Marocco, vietata “importazione, esportazione, produzione e uso di sacchetti in plastica”

Stampa

Il 1 luglio in Marocco è entrata in vigore della legge 77-15, sarà vietata l'importazione, l'esportazione, la produzione e l'uso di sacchetti di plastica monouso e, per chi non rispetterà la nuova norma, sono previste pesanti sanzioni. 

È notizia di qualche giorno fa che il Ministero dell'Interno marocchino si sta dando un gran da fare per trasmettere e far recapitare tempestivamente ai wali (l'equivalente dei nostri presidenti di regione, nominati direttamente da re Mohammed VI), a tutte le prefetture (aree urbane) e alle provincie (aree rurali) il testo della nova legge e un messaggio che gli invita ad attivarsi concretamente per far rispettare il divieto. Sulla scia del messaggio del ministro, i leader locali di tutto il Marocco hanno iniziato ad organizzare campagne d'informazione sui sacchetti di plastica. Già all'inizio di questa settimana, i wali di Taounate e Berkane hanno convocato delle le riunioni per discutere nel dettaglio i temi della nuova legge e i processi di raccolta e distruzione dei sacchetti.

Berkane, una città vicino a Oujda per esempio, il leader locale Abdullah Hawdi il 6 giugno ha organizzato una “passeggiata” con attori pubblici e privati per individuare dove e come vengono distribuiti i sacchetti di plastica, sensibilizzando i cittadini all'uso delle borse riutilizzabili (quelle in tela per esempio) e informandoli sui danni ambientali che produce il sacchetto monouso in plastica. Per poi concludere la passeggiata all'interno di un cementificio di Oujda, per toccarecon mano il processo di distruzione dei sacchetti.

Danni ambientali che da anni i marocchini hanno imparato a conoscere bene, infatti secondo alcune statistiche il Marocco è il secondo consumatore mondiale di sacchetti in plastica dopo la Cina, infatti l'ultima stima parla di un consumo di circa 780 sacchetti l'anno per ogni marocchino, pari ad un consumo di 26 miliardi di sacchetti nel solo 2015. Mentre secondo l'Earth Policy Institute la media pro capite mondiale è di circa 140 sacchetti in plastica consumati in una anno.

Il Marocco sembra aver preso davvero sul serio i suoi impegni verso l'ambiente, e vuole farsi trovare pronto per l'appuntamento della Cop22 che si terrà a Marrakech dal 7 al 18 novembre 2016. Un appuntamento molto importante perché, durante la Marrakech Climate Change Conference, si vedrà quali Paesi abbiano davvero fatto progressi sugli accordi presi a Parigi lo scorso anno durante la Cop21. 

Luigi Vendola da Ecodallecitta.it

Ultime su questo tema

La Patagonia cilena tra parchi naturali, popoli indigeni e allevamenti...

17 Febbraio 2018
A fine gennaio l’uscente presidenta del Chile, Michelle Bachelet, ha firmato i decreti che creano ufficialmente la Red de Parques Nacionales de la Patagonia. (Michela Giovannini)

L’Unione Europea approva il rinnovo dell’autorizzazione al glifosato

01 Dicembre 2017
L’ambiente e l’Europa perdono un’occasione storica. Dopo il mancato accordo del 9 novembre, gli Stati Membri dell’Unione Europea hanno votato oggi a favore del rinnovo della licenza del glifosato p...

L’Italia contaminata

10 Ottobre 2017
I siti contaminati in Italia sono oltre 20mila, 40 dei quali dichiarati “Siti d’interesse nazionale”. Peccato non si veda “l’interesse nazionale” per le bonifiche. (Alessandro Graziadei)

Il Comune di Assisi aderisce a #DivestItaly

08 Ottobre 2017
Il Comune di Assisi diventa il primo ente locale in Italia ad esprimere l’intenzione di disinvestire dalle fonti fossili e reinvestire in energie rinnovabili.

I numeri del cancro e quelli dell’inquinamento

06 Ottobre 2017
I numeri del cancro in Italia hanno legami importanti con quelli dell’inquinamento ambientale. (Alessandro Graziadei)

Video

La7 Malpelo: L'Ilva di Taranto (1/7)