Finanza e armi

La scheda

Le attività finanziarie connesse alla produzione e al trasferimento di armamenti vengono distinte in attività lecite - definite "commercio di armi", attività chiaramente illegali - definite "traffici" e, infine, in attività illecite facenti parte di una "zona grigia". Ma, al di là di questa ripartizione che risponde al criterio di legalità, negli anni recenti le campagne promosse dalla società civile hanno diretto l’attenzione anche ad un criterio di "responsabilità" sociale ed etica che deve essere assunto da tutte le istituzioni finanziare in un contesto mondiale in cui, mancando un trattato internazionale, il commercio di armamenti convenzionali e di armi leggere è diventato un fattore che più che garantire la sicurezza costituisce spesso una minaccia alla pace e alla stabilità e contribuisce al perdurare di conflitti.

Leggi tutta la scheda »

Notizie sulle campagne

Un'altra difesa è possibile

03 Novembre 2016
Si terranno a Trento il 4 e 5 novembre gli Stati generali della Difesa civile non armata e nonviolenta. (Mao Valpiana  e Massimiliano Pilati)

Le aziende europee di armamenti traggono profitti dalla crisi dei rifugiati

05 Luglio 2016
Le principali aziende europee di armamenti coinvolte nella vendita di sistemi militari al Medio Oriente sono le stesse aziende che stanno traendo profitti dalla crescente militarizzazione delle fro...

Game of Drones: l’agenda migrazioni dell’UE finanzia le lobby della sicurezza

21 Maggio 2015
L’Agenda per le Migrazioni dell’Unione Europea nasconde finanziamenti milionari per le grandi imprese della sicurezza civile e militare. (Giacomo Zandonini)

Fermiamo gli investimenti esplosivi

06 Marzo 2015
Il 1 marzo, nella giornata in cui si celebrava il XV anniversario dell’entrata in vigore della Convenzione Internazionale sulla Messa al Bando delle mine antipersona la Campagna Italiana ha lanciat...

Sbilanciamoci 2015: se la rinascita economica passa anche per la pace

02 Dicembre 2014
“L’austerità è il problema, non la soluzione” dicono gli autori del Rapporto Sbilanciamoci! 2015. Per uscire da questa lunghissima crisi basterebbe agire nell'interesse dei cittadini. (Anna Toro...

Rete Disarmo: “Perché il Parlamento non controlla l’export di armi?”

30 Ottobre 2014
Rete Disarmo chiede al Parlamento di esaminare l’export di sistemi militari e denuncia le ingiustificate modifiche alla Relazione governativa...

Rete Disarmo: l’Italia non invii armi in Iraq e nelle zone di conflitto

14 Agosto 2014
I conflitti e le crisi umanitarie non si risolvono inviando armi, ma sospendendo le forniture di sistemi militari a tutte le parti 

Spesa militare: nessun diritto di veto, ma dovere di voto del Parlamento

18 Marzo 2014
Secondo la nostra Costituzione nessuno ha “diritto di veto”, ma il Parlamento ha il “dovere di voto”. Lo ribadisce Rete Disarmo in vista del Consiglio Supremo di Difesa convocato per domani. Tra i...

Reti UE: Troppe armi europee in Medio Oriente, alimentano tensioni e regimi

31 Gennaio 2014
Una forte critica alle politiche dell’export di armamenti attuate dai paesi dell’Unione Europea e anche dall’Italia. La esprime...

Al voto in Trentino con un occhio al mondo

24 Ottobre 2013
Domenica 27 ottobre si vota per le elezioni regionali in Trentino Alto Adige/ Sudtirol. Si tratta di un voto locale che può anche non interessare. Tuttavia il Trentino resta un esempio importante p...

Video

Ace Bank: che banca! (1)