Fairtrade: i consumatori premiano i prodotti equosolidali e la certificazione

Stampa

Alcuni prodotti del marchio Fairtrade

"I consumatori si aspettano da parte delle aziende più attenzione ed eticità nella gestione del rapporto con i produttori dei paesi in via di sviluppo". Lo rivela una ricerca internazionale commissionata dalla Fairtrade Labelling Organizations International (Flo). Secondo la ricerca condotta da GlobeScan su un campione di 14.500 persone in 15 paesi, tra cui l’Italia, "almeno tre quarti dei consumatori intervistati crede che le aziende non facciano abbastanza, ma che dovrebbero aiutare concretamente le comunità e favorire lo sviluppo nei paesi poveri".

"I consumatori - spiega Fairtrade - stanno chiedendo un nuovo modello di commercio in cui la giustizia e l'equità diventino parte integrante degli scambi". I "consumatori etici attivi" (ovvero, coloro che oltre ad acquistare prodotti socialmente responsabili ne diventano promotori) sono più della metà del panel della ricerca. Questi consumatori hanno un'aspettativa molto alta rispetto alle responsabilità sociali, economiche e ambientali delle aziende. E la fascia dei "consumatori attivi" è più alta in Italia, rispetto agli altri paesi - sottolinea Fairtade Italia.

La metà del pubblico, nei 15 paesi rilevati, ha molta familiarità con il marchio di certificazione Fairtrade. Di queste persone, nove su dieci hanno fiducia nel marchio, il 64% crede che Fairtrade possieda standard severi, una caratteristica che è strettamente correlata alla fiducia del consumatore. Almeno tre quarti dei consumatori crede che una certificazione indipendente sia il modo migliore per verificare le dichiarazioni di eticità di un prodotto. "E l'Italia è al primo posto tra i paesi che ritengono la certificazione indipendente come imprescindibile per attestare la responsabilità di impresa" - riporta Faitrade Italia.

Questo livello di credibilità e di fiducia è coerente con le scelte di acquisto, come mostrano i risultati di vendita dei prodotti Fairtrade: più 75% in Svezia, più 45% in Inghilterra, più 24% in Austria. In Italia l'incremento nel 2008 è stato del 20% e le vendite sono stimate in 43,5 milioni di euro nel 2008 contro i 39 milioni del 2007. "I prodotti equo-solidali venduti nel nostro paese sono quelli composti (snacks, biscotti, ma anche semifreddi), uniti alla frutta fresca, l'ananas in particolare" - spiega Faitrade Italia. Nel 2008 nuove insegne hanno scelto la certificazione Fairtrade per le loro private label: Dico (nella seconda metà dell'anno) mentre si annuncia l'ingresso di Conad e Despar nel 2009.

Cresce anche la percentuale di prodotto bio sul totale: circa metà delle referenze Fairtrade hanno anche la certificazione bio, a conferma di un'associazione spontanea tra responsabilità sociale e ambientale. "E' molto incoraggiante vedere come l'impegno verso il Fairtrade sia molto forte in questo periodo di crisi, ha detto Rob Cameron, direttore di FLO che controlla il marchio di certificazione Fairtrade. I produttori hanno bisogno del Fairtrade ora più che mai. Devastati dalla crisi globale del cibo, ora diventano due volte più sfortunati a causa della recessione globale. Molti brand internazionali vedono inoltre in Fairtrade un investimento importante per il loro futuro. Tra questi Starbucks, Ben & Jerry's e Cadbury".

Dalla ricerca emerge anche il punto di forza che ha contribuito al successo di Fairtrade. Accanto alle attività promozionali convenzionali, la sua distintiva efficacia di marketing viene dalla sua fedeltà, dall'affidabilità e dal supporto globale delle persone. Il 32%della gente ha conosciuto il Fairtrade tramite la famiglia, gli amici e i colleghi di lavoro, mentre il 16% ne ha sentito parlare attraverso la scuola, la comunità e i gruppi religiosi. Le trasmissioni televisive e i nuovi media contano per il 33% rispetto alla conoscenza del Fairtrade. Le persone vengono informate sull'uscita di nuovi prodotti e iniziative tramite i loro gruppi sociali di appartenenza e i loro contatti: è questa la chiave di espansione del Fairtrade.

"C'è ancora molto da fare perché i prodotti certificati Fairtrade diventino sempre più visibili. Il nostro impegno sarà rivolto a rafforzare ancora di più il rapporto con i distributori in Italia e ad esplorare nuovi canali (la distribuzione automatica, le mense) e nuove referenze" - ha affermato Paolo Pastore, direttore di Fairtrade Italia. Tutto da sviluppare in Italia ancora il cotone certificato Fairtrade, che per ora conta solo su sei aziende italiane licenziatarie e grandi potenzialità su un altro filone, come quello della cosmesi e della detergenza che attualmente coinvolge un'unica azienda licenziataria. Fairtade Italia è il marchio di certificazione dei prodotti equosolidali. E' un consorzio cooperativo costituito da 25 soci attivi nella cooperazione, nel biologico, nell'associazionismo sociale e ambientale. [GB]

Per saperne di più: la Guida di Unimondo al "Commercio Equo e Solidale"

Ultime su questo tema

Ines e il talismano di Collecchio

21 Giugno 2014
Si è aperto ieri il 14 esimo incontro nazionale dell’economia solidale, un comparto che ha sempre più importanza per la complessiva tenuta della società italiana. Oggi occorre puntare sul fare rete...

La decrescita? Una festa

14 Maggio 2013
Quando tutti, da destra a sinistra, invocano la fine dell’austerità, la crescita dei consumi e il rilancio del PIL, parlare di decrescita è inattuale. Ma c’è chi insiste a farlo, come il Movimento...

Quanto i nostri acquisti danneggiano l'ambiente

11 Gennaio 2013
Il virtuosismo degli acquisti a chilometro zero e a basso impatto ambientale possono trasformarsi in una sana competizione virtuosa? Per i fondatori del progetto Oroeco sembra di sì e per questo mo...

La risposta alla crisi? Cooperazione!

11 Dicembre 2012
La cooperazione italiana regge l’urto della crisi economica. Anzi: produce lavoro, offre idee, innerva il tessuto sociale del paese. Nel 2012 si stabilizza la quota 80 mila: è il numero delle coop,...

I produttori di commercio equo ricevono la giusta mercede. Punto

08 Marzo 2012
Si parla molto di commercio equo e solidale. Se ne parla a proposito di “incursioni” da parte delle grandi multinazionali, se ne parla per invocare una più equa distribuzione della ricchezza o come...

Video

Gruppi di acquisto solidale