Giornata della Nonviolenza: “Prepariamo la pace con il disarmo”

Stampa

Il manifesto della giornata - Foto da Movimento Nonviolento

“Vogliamo rilanciare questa giornata in Italia per promuovere la cultura e la pratica della nonviolenza con particolare attenzione al decisivo tema del disarmo come momento di affermazione di un nuovo orientamento politico, di rifiuto della guerra come condizione preliminare per una nuova società”. Lo riporta il comunicato diffuso da un ampio cartello di associazioni che oggi saranno in numerose piazze delle città italiane per la “Giornata internazionale della nonviolenza”.

Istituita dalle Nazioni Unite nel 2007 per celebrare la ricorrenza della nascita di Gandhi, la giornata del cade in un momento particolarmente delicato della scena politica italiana caratterizzata dal ritorno di espressioni belliciste. “Il motto bellicista dell’attuale ministro della Difesa è ‘per amare la pace, bisogna armare la pace’”– sottolinea Pasquale Pugliese del Movimento nonviolento. “E' così che il ministero della difesa diventa il ministero della preparazione della guerra. Infatti l'esperienza storica ci insegna che ‘se armi la pace, ami la guerra’. E’ necessario – conclude Pugliese – ribaltare questa concezione arcaica, ancorché contraria allo spirito ed alla lettera della Costituzione italiana, nel suo contrario: se vuoi la pace prepara la pace, attraverso il disarmo e la costruzione di una vera difesa civile, non armata e nonviolenta”.

Ma a preoccupare le associazioni pacifiste vi è anche l’ossessiva ricerca di maggiori finanziamenti per gli armamenti da parte del governo-. “La difficoltà del Parlamento ad abolire il programma dei cacciabombardieri F-35, come chiede con forza gran parte dell’opinione pubblica italiana e lo stesso veto del Consiglio supremo di difesa rispetto alla sovranità decisionale del Parlamento sulle spese militari indicano quanto stia diventando sempre più insistente e insopportabile alla luce dei continui tagli alla spesa sociale la volontà di proseguire nei programmi di acquisizione di sistemi militari” – dichiara Francesco Vignarca, coordinatore della Rete italiana per il disarmo. “Oggi le armi di distruzione di massa e gli stessi armamenti convenzionali – aggiunge Martina Pignatti del Tavolo per gli interventi civili di pace – hanno raggiunto immani capacità distruttive e sul loro altare si sacrificano enormi risorse pubbliche sottratte alla cura dei bisogni dei singoli ed all’affermazione di diritti di tutti”.

Un vero processo di disarmo – spiega la nota delle associazioni – potrebbe liberare risorse per costruire un nuovo modello di difesa italiano ed europeo, a partire dal riconoscimento, economico ed organizzativo della piena dignità del Servizio civile nazionale come forma di difesa non armata della patria alternativa a quella militare. Un modello che abbia al centro la costruzione della pace con mezzi pacifici sul piano internazionale e la difesa delle istituzioni democratiche costituzionali sul piano nazionale”. Per Primo Di Blasio della Conferenza nazionale degli enti di servizio civile occorre “ribaltare la logica del governo che affida al Servizio civile nazionale, vero strumento di difesa civile, non armata e nonviolenta, fondi irrisori rispetto alla difesa militare mentre continua a rifinanziare la cosiddetta mini-naja”.

Tra i numerosissimi eventi (si veda il sito facebook dedicato alla giornata in Italia) va segnalato anche il Convegno che si terrà oggi a Perugia “Tracciamo le strade di un futuro di Pace possibile” che intende dar voce alle tematiche proprie del movimento per la pace: la nuova politica di difesa, la riconversione dell’industria bellica, la riduzione delle spese militari e le alternative nonviolente ai conflitti. Si tratta di tracce di lavoro a partire dalle esperienze dei movimenti per la pace e il disarmo. Il convegno si tiene a Perugia, città di Aldo Capitini, uno dei padri fondatori del movimento nonviolento italiano e ideatore della Marcia della pace Perugia-Assisi.

La Tavola della pace ha promosso la “Settimana della Pace”: “una settimana intensa – spiegano gli organizzatori - che avrà al centro la storica visita di Papa Francesco ad Assisi il 4 ottobre e la celebrazione, lo stesso giorno, della IX Giornata Nazionale della pace, della fraternità e del dialogo. La settimana si è aperta domenica 29 settembre con la Marcia per la pace di Forlì e si concluderà con la Marcia della pace a Lodi il 6 ottobre. "Due marce come quella che si è svolta domenica scorsa a Campobasso, sulla via degli antichi Tratturi, e che vogliamo promuovere in tante altre città italiane".

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, nel suo messaggio per la giornata evidenzia che “la nonviolenza non è né inerte né passiva”. “Occorre coraggio per resistere a coloro che usano la violenza per imporre la loro volontà o credenze – afferma Ban. “Si richiede volontà di resistere contro l’ingiustizia, la discriminazione e la brutalità e per chiedere il rispetto della diversità e dei diritti umani fondamentali. Si richiede anche coraggio di passare dal conflitto per abbracciare negoziazione pacifica”. Il Segretario generale sottolinea inoltre che “la povertà è un terreno fertile per la violenza e la criminalità: è intrinsecamente violenta rispetto ai bisogni e alle aspirazioni delle persone più vulnerabili del mondo. Per questo motivo – aggiunge Ban - abbiamo posto tanta enfasi per mantenere la promessa degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio entro il 2015, e per la creazione di un nuovo programma di sviluppo che abbia al centro la lotta alla povertà e, come guida, lo sviluppo sostenibile”. [GB]

Ultime su questo tema

Benvenuto 2018! Appunti per un’agenda di pace

02 Gennaio 2018
Dodici notizie pubblicate l’anno scorso che possono costituire un pro-memoria per un'agenda di pace da presentare ai partiti in occasione delle prossime elezioni.

Difendiamoci, sì, ma da chi e come?

15 Dicembre 2017
In occasione del 15 dicembre, quarantacinquesimo anniversario dell'approvazione della Legge sull'obiezione di coscienza, diciamo che "Un'altra difesa è possibile". 

2 ottobre 2017 Giornata internazionale della Nonviolenza

02 Ottobre 2017
E’ la più grande energia di cui disponga l’umanità. E’ la forza della verità. E’ la nonviolenza, come l’ha definita Gandhi. Istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, la...

Difendere la patria senza armi

12 Aprile 2017
Comincia a dare i primi frutti la proposta di realizzare una difesa civile alternativa alla difesa militare. La campagna è iniziata simbolicamente il 25 aprile del 2014 proprio per dare attuazione...

Agenda Onu 2030: gli attivisti per la pace

27 Febbraio 2017
Tutti gli istituti di ricerca e i movimenti attivi per la pace e la Nonviolenza si oppongono con il digiuno, con l'astensione dalla parola, con l'Azione Nonviolenta, ad una società oligarchica e mi...

Video

Corpi civili di pace