Unicef: appello per il rilascio di tutti i bambini soldato nella R.D.Congo

Stampa

Ragazzi soldato in R.D.Congo - Foto: Unicef

L'Unicef ha lanciato un appello per il rilascio di tutti i bambini che attualmente sono arruolati nei gruppi armati nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). Hilde Johnson, Vice direttore dell'agenzia Onu per l'infanzia, ha visitato l'est del paese, teatro delle operazioni congiunte tra militari della RDC e del Ruanda, dove anni di conflitto hanno causato enormi sofferenze e gravi violazioni dei diritti dei bambini. "I recenti sviluppi nella RDC orientale possono fornire un'opportunità senza precedenti per liberare tutti i bambini dai gruppi armati" - ha detto la Johnson. "Nessun bambino dovrebbe essere arruolato nelle forze armate congolesi o nelle unità di polizia. Rivolgiamo un appello per un’agenda chiara per la smobilitazione volontaria di tutti i bambini".

Più di 30mila bambini in tutto il paese sono stati smobilitati e reintegrati dal 2004 con l'assistenza dell’Unicef. Si stima che circa 3.500 bambini siano ancora oggi con i gruppi armati nella Repubblica Democratica del Congo. La Johnson, che attualmente è anche co-presidente del Comitato ONU contro la violenza sessuale e lo stupro nei conflitti, si è incontrata con alti funzionari governativi, membri della comunità dei donatori e partner per discutere dei recenti sviluppi.

"Le testimonianze dei sopravvissuti alla violenza sessuale mostrano l'urgenza. Chiedo un'azione concertata tra tutti gli attori per porre fine a queste atrocità. Il governo deve porre fine alla cultura dell’impunità ed accelerare i procedimenti legali contro tutti i responsabili" - ha aggiunto la Johnson. "Con l'integrazione di altri gruppi armati nelle forze armate e di polizia, questo è il momento di stabilire una politica in materia di prevenzione della violenza sessuale e garantire la sua attuazione". Il Vice direttore Unicef ha espresso preoccupazione per la situazione dei bambini in tutto il paese.

"Ci sono preoccupanti tassi di mortalità infantile e gli indicatori per la salute, la nutrizione e l'accesso alle risorse idriche, restano ancora ben al di sopra della soglia di emergenza dei paesi dell'Europa centrale e delle regioni occidentali della RDC. In queste zone, l'assistenza allo sviluppo è in ritardo. E’ un imperativo umanitario soddisfare i bisogni sociali di base. Attualmente vi è una carenza dei fondi dei donatori per la RDC, che mette a rischio il benessere generale dei bambini nel paese".

Hilde Johnson ha sottolineato che una sfida ancora più grande oggi è data dall'impatto negativo dell'aumento dei prezzi in Congo causato dalla crisi economica mondiale. Il paese si basa essenzialmente sulla produzione e l'esportazione di materie prime. "E’ una questione di urgenza alleviare l'impatto della crisi sui bambini nella Repubblica democratica del Congo. Mi appello al governo e ai donatori perché tutelino le quote di bilancio destinate alla spesa sociale e diano priorità ai servizi sociali di base. Il programma dell’Unicef nella R.D. del Congo è uno dei più ampi del mondo. Siamo impegnati a sostenere la RDC e il suo governo in questo periodo difficile per la realizzazione dei diritti dei bambini" ha detto la Johnson.

"Dal 2002, l’Unicef Italia sostiene direttamente gli interventi dall’Unicef per i bambini di strada e gli altri bambini vulnerabili tramite un apposito progetto di raccolta fondi" - ha detto il Presidente dell’Unicef Italia Vincenzo Spadafora, "Unicef Italia continua ad essere uno dei primi sostenitori dei programmi Unicef in Congo per la protezione dei minori più vulnerabili o a rischio: nel 2008 ha destinato a questo programma 523 mila euro, grazie soprattutto ai comitati locali dell’Unicef dell’Emilia Romagna, che hanno adottato a livello regionale il progetto".

Ultime su questo tema

Sri Lanka: quale riconciliazione?

15 Marzo 2017
A otto anni dalla fine della guerra civile in Sri Lanka una riconciliazione etnica, religiosa e di genere è ancora lontana. (Alessandro Graziadei)

Repubblica Centrafricana: 10.000 i minori in armi (quadruplicati in 2 anni)

05 Gennaio 2015
Per Save the Children dall’esplosione della guerra civile in Repubblica Centrafricana nel 2012 il numero di minori in armi è arrivato a 10.000. (Alessandro Graziadei)

Siria, ancora “uno dei luoghi peggiori per essere un bambino”

04 Giugno 2014
Nella giornata mondiale per i bambini vittime di violenza, ricordiamo come la guerra generi situazioni terribili specie per i più piccoli. (Anna Toro)

“Stop all’uso dei bambini soldato”. Nel mondo sono più di 250 mila

12 Febbraio 2014
La Coalizione italiana Stop all’uso dei bambini soldato esprime grande preoccupazione per le notizie che giungono dalla Siria, dal Sud Sudan e della Repubblica Centrafricana. E in occasione de...

Congo RDC, tra speranze e stragi

24 Dicembre 2013
Sono i civili, soprattutto le donne, ad essere vittime del conflitto nella regione dei Grandi Laghi. (Anna Toro)

Video

Unicef: Bambini soldato, il ritorno alla vita civile