I progressi nei negoziati per la messa al bando delle armi nucleari

Stampa

La scorsa settimana a New York sono terminati i negoziati su un trattato che metta al bando le armi nucleari. Questa prima sessione ha messo in luce il fatto che più di 132 paesi partecipanti condividono una visione del mondo senza armi nucleari. Mentre ci si aspettava qualche tipo di disaccordo, si è trovato un largo consenso tra molti paesi sulla maggior parte degli elementi del trattato proposto.

Il fatto più rilevante è che c’è stato un focus sui costi umanitari delle armi nucleari e sul fatto inaccettabile che esistano armi disegnate per uccidere indiscriminatamente dei civili. Il direttore esecutivo di ICAN Beatrice Fihn ha dichiarato “Abbiamo fatto enormi progressi durante questa settimana per colmare la lacuna nelle leggi internazionali e mettere al bando le armi nucleari. Nessuno è stato distratto dall’opposizione. Non vediamo l’ora di esaminare minuziosamente il testo della bozza. Le armi nucleari sono destinate a uccidere milioni di civili. La società civile lo ritiene inaccettabile. E’ arrivato il momento di trattare le armi nucleari come quelle chimiche e biologiche, come relitti che lasciamo indietro nella nostra evoluzione. Mettere al bando queste armi tramite leggi internazionali è il primo logico passo per eliminarle del tutto “.

Col supporto di più di 120 paesi, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato il negoziato per un trattato che bandisse le armi nucleari nell’ottobre del 2016. La prima sessione aveva lo scopo di mettere insieme tutti i contributi dei paesi partecipanti. Il Presidente della Conferenza stilerà una bozza nelle prossime settimane e i negoziati finali su quel testo si svolgeranno da metà giugno sino al 7 luglio. “Ogni paese è coinvolto nelle armi nucleari, non soltanto quelli che le posseggono. L’impatto di una guerra o di un’esplosione accidentale non conosce confini politici. Queste armi minacciano la sicurezza di ognuno di noi” ha dichiarato la Fihn. Le discussioni si sono focalizzate su tre temi: finalità, obiettivi e preambolo del trattato; i dettagli di quali azioni saranno incluse nel divieto, come il possesso, lo sviluppo, i test e l’uso di armi nucleari e l’assistenza ad altri paesi, così come quali azioni saranno richieste dalle parti; azioni legali come adesione all’accordo, conferenze periodiche di revisione e domande sull’adesione dei paesi detentori di armi nucleari.

Si prevede che l’accordo vincolerà le parti sull’uso, il possesso e lo sviluppo delle armi nucleari e sull’assistenza di altri in queste attività, lavorando di concerto con il regime esistente di non proliferazione e sugli accordi sul disarmo, allo scopo di accelerare la strada verso un mondo senza armi nucleari. “La messa al bando di queste armi dovrebbe essere il primo passo per eliminarle. L’accordo che ci aspettiamo da questa settimana di lavori avrà un impatto sia sul comportamento dei paesi che lo sottoscrivono, sia sui paesi che posseggono queste armi. Così come per le armi chimiche, le mine  e le bombe a grappolo, lo sviluppo di nuove regole internazionali cambierà il comportamento di ogni stato. E’ ora di porre fine all’era nucleare” ha dichiarato la Fihn.

Da Pressenza.com

Ultime su questo tema

Le armi nucleari non significano l’elevazione di un paese alla grandezza

13 Dicembre 2017
Domenica 10 dicembre 2017, ICAN ha ricevuto il Premio Nobel per la pace per il suo lavoro, volto a garantire un trattato sul divieto delle armi nucleari. Setsuko Thurlow, sopravvissuta il 6 agosto...

È questo il nostro Natale di pace?

11 Dicembre 2017
Sono indignato davanti a quest’Italia che si sta sempre più militarizzando. Lo vedo proprio a partire dal Sud, il territorio economicamente più disastrato d’Europa, eppure sempre più militariz...

Il problema nucleare

29 Novembre 2017
Una diversa politica energetica per l’Europa è una necessità assoluta, specialmente dopo gli accordi di Parigi sul clima. Attraverso la lente dell’energia come bene comune si potrebbero t...

Nobel per la Pace, anche l’Italia nel premio alla campagna contro le armi nucleari

09 Ottobre 2017
Il 7 luglio il coordinatore Francesco Vignarca era all'Onu, dove l'organizzazione ha ottenuto "un risultato storico, la stipula di un Trattato internazionale per l’abolizione. Ora deve essere...

Nord Corea: intrighi ma anche mediazioni

06 Ottobre 2017
Dietro gli allarmi mediatici, spesso inutili o controproducenti,  la crisi coreana deve essere seguita e commentata per quella che è, in termini realistici. Piaccia o no Pyonhyang è, e va...

Video

Wolfang Sachs: "Il nucleare? Un ritorno al passato"