La Puglia approva la legge regionale equosolidale

Stampa

Un passo avanti in Puglia nella diffusione del commercio equo e solidale, grazie all'approvazione, il 22 luglio 2014, della legge presentata dal consigliere Alfredo Cervellera (Sel) che mira a un maggior riconoscimento e sostegno alla filiera del commercio solidale nella regione. La IV Commissione Regionale del Consiglio Regionale della Puglia, presieduta da Orazio Schiavone, ha approvato il 23 giugno scorso all'unanimità la proposta di legge (atto n. 303) presentata a dicembre 2013 e composta da 8 articoli; ora la proposta è divenuta legge.

Gli interventi specifici da attuare per la diffusione del commercio equo e solidale sono descritti nell'articolo 5 e riguardano: iniziative divulgative e di sensibilizzazione, azioni educative nelle scuole per stimolare riflessioni sul consumo consapevole, iniziative di formazione per gli operatori del commercio equo e solidale, promozione delle giornate a tema, concessione ai soggetti attivi nel settore di contributi fino a un massimo del 40 per cento,promozione dell'utilizzo dei prodotti equo-solidali nell'ambito delle attività degli enti pubblici, possibilità di vendita dei beni equo-solidali in occasione di manifestazioni, fiere ed altre iniziative promozionali. La Puglia è così essere la prima Regione del Sud ad approvare una legge ad hoc sul commercio equo e solidale, dopo Toscana (n.24/2005), Friuli Venezia Giulia (n.29/2005), Abruzzo (n.7/2006), Umbria (n°116/2007), Liguria (n°32/2007), Marche (n.08/2008), Lazio (n.20/2009), Emilia Romagna (n.110/2009), Piemonte (n.26/2009) e Veneto (n.8/2010).

Questo è il risultato del lavoro che da anni AGICES (Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale) svolge a livello nazionale: in qualità di associazione di categoria delle Organizzazioni italiane di Commercio Equo e Solidale "ha come obiettivi la promozione e la tutela del Commercio Equo come definito e descritto dalla Carta Italiana dei Criteri" (come recita lo Statuto). Per questo AGICES fin dalla sua nascita è impegnata nel percorso di regolamentazione regionale e nazionale del Commercio Equo e Solidale. Ad oggi tra l'altro risultano depositate al Parlamento Italiano (Camera e Senato) tre diverse Proposte di Legge. "Negli ultimi anni - ha dichiarato Gaga Pignatelli, referente dell'attività di advocacy di AGICES - con l'approvazione delle Leggi regionali sul commercio equo e solidale, AGICES è diventata interlocutrice e referente diretta delle Istituzioni, in quanto depositaria della Carta Italiana dei criteri del commercio equo e solidale. Il grande lavoro svolto da AGICES per la predisposizione di un testo di legge nazionale ha fornito ai Soci gli strumenti per ottenere delle buone Leggi regionali".

"Queste nuove leggi - spiega il presidente di AGICES, Alessandro Franceschini - hanno dato una grande opportunità alle Organizzazioni che operano nelle Regioni in cui esiste una Legge equosolidale, mettendo loro a disposizione risorse fondamentali non solo per la sostenibilità delle realtà direttamente coinvolte ma anche per il consolidamento del sistema in generale. Queste risorse sono state cruciali per incrementare una delle attività più importanti che il commercio equo svolge: quella di educazione, sensibilizzazione e informazione volta ad accrescere la consapevolezza dei cittadini e dei consumatori sui prodotti e i produttori del commercio equo e solidale". "La legge - spiega Cervellera - disciplina una branca del Commercio, che non ha ancora una normativa nazionale (ci sono tre proposte alla Camera e una al Senato in discussione), per garantire maggiormente i consumatori che scelgono responsabilmente i prodotti equo-solidali". A tal riguardo l'assessore allo sviluppo economico Loredana Capone, nell'approvare la proposta di legge, ha espresso la volontà di includerla nel Testo Unico per il Commercio che la Regione sta realizzando.

Piero Schepisi della Coop. "Un solo mondo" di Bari - Socia di AGICES che ha aperto a dicembre 2013 la prima bottega del mondo all'interno di un mercato coperto, quello di Santa Scolastica - ha partecipato attivamente alla progettazione della legge: "L'intenzione iniziale era quella di costruire una legge che desse pieno riconoscimento e sostegno all'attività della cooperazione sociale; poi ci si è concentrati sull'argomento del commercio equo e solidale e abbiamo intanto raggiunto questo primo grande obiettivo; ora è arrivata l'approvazione del consiglio regionale". "Un traguardo che fino a qualche anno fa sembrava impossibile da raggiungere" -commenta Pietro Fragasso, presidente della Cooperativa Sociale "Pietra di Scarto" di Cerignola (FG) impegnata, tra le varie attività, nel campo del commercio equo e solidale attraverso la Bottega del Mondo "Stesso Sole"-. "Ora è importante che la legge venga attuata e che si traduca in opportunità concreta per le botteghe".

Tommaso Tautonico da Alternativasostenibile.it

Ultime su questo tema

Investire nelle donne, investire nelle generazioni future

12 Agosto 2017
Il potenziale inespresso delle donne del sud del mondo, nel cammino vero l’emancipazione (Marco Grisenti)

Una finanza per tutti? È possibile

01 Febbraio 2017
Le elité si sono impossessate della macchina da soldi piú redditizia della storia. Come rovesciare questo dogma e dare un volto umano ai grandi capitali? (Marco Grisenti)

Le teorie del microcredito: il ricco può appassionarsi al povero

13 Ottobre 2016
Probabilmente ne avrete giá sentito parlare, piano piano, senza creare troppo scompiglio. La microfinanza non é una faccenda nuova. (Marco Grisenti)

Becchetti: è l’ora di cambiare paradigma economico

31 Maggio 2012
L’economista Leonardo Becchetti, esperto nei rapporti tra etica ed economia, analizza la crisi in atto come un momento di opportunità per cambiare una visione liberista che sacrifica il benessere d...

La finanza? Da civile ad incivile. Va potata

25 Maggio 2012
Prima di Romano Prodi che ha dichiarato ad Unimondo: “Vorrei che la Germania si ricordasse, oggi, della solidarietà degli altri paesi quand'era divisa” anche l'amico prof. Luigino Bruni è intervenu...

Video

Grameen Story