La Banca Mondiale si sfila da INGA 3 in Congo

Stampa

Foto: Recommon.org

Un passo indietro “pesante”. Così possiamo definire la rinuncia della Banca mondiale a finanziare il mega progetto idroelettrico di Inga 3, nella Repubblica Democratica del Congo. Due anni fa, l’istituzione con sede a Washington aveva staccato un assegno di 71 milioni di dollari per i lavori preparatori relativi alla realizzazione dell’opera, essenzialmente studi sugli impatti socio-ambientali e sulla fattibilità tecnica.

In tutto questo tempo gli studi non sono nemmeno iniziati, a causa di pesanti irregolarità nelle procedure di aggiudicazione degli appalti. Quando, lo scorso maggio, il Project Director di Inga 3 ha proposto di procedere con la costruzione anche senza le già citate valutazioni, la World Bank ha compreso che così era difficile rimanere nel progetto, comunicando a fine luglio la sua decisione negativa in merito alla questione.

Intanto, una coalizione di 12 Ong congolesi aveva scritto ai vertici dell’istituzione, invitandola a dare priorità ai bisogni delle comunità e così facendo destinare almeno il 50 per cento della produzione di Inga 3 alla cittadinanza locale o prendendo in considerazione altri ipotesi, più sostenibili sia ambientalmente che economicamente. Secondo Danny Singoma, direttore esecutivo dell’organizzazione CENADEP, pensare che i benefici ai congolesi arrivino dai ricavi dell’esportazione dell’energia è del tutto utopico, perché già in passato tale assunto si è sempre rivelato sbagliato.

In attesa di sviluppi, ci si chiede chi metterà i 14 miliardi di dollari necessari per portare a termine Inga 3. L’African Development Bank, la Banca Europea per gli Investimenti e il governo francese hanno da tempo espresso un interesse, ma visto il peso specifico a livello politico che da sempre ha la Banca mondiale nel supportare le grandi dighe, non sono escluse sorprese e ulteriori ripensamenti.

Da Recommon.org

Ultime su questo tema

Colmare il vuoto di Trump: La leadership degli Stati americani

18 Novembre 2017
Nonostante Trump, gli Stati Uniti sono determinati a raggiungere gli obiettivi fissati dall’Accordo di Parigi. (Irene Da Rin Betta e Madalena Lima)

Una giusta transizione per salvare i lavoratori dei combustibili fossili

16 Novembre 2017
Il cambiamento climatico non colpisce solamente l’ambiente, ma ha anche un effetto diretto e indiretto sugli esseri umani. Gli effetti possono ripercuotersi sulla salute, sull’alloggio&nb...

La giustizia climatica deve essere un impegno comune per l’Europa

02 Novembre 2017
Il 6 novembre a Bonn inizia la 23esima Conferenza delle parti dell’United Nations framework convention on climate change e il 12 dicembre a Parigi si terrà il Sommet de Paris sur le climat, du...

È la fine del carbone?

23 Ottobre 2017
Dalla Cina ad Assisi è iniziato il disinvestimento nelle fonti fossili... (Alessandro Graziadei)

Il Comune di Assisi aderisce a #DivestItaly

08 Ottobre 2017
Il Comune di Assisi diventa il primo ente locale in Italia ad esprimere l’intenzione di disinvestire dalle fonti fossili e reinvestire in energie rinnovabili.

Video

Legambiente: Rapporto Comuni Rinnovabili 2009