1755, dopo una lunga lotta contro Genova, riuscì a proclamare la repubblica per essere invasa e poi definitivamente conquistata dalla Francia giusto in tempo perché Napoleone degli italianissimi Buonaparte nascesse francese e diventasse Bonaparte.

Nell’isola più vicina all’Italia che alla Francia, il primo turno elettorale è stato stravinto dalla lista di coalizione “Pe’ a Corsica” (basta dire in genovese ‘per la Corsica’), il partito di Gilles Simeoni e Guy Talamoni, autonomista e indipendentista che da anni già governano l’isola. Nulla a che vedere però con la Catalogna. Una coalizione, che di fatto ha messo fine alle aspirazioni separatiste e alle azioni armate del Fronte nazionale di liberazione corso. Separatismo clandestino e un progetto di conquista di autonomie e di uno statuto speciale corso.

Nazionalisti corsi

I nazionalisti corsi stravincenti sui nazionalisti francesi. Finisce eliminata la lista Front National, l’estrema destra rappresentata nell’isola da Charles Giacomi, che ottiene poco più del 3,1%. Andrà al ballottaggio una destra tutta locale, non riconosciuta a livello nazionale dai Republicains, seconda con poco meno del 15%. Soltanto quarta la lista di Jean-Charles Orsucci, vicina ai macroniani de La République en Marche, con un risultato di poco inferiore alla seconda lista di destra. Disaffezione elettorale in Corsica come in Sicilia, con meno della metà degli elettori a votare.

Vittoria del nazionalismo corso più sensato che lascia la separazione dalla Francia l’ipotesi ultima. L’ obiettivo è strappare a Parigi «uno statuto autonomo entro i prossimi tre anni, per poterlo mettere in pratica in dieci» e poi lasciare l’ultima parola ai cittadini, che a quel punto decideranno «se conviene andare ancora più avanti nel processo della devolution». La Corsica non è la Catalogna e vuole imparare dai recenti errori di Barcellona. Dopo una storia di lotta armata e sangue alle spalle, sull’isola oggi si marcia piano ma in molti sperano di andare lontano. Con Parigi se conviene.

Da Remocontro.it

Ultime su questo tema

Il problema nucleare

29 Novembre 2017
Una diversa politica energetica per l’Europa è una necessità assoluta, specialmente dopo gli accordi di Parigi sul clima. Attraverso la lente dell’energia come bene comune si potrebbero t...

Migranti, regolamento di Dublino verso la riforma

27 Novembre 2017
Il Parlamento europeo ha espresso parere favorevole ai negoziati sulle norme che regolano l’accoglienza di quanti richiedono protezione internazionale. La riforma prevede un meccanismo di ricolloca...

I diritti LGBT in Turchia: un’ intervista con Buse Kılıçkaya

23 Novembre 2017
Buse Kılıçkaya, attivista del movimento LGBT turco ci racconta la lotta per i diritti delle persone transgender. (Sofia Verza) 

Il diritto delle tribù incontattate a rimanere tali

20 Novembre 2017
Nel mondo ci sono più di un centinaio di tribù incontattate. Sono una parte essenziale della diversità umana. (Alessandro Graziadei)

Colmare il vuoto di Trump: La leadership degli Stati americani

18 Novembre 2017
Nonostante Trump, gli Stati Uniti sono determinati a raggiungere gli obiettivi fissati dall’Accordo di Parigi. (Irene Da Rin Betta e Madalena Lima)

Video

Marco Revelli: 'Costruire e praticare la democrazia'